Gli archeologi hanno scoperto la struttura arborea più antica del mondo

Il professor Larry Parham (nella foto a destra) rivela la struttura degli alberi sulla riva del fiume con una spruzzata fine. Crediti: Professor Jeff Tuller, Università di Aberystwyth

Studi condotti dall’Università di Liverpool e dall’Università di Aberystwyth mostrano che gli esseri umani costruivano strutture in legno alle cascate Kalambo in Zambia 476.000 anni fa. La scoperta, datata utilizzando tecniche avanzate, evidenzia la capacità dell’uomo primitivo di stabilirsi e sfida le idee precedenti sugli stili di vita paleolitici.

Secondo una nuova ricerca condotta da un team dell’Università di Liverpool e dell’Università di Aberystwyth, gli esseri umani costruivano strutture in legno più di mezzo milione di anni fa di quanto si pensasse in precedenza.

La ricerca, pubblicata sulla rivista natura, I resoconti sullo scavo di un albero ben conservato nel sito archeologico di Kalambo Falls, in Zambia, risalgono ad almeno 476.000 anni fa e sono antecedenti alla nostra stessa evoluzione. specie, Un uomo saggio.

Un team per la scoperta della struttura ad albero

La squadra di scavo ha scoperto la struttura in legno. Crediti: Professor Larry Parham, Università di Liverpool

L’analisi esperta dei segni di taglio degli utensili in pietra sul legno suggerisce che questi primi esseri umani modellarono e unirono due grandi tronchi per creare una struttura, probabilmente le fondamenta di un sito o parte di un’abitazione.

Questa è la prima prova al mondo di documenti deliberatamente modellati per adattarsi insieme. Fino ad ora, l’unica prova dell’uso del legno da parte dell’uomo è il suo utilizzo per accendere fuoco, bastoni e per scavare lance.

Un pezzo di legno a forma di cuneo

Un pezzo di legno a forma di cuneo. Crediti: Professor Larry Parham, Università di Liverpool

Conservazione e cascate Kalambo

L’albero si vede raramente nei siti antichi perché di solito marcisce e scompare, ma il livello dell’acqua permanentemente alto alle cascate Kalambo ha preservato l’albero.

La scoperta mette in discussione l’opinione prevalente secondo cui gli esseri umani del Neolitico erano nomadi. A Kalambo Falls, non solo questi uomini avevano una fonte d’acqua inesauribile, ma le foreste intorno a loro fornivano cibo sufficiente per insediarsi e costruire strutture.

Identificazione della struttura ad albero

La squadra di scavo ha scoperto la struttura in legno. Crediti: Professor Larry Parham, Università di Liverpool

Il professor Larry Parham, del Dipartimento di archeologia, studi classici ed egittologia dell’Università di Liverpool, guida il progetto di ricerca “Le radici profonde dell’umanità”:

“Questa scoperta ha cambiato il modo in cui penso ai nostri primi antenati. Dimentica l’etichetta ‘età della pietra’, guarda cosa stavano facendo questi ragazzi: creare qualcosa di nuovo e più grande dal legno. Usavano la loro intelligenza, immaginazione e abilità per creare qualcosa che non avevano mai visto prima, che non era mai esistito prima

“Hanno cambiato il loro ambiente per rendere la vita più facile, costruendo anche una piattaforma dove potevano sedersi in riva al fiume per svolgere il loro lavoro quotidiano. Queste persone erano più simili a noi di quanto pensassimo.

Struttura ad albero dell'età della pietra

La struttura dell’albero mostra dove gli uomini del Neolitico tagliavano il legno. Crediti: Professor Larry Parham, Università di Liverpool

Datazione delle invenzioni

La datazione specialistica dei reperti è stata effettuata da esperti dell’Università di Aberystwyth.

Hanno utilizzato nuove tecniche di datazione mediante fluorescenza, che rivelano l’ultima volta che i minerali nella sabbia attorno alla scoperta sono stati esposti alla luce solare, per determinarne l’età.

Il professor Geoff Tuller dell’Università di Aberystwyth ha detto:

“La datazione dei reperti a questa età è molto impegnativa e per farlo abbiamo utilizzato la datazione tramite luminescenza. Questi nuovi metodi di datazione hanno implicazioni di vasta portata, consentendoci di risalire molto più indietro nel tempo e di riunire siti che forniscono uno sguardo sull’evoluzione umana Il sito di Kalambo Falls è stato scavato negli anni ’60, sono stati recuperati pezzi di legno simili, ma non è stato possibile datarli, quindi il vero significato del sito è rimasto poco chiaro fino ad ora.

Cascate di Kalambo, Zambia

L’albero è stato scoperto a Kalambo Falls, nello Zambia. Crediti: Professor Geoff Tuller, Università di Aberystwyth

Significato archeologico delle cascate Kalambo

Il sito delle cascate Kalambo sul fiume Kalambo è una cascata di 235 metri (772 piedi) sul bordo del lago Tanganica, al confine dello Zambia con la regione di Rukwa in Tanzania. L’area è sulla lista “provvisoria” per diventare patrimonio mondiale dell’UNESCO per la sua importanza archeologica.

Il professor Taller ha aggiunto:

“La nostra ricerca dimostra che il sito è molto più antico di quanto si pensasse in precedenza, quindi il suo significato archeologico è ora ancora maggiore. Ciò aggiunge ulteriore forza alla tesi secondo cui dovrebbe essere un sito del patrimonio mondiale delle Nazioni Unite.

La ricerca fa parte del progetto pionieristico “Deep Roots of Humanity”, uno studio su come la tecnologia umana si è sviluppata durante l’età della pietra. Il progetto è stato finanziato dall’Arts and Humanities Research Council del Regno Unito e ha coinvolto team della National Heritage Conservation Authority dello Zambia, del Livingstone Museum, del Moto Moto Museum e del National Museum di Lusaka.

Il professor Parham ha aggiunto:

“Kalambo Falls è un sito straordinario e un patrimonio fondamentale dello Zambia. Il team di Deep Roots attende con impazienza le entusiasmanti scoperte che emergono dalle sue sabbie sommerse.

Riferimento: “Prove di un primo utilizzo strutturale del legno almeno 476.000 anni fa” L. Barham, GAT Duller, I. Candy, C. Scott, CR Cartwright, JR Peterson, C. Kabukcu, MS Chapot, F. Melia, V. Rots, N. George, N. Taipale, P. Gethin e P. Nkombwe, 20 settembre 2023, Natura.
DOI: 10.1038/s41586-023-06557-9

READ  SpaceX pulisce il decollo del Falcon 9 dopo un arresto automatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *