Funzionari ucraini affermano che la Russia ha effettuato il più grande attacco di droni a Kiev dall’inizio della guerra


Kiev, Ucraina
CNN

Sabato la Russia ha lanciato il più grande attacco con droni sulla capitale ucraina Kiev dall’inizio dell’invasione, secondo i funzionari locali.

Un totale di 75 droni Shahed sono stati lanciati da due direzioni: Primorsko-Akhtarsk e la regione russa di Kursk. L’obiettivo principale era la città di Kiev”, ha detto l’aeronautica militare ucraina in un post su Telegram, descrivendo l’attacco come un “numero record” di droni.

Le difese aeree hanno intercettato 71 droni di fabbricazione iraniana in sei regioni dell’Ucraina, ma la maggior parte dei droni è stata intercettata nella regione di Kiev.

“Le truppe missilistiche antiaeree, l’aviazione tattica, le squadre mobili di fuoco e le unità di guerra elettronica sono coinvolte nel respingere l’attacco aereo”, ha affermato l’Aeronautica. Nella regione di Dnipropetrovsk è stato distrutto anche un missile guidato Kh-59.

Mykhailo Shamanov, portavoce dell’amministrazione militare della città di Kiev, ha descritto diverse ondate di droni provenienti da diverse direzioni verso la capitale.

Un produttore della CNN a Kiev ha sentito forti esplosioni e ripetuti scoppi mentre i droni ronzavano sopra la sua testa. L’amministrazione militare della città ha avvertito i residenti di mettersi al riparo: “Un gran numero di UAV nemici stanno entrando a Kiev da diverse direzioni! Vi chiediamo di rimanere nei rifugi finché non suonerà l’allarme!”

Secondo Shamanov, questo è il quarto attacco di droni a Kiev questo mese.

Il sindaco di Kiev Vitaly Klitschko ha detto che almeno due persone sono rimaste ferite nel distretto di Solomyanskyi di Kiev.

L’incendio è scoppiato in diversi punti del distretto di Solomianskyi, tra cui un edificio residenziale e altri locali non residenziali, ha detto Klitschko.

READ  Il cimitero di Internet Explorer sta diventando virale in Corea del Sud

Ha detto che il secondo piano di un edificio residenziale di cinque piani nel distretto di Solomiansky è stato danneggiato e che i detriti dei droni abbattuti sono caduti su due edifici residenziali: uno nel distretto di Dnibrovsky, l’altro nel distretto di Holozivsky.

In una dichiarazione separata, Serhii Popko, capo dell’amministrazione militare della città di Kiev, ha affermato che un incendio è scoppiato in un complesso di asili nido dopo che un drone è stato abbattuto nel distretto di Solomianskyi.

Il ministero dell’Energia del Paese ha affermato che quest’ultimo attacco a Kiev ha lasciato 77 edifici residenziali e 120 attività commerciali senza elettricità nel centro della città.

La società energetica ucraina DTEK ha annunciato sabato di aver ripristinato l’elettricità a tutti i residenti di Kiev.

Lo scorso inverno, la Russia ha lanciato una campagna prolungata di attacchi missilistici e droni per paralizzare le infrastrutture energetiche dell’Ucraina.

Khmelnytskyi, nell’Ucraina occidentale, è diventato un bersaglio regolare di attacchi, con onde d’urto derivanti da esplosioni che danneggiano le infrastrutture della regione, inclusa la sua centrale nucleare.

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) ha affermato che “potenti esplosioni” hanno scosso l’area vicino alla centrale nucleare di Khmelnytskyi il mese scorso, con onde d’urto che hanno rotto finestre e interrotto temporaneamente l’alimentazione ad alcune stazioni di monitoraggio delle radiazioni esterne. Gli esperti dell’AIEA presenti nello stabilimento hanno anche affermato che due droni sono stati abbattuti vicino al sito.

L’AIEA ha affermato che l’incidente “evidenzia ancora una volta i pericoli per la sicurezza nucleare durante un conflitto militare in corso”.

Mentre ci sono preoccupazioni per l’energia del Paese quest’inverno, DTEK ha trascorso gli ultimi sette mesi a ripristinare le infrastrutture, cercando di aumentare la produzione e aumentare la sicurezza nelle sue strutture.

READ  NWS conferma che il 2° tornado è atterrato sabato nell'area di Chicago - NBC Chicago

“Abbiamo recuperato ciò che era recuperabile, acquistato attrezzature di riserva e installato protezioni attorno alle centrali elettriche”, ha affermato l’amministratore delegato della DTEK Maxim Tymchenko. ha detto alla CNN all’inizio di questo mese.

Gli attacchi alla rete energetica del paese saranno difficili per la Russia in questo momento, secondo Vadim Skibitsky, vice capo dei servizi segreti ucraini.

I cittadini si stanno preparando anche alla possibilità di interruzioni di corrente. Essendo un’azienda che installa sistemi di accumulo di energia a livello nazionale, la domanda è aumentata in modo significativo poiché le persone cercano soluzioni off-grid, mentre le aziende e le istituzioni acquistano generatori e batterie secondarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *