Cosa abbiamo imparato dalla rimonta dei 76ers con una vittoria per play-in sui Miami Heat

Di Mike Workunov, Eric Koren e Tobias Bass

Una storia di due tempi e un ottimo gioco in panchina hanno fatto guadagnare ai Philadelphia 76ers la testa di serie numero 7

Con questa sconfitta, gli Heat affronteranno i Chicago Bulls in un incontro win-or-go-home per l’ultimo posto nei playoff NBA.

Nicholas Badum ha disputato una partita mostruosa con 20 punti e cinque rimbalzi, il massimo della stagione. Joel Embiid ha guidato tutti i marcatori con 23 punti al tiro 6 su 17, oltre a 15 rimbalzi e cinque assist.

I 76ers sono entrati nel primo tempo in vantaggio per 51-39, e hanno continuato a essere acclamati dai fedelissimi di Philly commettendo 12 palle perse nel primo tempo e Miami ha segnato 17 punti. Le loro difficoltà erano basate sulla difesa a zona di Miami, poiché otto delle 12 palle perse di Philly sono arrivate contro la zona.

Per iniziare il secondo tempo, Philadelphia ha iniziato a pressare più in difesa e a fare affidamento sulla panchina, e Miami ha avuto pochissime risposte. Hanno mantenuto la partita serrata con gli atti eroici di Bam Adebayo e Tyler Hero, ma il ritmo del 76er era troppo da superare. La panchina di Philly ha segnato 36 punti e Batum ha effettuato un blocco chiave su Hero alla fine del quarto quarto per sigillare la partita.

Cosa significa questa vittoria per Philadelphia

I Sixers non hanno solo vinto la partita del torneo play-in, hanno vinto qualcosa di importante. Ciò li porta ai playoff come settima testa di serie, il che è enorme perché consente loro di evitare i Celtics al primo turno. I Knicks saranno senza dubbio un incontro difficile, ma non sono i Celtics i colossi indiscussi della stagione regolare. Possono prendere un treno per New York e le prossime due settimane circa saranno un incontro al primo turno con lancio di monetine.

READ  Terremoto in Afghanistan: centinaia di morti nel potente terremoto

È stato un grande ritorno per i Sixers. Rilevano il calore in tempo reale. Niente si è collegato come Embiid, che ha faticato all’inizio e poi è subentrato alla fine. La sua frizione e l’enorme assist a Kelly Oubre Jr. alla fine del quarto quarto hanno contribuito a suggellare la vittoria. — Mike Workunov, scrittore dello staff aziendale dell’NBA e del basket

Riuscirà Miami a mettere insieme un’altra corsa di Cenerentola?

Quest’anno gli Heat hanno avuto il 28esimo attacco in classifica in campionato, un importante segnale di avvertimento sul potenziale della squadra durante una lenta corsa ai playoff. Miami ha costruito un vantaggio di 12 punti sulla forza di una difesa a zona complicata che ha accelerato i 76ers e ha creato facili opportunità in transizione. Una volta abbracciata Filadelfia, Miami non è riuscita a produrre abbastanza gol. A parte Hero, Miami non aveva alcun vantaggio offensivo e ciò ha permesso a Philadelphia di superarli alla fine.

Gli Heat affronteranno i Bulls a Miami venerdì sera, con il vincitore che affronterà i Boston Celtics al primo turno. Tuttavia, Jimmy Butler si è infortunato alla fine del primo quarto e quando Oubre lo ha sostituito, Terry Rozier, la guardia veloce acquistata a gennaio per Kyle Lowry, ha saltato cinque partite consecutive per un infortunio al collo. Butler non si è mosso durante alcuni possedimenti a Miami, tirando 5 su 18 quella notte. Butler ha detto che giovedì farà una risonanza magnetica al ginocchio e si è sentito più limitato man mano che la partita andava avanti e ha ferito gli Heat più di quanto non li abbia aiutati. Se Butler fosse compromesso e Rozier non fosse disponibile, gli Heat avranno bisogno di un po’ di magia per entrare nei playoff. — Eric Koreen, scrittore dello staff dei Raptors

Puoi acquistare i biglietti per ogni partita della NBA Qui.

READ  Il presidente sudafricano Ramaphosa ha detto a Putin che la guerra in Ucraina dovrebbe finire

Lettura obbligatoria

(Foto: Jesse D. Garrabrant/Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *