Gli amministratori delegati arriveranno in ritardo in una maratona di trattative con la WGA

Quattro amministratori delegati di Hollywood sono tornati al tavolo delle trattative giovedì per una seconda giornata di colloqui con la Writers Guild of America mentre l’industria attendeva segnali di progresso verso un accordo che metterebbe fine a uno sciopero di 143 giorni.

Dopo le 18, gli amministratori delegati erano nella stanza di Sherman Oaks mentre la maratona di contrattazioni continuava.

Tra gli amministratori delegati che hanno partecipato alla sessione c’erano anche Bob Iger della Disney, David Zaslau della Warner Bros. Discovery, Donna Langley della NBCUniversal e Ted Sarandos di Netflix.

Sebbene permangano problemi significativi, le due parti stanno facendo progressi in diversi settori, dicono le fonti. Non è chiaro se gli amministratori delegati riusciranno a riprendere venerdì la terza giornata di negoziati, anche se le fonti insistono sul fatto che le parti intendono sfruttare lo slancio e si impegnano a garantire un accordo.

Hanno detto che gli studi avevano fatto delle mosse in diverse aree che credevano sarebbero state sufficienti per rompere l’impasse. Ma non è chiaro se i leader della WGA prenderanno in considerazione le ultime proposte e i cambiamenti dell’AMPTP in modo tale da soddisfare le richieste degli scrittori.

Si dice che l’Alleanza dei produttori cinematografici e televisivi abbia offerto residui basati sul successo, che assumono la forma di bonus per gli spettacoli in streaming che raggiungono determinate soglie di pubblico.

La WGA ha proposto un residuo basato sul pubblico che aumenta di un importo prestabilito per ogni 2,5 milioni di visualizzazioni, dove viene conteggiata una “visualizzazione” quando almeno la metà dello spettacolo viene guardata in un dato momento.

READ  In che modo la vittoria di Washington nel Pac-12 influisce sui playoff del College Football

La WGA ha richiesto una dimensione minima dello staff per ogni programma televisivo, che aumenta con il numero di episodi in una stagione. L’AMPTP si è opposta a lasciare le decisioni sul personale agli showrunner, piuttosto che essere determinate da una formula “taglia unica”. Si credeva che l’alleanza degli studios ricoprisse quella posizione pubblica, anche se potrebbe aver fatto alcune mosse sulla sua offerta.

Entrambe le parti hanno trascorso parte della sessione di mercoledì discutendo di intelligenza artificiale. AMPTP aveva precedentemente affermato che le pagine erano vicine a un accordo che avrebbe consentito agli scrittori di utilizzare l’intelligenza artificiale senza influire sulla loro retribuzione o credito. Il principale punto critico era la richiesta della WGA di non consentire ai sistemi di intelligenza artificiale di addestrarsi sugli script degli scrittori.

Se gli studi cinematografici riuscissero ad affrontare questo problema con gli scrittori, ciò potrebbe aiutare ad affrontare la stessa preoccupazione con SAG-AFTRA. SAG-AFTRA nutre preoccupazioni ancora più profonde sull’uso dell’intelligenza artificiale per imitare le sembianze degli attori e ha sollevato preoccupazioni sulla formazione dell’intelligenza artificiale.

La mossa ha creato notevoli speranze che un accordo venga raggiunto, con alcuni che prevedono che un accordo provvisorio potrebbe addirittura essere raggiunto già giovedì. Ma la WGA ha gettato acqua fredda sulla situazione, con alcuni leader che hanno commentato su Twitter che le voci avevano lo scopo di aumentare la fiducia e che la WGA sarebbe ingiusta rifiutare l’ultima offerta.

Lo sciopero della WGA è iniziato il 2 maggio. La SAG-AFTRA è in sciopero dal 14 luglio.

Jennifer Moss e Cynthia Littleton hanno contribuito a questa storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *