Gli americani sono stati liberati dall’Iran con uno scambio di prigionieri da 6 miliardi di dollari

  • Di Lyse Doucet
  • Capo corrispondente internazionale
didascalia dell’immagine,

Emad Sharqi (2° L), Siamak Namasi (2° R) e Morad Tahbas (R) sono atterrati in Qatar, dove cambieranno aereo.

Cinque americani che sono stati imprigionati in Iran per anni e sono ampiamente considerati ostaggi stanno tornando a casa negli Stati Uniti.

Gli ultimi pezzi di un controverso trasferimento mediato dal Qatar sono stati messi in atto quando 6 miliardi di dollari (4,8 miliardi di sterline) di fondi iraniani hanno raggiunto le banche a Doha in Corea del Sud.

L’incidente ha spinto quattro uomini e una donna americani a Teheran, cittadini iraniani, a prendere un volo charter per la capitale del Qatar.

Verranno accolti da alti funzionari statunitensi e poi portati a Washington.

Tra gli americani figurano l’uomo d’affari di 51 anni Siamak Namazi, che ha trascorso quasi otto anni nella famigerata prigione di Evin a Teheran, così come l’uomo d’affari Emad Sharqi, 59 anni, e l’ambientalista Morad Tahbas, 67 anni, cittadino britannico.

Gli Stati Uniti hanno affermato che i loro cittadini sono stati incarcerati con accuse infondate a scopo di lucro politico.

Al primo segnale che un accordo era stato raggiunto, a metà agosto furono trasferiti da Evin in un rifugio a Teheran.

Nell’ambito del trasferimento, viene concessa la clemenza a cinque iraniani che sono stati detenuti nelle carceri statunitensi, principalmente con l’accusa di aver violato le sanzioni statunitensi. Non tutti dovrebbero tornare in Iran.

Sono stati nominati dall’Iran come Reza Sarhangpour, Kambis Ater Kashani, Kaveh Lotfola Afrasiabi, Mehrdat Moin Ansari e Amin Hassanzadeh.

“Oggi, cinque americani innocenti imprigionati in Iran finalmente tornano a casa”, ha detto il presidente americano Joe Biden dopo l’atterraggio del loro aereo a Doha.

Ha detto che i cinque hanno sopportato “anni di agonia, incertezza e sofferenza”.

Biden ha anche annunciato nuove sanzioni statunitensi per la presunta detenzione illegale dell’ex presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad e del ministero dell’intelligence iraniano.

Siamak Namasi ha dichiarato in un comunicato: “Non sarei libero oggi se non fosse per tutti voi che non avete mai lasciato che il mondo mi dimenticasse.

“Dal profondo del mio cuore, grazie. Grazie per essere la mia voce quando non potevo parlare da solo e per esserti assicurato di essere ascoltato quando ho raccolto la forza per urlare da dietro le mura impenetrabili della prigione di Evin.”

Ha elogiato il presidente Biden per “aver preso alcune decisioni incredibilmente difficili per salvarci” e per “aver, in definitiva, messo la vita dei cittadini americani al di sopra della politica”.

fonte dell’immagine, Qualsiasi Fede/Liberare i Namazi/NedaSharghi

didascalia dell’immagine,

Gli Stati Uniti hanno affermato che Siamak Namasi, Morad Tahbas e Emad Sharqi sono stati imprigionati con accuse infondate.

L’accordo arriva dopo mesi di trattative clandestine mediate dal Qatar, iniziate nel febbraio dello scorso anno.

A Doha si sono svolti almeno nove cicli di discussioni, ha detto una fonte. Anche alti funzionari del Qatar sono di stanza tra Teheran e Washington.

“Penso che ci sia una piccola vittoria per entrambe le parti”, ha detto alla BBC il professor Mehran Kamrava, nato in Iran, che ora insegna alla Georgetown University in Qatar.

“Per Biden, andando alle elezioni, sta riportando a casa gli americani. Per l’Iran, c’è il rilascio degli iraniani in prigione negli Stati Uniti, ma si tratta di sei miliardi. [dollars] Questa è una grande vittoria.”

I funzionari iraniani hanno ripetutamente annunciato che spenderanno i loro soldi come riterranno opportuno. Ma le fonti coinvolte nel processo insistono sul fatto che questi fondi saranno strettamente controllati.

Hanno insistito affinché nessun fondo fluisse in Iran. “Solo le transazioni umanitarie, inclusi cibo, medicine e agricoltura, saranno offerte a fornitori terzi, transazione per transazione.”

Fonti hanno detto alla BBC che il denaro non era tra i beni iraniani congelati dalle sanzioni. Il denaro in Corea del Sud è stato a disposizione di Teheran per aiuti bilaterali e non sanzionati, entrate derivanti dalla vendita di petrolio iraniano, ma non è stato speso per vari motivi, comprese le difficoltà di cambio valuta.

I principali repubblicani statunitensi hanno denunciato l’accordo come un riscatto e un alleggerimento delle sanzioni. Michael McCaul, il presidente repubblicano della commissione per gli affari esteri della Camera, ha criticato il governo degli Stati Uniti per aver dirottato fondi al “principale stato sponsor del terrorismo a livello mondiale”.

Chi sono i prigionieri di guerra americani?

  • Moreth Dahbas: È stato arrestato nel 2018 insieme a otto guardie del corpo iraniane. Hanno usato telecamere per rintracciare i leopardi asiatici selvatici in grave pericolo di estinzione, ma sono stati accusati di spionaggio. Ha negato le accuse ma è stato condannato a 10 anni di prigione
  • Preghiera siamese: Il dirigente petrolifero con sede a Dubai è stato arrestato nel 2015. Il suo anziano padre, Bakr, è stato arrestato l’anno successivo dopo che le autorità iraniane gli avevano permesso di visitare suo figlio. Entrambi sono stati condannati a 10 anni di carcere per “collaborazione con un nemico straniero”, cosa che hanno negato. L’Iran ha permesso a Bakr di viaggiare per cure mediche nel 2022
  • Madri Sharkey: Arrestato nel 2018 mentre lavorava per un fondo di venture capital iraniano. È stato rilasciato su cauzione e in seguito ha dichiarato di essere stato assolto dalle accuse di spionaggio. Nel 2020 sarebbe stato condannato a 10 anni di carcere in contumacia da un tribunale. Rilasciato in attesa di appello, secondo quanto riferito è stato detenuto nel 2021 mentre cercava di attraversare illegalmente il confine occidentale dell’Iran.
  • Gli altri due desiderano restare anonimi

L’enorme sollievo per il fatto che alcuni prigionieri stiano finalmente tornando a casa è mitigato dalla consapevolezza che molti altri potrebbero essere catturati in futuro. Ci sono ancora persone con doppia cittadinanza in carcere a Teheran.

“Il governo iraniano è diventato un governo che prende ostaggi”, ha affermato Sanam Vakiel, direttore del programma Medio Oriente e Nord Africa presso Chatham House, un think tank con sede a Londra. “Usano le persone come pedine e questo fa parte della loro influenza contro l’Occidente.”

Il Qatar spera che questa rara cooperazione possa contribuire a stimolare il progresso in altri conflitti di lunga durata. Ciò include l’accordo sul nucleare del 2015, che molti consideravano morto quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump decise di ritirarsi cinque anni fa.

didascalia dell’immagine,

Quattro dei cinque americani sono stati trasferiti dal carcere Evin di Teheran agli arresti domiciliari in agosto

Ha affermato che l’Iran continuerà la sua rivalità strategica con gli Stati Uniti finché il leader supremo, l’Ayatollah Ali Khamenei, rimarrà al potere.

Il presidente Biden è stato a lungo sollecitato a riportare a casa gli americani.

All’inizio di quest’anno, Siamak Namasi gli aveva scritto da una prigione iraniana. Namasi, che secondo gli Stati Uniti è stato ingiustamente detenuto, si è descritto come “l’incredibile livello dell’ostaggio iraniano-americano tenuto da più tempo nella storia”.

Anche Morad Tahbaz e la sua famiglia sono stati indignati e abbandonati dopo la promessa del governo britannico che sarebbe tornato in Gran Bretagna l’anno scorso, e due anglo-iraniani sono stati arbitrariamente detenuti, Nazanin Zakari-Radcliffe e Anoushe Ashuri.

READ  Avviso di evacuazione in mezzo alle inondazioni dopo la tempesta in California

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *