Elon Musk afferma che X rimuoverà la possibilità di bloccare gli account

Il logo “X” si riflette nella finestra di un appartamento dall’altra parte della strada rispetto alla sede della piattaforma di messaggistica X, precedentemente nota come Twitter, nel centro di San Francisco il 30 luglio 2023 a San Francisco, California, Stati Uniti. REUTERS/Carlos Barrio Ottieni i diritti di licenza

18 agosto (Reuters) – La società di social media X, precedentemente nota come Twitter, rimuoverà una funzione di sicurezza che consentiva agli utenti di bloccare altri account, ha dichiarato venerdì il proprietario Elon Musk in un’altra mossa controversa per la società acquistata lo scorso anno.

La funzione Blocca in X ti consente di impedire ad account specifici di contattare un utente, visualizzare i suoi post o seguirli.

“Con l’eccezione dei DM, Block verrà rimosso come ‘funzionalità'”, ha detto Musk in un post sulla piattaforma, riferendosi ai messaggi diretti.

X mantiene la funzione mute, che impedisce a un utente di visualizzare account specifici, ma a differenza del blocco, non avvisa gli altri account dell’azione.

Il proprietario miliardario si è descritto come un libertario della libertà di parola, ma alcuni critici hanno definito il suo approccio irresponsabile. I ricercatori hanno riscontrato un aumento dell’incitamento all’odio e dei contenuti antisemiti sulla piattaforma da quando è subentrato, e alcuni governi hanno accusato l’agenzia di non aver fatto abbastanza per moderarne i contenuti.

La rimozione o la limitazione della funzione di blocco X potrebbe entrare in conflitto con le linee guida incorporate dall’App Store di Apple (AAPL.O) e da Google Play di Alphabet (GOOGL.O).

Apple afferma che le app con contenuti generati dagli utenti devono avere la capacità di bloccare gli utenti abusivi. Google Play Store afferma che dovrebbe fornire un sistema app-in-app per bloccare i contenuti e gli utenti generati dagli utenti.

READ  La più grande e insolitamente potente esplosione di supernova nello spazio rilevata dagli scienziati

X, Google e Apple non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

In risposta al post dell’attivista anti-bullismo Monica Lewinsky che esortava X a mantenere uno “strumento fondamentale per proteggere le persone online”, l’amministratore delegato Linda Yaccarino ha sostenuto la mossa di Musk.

“La sicurezza dei nostri utenti su X è la nostra massima priorità e stiamo lavorando a qualcosa di meglio dell’attuale stato di blocco e blocco. Per favore, continua a ricevere feedback”, ha pubblicato Yaccarino.

Musk guiderà i team di prodotto e ingegneria, ha affermato la società, mentre Yaccarino guiderà tutti gli altri team, inclusi quelli legali e di vendita.

Segnalato da Mirunmai Dey a Bangalore; Montaggio: William Mallard

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottieni i diritti di licenzaApre una nuova scheda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *