David McBride: ex procuratore militare australiano incarcerato per aver divulgato documenti che denunciavano crimini di guerra



CNN

Un ex avvocato dell’esercito australiano ha fatto trapelare ai giornalisti documenti riservati australiano Forze speciali Afghanistan Condannato a più di cinque anni di prigione, il verdetto è stato criticato dai sostenitori della libertà di stampa.

Grida di “vergogna” sono risuonate martedì in un’aula di tribunale della capitale australiana Canberra quando il giudice David Mossop ha emesso la sentenza contro David McBride, che il suo avvocato ha descritto come “non sulla lista” e un deterrente per chiunque sia motivato. L’errore dovrebbe essere smascherato.

“A chiunque abbia visto cosa è successo a McBride verrebbe consigliato di stare zitto, tenere la testa bassa e tornare al lavoro. Questo è stato il tono del verdetto di oggi”, ha detto l’avvocato Mark Davies, il cui cliente era “totalmente scioccato” dalla sentenza e farà appello.

La sentenza di martedì pone fine a una lunga battaglia legale tra l’ex procuratore militare e i pubblici ministeri del Commonwealth che hanno portato avanti le accuse contro McBride per documenti di sicurezza classificati che aveva ammesso di aver rubato tra maggio 2014 e dicembre 2015.

Nel 2017, McBride ha fornito il materiale all’Australian Broadcasting Corporation (ABC), che ha pubblicato una serie in sette parti chiamata “The Afghan Files” che descrive in dettaglio una serie di presunti crimini di guerra in Afghanistan, inclusa l’uccisione di afghani disarmati da parte di soldati australiani.

Il rapporto della ABC è stato successivamente suffragato dai risultati di un’indagine dell’Australian Defence Force (ADF) che ha trovato prove credibili che i membri dell’Australian Special Air Service (SAS) hanno commesso crimini di guerra in Afghanistan tra il 2005 e il 2013.

Conosciuto come Il Rapporto Brereton, secondo i rapporti delle indagini afghane, è emerso che in alcuni casi i membri della SAS “hanno lanciato” o lasciato cadere armi e altri oggetti vicino ai corpi di civili che, secondo loro, erano stati legittimamente uccisi. McBride è la prima persona ad essere condannata per eventuali accuse penali legate alle accuse.

READ  Black Friday per PS5: Walmart ha ora in stock le console PS5

Tuttavia, la corte ha appreso che durante il procedimento contro MacBride, questi non ha portato all’attenzione dei media documenti che avrebbero fatto luce sui presunti crimini di guerra.

Mossop ha affermato nella sua sentenza che McBride si era lamentato del fatto che i soldati venivano processati “anche in circostanze in cui era improbabile che avessero commesso il crimine di guerra di omicidio”.

McBride credeva che i soldati fossero presi di mira per le indagini per “soddisfare le preoccupazioni politiche delle morti civili”.

McBride aveva pianificato di dichiarare di aver agito per senso del dovere nei confronti del pubblico australiano, ma in una precedente udienza, il giudice Mossop aveva indicato che non avrebbe incaricato la giuria di farlo, quindi McBride si è dichiarato colpevole delle tre accuse lo scorso novembre. Furto di proprietà del Commonwealth e violazione delle leggi sulla sicurezza.

A suo giudizio, Mossop ha riconosciuto che McBride non aveva agito per profitto finanziario o per aiutare i nemici dell’Australia, ma ha scritto che “l’autore del reato non ha rimorsi e crede ancora di aver fatto la cosa giusta”.

“Agli individui sicuri di sé con opinioni forti e soggetti all’obbligo legale di non divulgare informazioni dovrebbe essere impedito di esprimerle per far avanzare le proprie opinioni”, ha scritto Mossop.

“Dovrebbero sapere che la violazione dell’obbligo legale di riservatezza che si impegnano a proteggere sarà punita con sanzioni significative, in particolare quando le informazioni sono riservate e hanno il potenziale per influenzare la sicurezza nazionale dell’Australia”, ha aggiunto il giudice.

I sostenitori di McBride hanno fatto appello al procuratore generale australiano affinché ritirasse le accuse e martedì hanno reagito con rabbia alla sua condanna.

READ  I mercati azionari globali salgono, i dati sull'inflazione dei rendimenti del Tesoro scendono

Kieran Bender, direttore legale del Centro legale per i diritti umani, ha affermato che è stata una “giornata nera per la democrazia” e ha inviato un messaggio “agghiacciante” ai potenziali informatori.

“David McBride ha fatto trapelare alla nostra emittente nazionale documenti contenenti prove credibili di crimini di guerra commessi dalle forze australiane in Afghanistan. Queste informazioni sono ovviamente di interesse pubblico e non credo che nessuno possa negarlo”, ha detto.

Bender e altri hanno sottolineato che nessuno è mai stato perseguito per i presunti crimini di guerra dell’Australia in Afghanistan, ad eccezione dell’uomo che ha portato la cosa all’attenzione del paese.

“Il prossimo David McBride parlerà degli errori quando vedrà questa come la fine?” chiese.

Peter Kreste, giornalista, autore e convinto difensore della libertà di stampa, ha affermato che l’incarcerazione di un informatore è “profondamente preoccupante”.

Ha detto che pensava che avrebbe avuto un “effetto agghiacciante molto serio” sulla denuncia di irregolarità, con implicazioni per la libertà di stampa.

“I giornalisti dovrebbero essere un canale per cose come queste”, ha detto Kreste, rilasciato dall’Egitto nel 2015 dopo aver trascorso 13 mesi in prigione per aver pubblicato notizie false per screditare il Paese.

“Fa parte di un sistema democratico il fatto che, con prove di comportamenti illeciti da parte dei governi, quando i meccanismi interni falliscono, possiamo andare dai giornalisti e dare loro le informazioni di cui hanno bisogno per esporre queste storie e le loro identità sono ancora protette”, ha detto. “Mina quella politica in misura seria e profonda. Sono molto preoccupato per questo.”

“David dovrebbe essere visto come un eroe, non come un cattivo”, ha aggiunto Creste.

READ  Il Premio Nobel per la Medicina va a Carrico e Weizmann, i pionieri del vaccino anti-Covid

Gli agenti della polizia federale australiana hanno fatto irruzione negli uffici della ABC a Sydney nel 2019, alla ricerca di documenti per perseguire possibili accuse contro i giornalisti dietro la storia.

Ma alla fine non è stata avanzata alcuna accusa. La ABC ha rifiutato di commentare la condanna di McBride. Se condannato, sconterà 27 mesi di carcere senza condizionale fino all’agosto 2026.

Il primo ministro australiano Anthony Albanese ha rifiutato di commentare la sentenza a causa della possibilità di appello.

“Non dirò nulla qui che possa interferire con una questione che è in corso davanti alla corte”, ha detto martedì in Parlamento.

In una dichiarazione, un portavoce del procuratore generale Mark Dreyfus ha dichiarato: “La decisione di perseguire David McBride e lo svolgimento di quel caso sono responsabilità del Direttore della Pubblica Accusa del Commonwealth”.

“Il CDPP è indipendente dal governo in carica, un aspetto molto importante del nostro sistema di giustizia penale”, ha aggiunto.

Polizia federale australiana Collabora con l’Ufficio dell’investigatore speciale (OSI) per indagare su potenziali accuse.

L’anno scorso, nel Nuovo Galles del Sud, un uomo è stato accusato di omicidio nel primo caso di crimine di guerra ai sensi della legge australiana contro un membro in servizio o ex dell’ADF, secondo l’AFP.

Questa storia è stata aggiornata per chiarire che l’indagine dell’ADF è iniziata prima del rapporto “The Afghan Files” della ABC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *