I Capitals raggiungono i playoff e continua una stagione surreale

FILADELFIA — Gran parte della gioia nello sport si basa sull’attesa che precede una celebrazione, sulle circostanze che circondano un risultato. Quindi ecco i Washington Capitals – non quei vecchi Washington Capitals contendenti alla Stanley Cup, ma una versione diversa con una nuova realtà – riuniti in un gruppo sorridente sul ghiaccio al Wells Fargo Center. Si danno pacche violente sulla testa, i guanti sbattono contro i caschi. Poi, con un posto per i playoff bloccato, hanno saltato insieme, un cerchio di gioia dopo una stagione di indicibile spensieratezza.

I Capitals sono tornati nella postseason della NHL con una schiacciante vittoria per 2-1 sui Philadelphia Flyers martedì sera, aggiudicandosi l’ultimo posto come wild card nella Eastern Conference, vincendo essenzialmente Gara 7. Round 0. Così facendo, si sono guadagnati un appuntamento con il colosso New York Rangers. Espira perché il posto è stato guadagnato e ne è valsa la pena. Ora, di nuovo il gancio.

Ma godiamoci ancora questo: una squadra che aveva scambiato l’eroe della Stanley Cup Evgeny Kuznetsov, ha lavorato bene grazie a ciò, ha superato prestazioni e infortuni, ed è stata comunque venduta alla scadenza del contratto perché l’immediato futuro sembrava cupo: quella squadra era dentro. No scusa. La squadra ha vinto le ultime tre partite in quattro giorni barca Quando nessun’altra soluzione funziona.

“Irreale”, ha detto Alex Ovechkin, il cui gol nel primo periodo è stato il suo 31esimo della stagione, l’853esimo della sua carriera e, visto il modo in cui i Caps hanno segnato ultimamente, è sembrato un miracolo.

“Lottiamo con molte cose che accadono [the] Scadenze, infortuni, Kusi”, ha continuato. “Ma penso che la fiducia all’interno dello spogliatoio fosse enorme. Ci è piaciuto il processo. È speciale. Ecco perché giochiamo a hockey.

Ecco perché guardiamo.

Metti da parte i risultati per un momento. L’ironia di come ciò sia avvenuto non può essere sopravvalutata. Con due punti martedì – nei regolamenti o nei supplementari – i Capitals conquisteranno il posto finale. Ma per sopravvivere, i Flyers hanno bisogno di una vittoria regolamentare e di un aiuto sotto forma di Montreal che batte Detroit.

Ciò significava un pareggio a fine partita – e un’opportunità per i supplementari, in cui i Caps avrebbero segnato il 90esimo punto per eliminare Philadelphia – essenzialmente spingevano i Flyers in deficit.

READ  Le azioni di Pioneer aumentano nelle trattative per una mega fusione con Exxon

Quindi per l’allenatore del Filadelfia John Tortorella, il ritiro del portiere Samuel Ersen sarebbe arrivato prima del normale – con più di tre minuti rimanenti e il punteggio in parità. Fatta eccezione per lo stesso momento a quasi 400 miglia di distanza, Detroit ha segnato con cinque secondi rimasti per forzare i tempi supplementari a Montreal. I Red Wings avevano ragione. I volantini sono stati rimossi. Ersen ha comunque svuotato la rete – e il veterano di Caps DJ Oshie, giocando con un problema alla schiena cronico, ha depositato il vincitore del gioco nella rete vuota.

Che adattamento per questo gruppo, che adattamento pazzesco.

“Quasi ogni partita è stata una Gara 7 per noi”, ha detto Ovechkin. “A volte non otteniamo punti, siamo ancora in battaglia, e poi la situazione è pazzesca fino a stasera.”

“Ho saputo della partita di Detroit subito dopo che hanno segnato a rete vuota”, ha detto Tortorella. “Penso che sia successo molto vicino.”

Così vicini – e per Washington, così fortunati. Perché questa squadra – che ha segnato due o meno gol in 42 delle 82 partite quest’anno, al quarto posto nella NHL – non sembra in grado di forzarne un altro se la partita va cinque contro cinque. Quella lotta per segnare ha contribuito al differenziale reti di meno 37 dei Caps, il peggiore di qualsiasi squadra di playoff di questo secolo.

Sono limitati, ovviamente. C’è molta più gioia.

“Che tu sia John Carlson, che tu sia Hendricks LaPierre, Connor McMichael, ‘Oh’ puoi vedere le facce in quella stanza”, ha detto l’allenatore del primo anno Spencer Carberry. Impressionante nello stile e nei messaggi. “Sono tutti in fasi diverse della loro vita e della loro carriera. Ma qualunque sia la tua situazione, sia che tu sia al tuo primo anno di gioco come molti dei nostri ragazzi o alla tua 17esima stagione, puoi capire quanto vogliono trovare qualcosa di brutto. modi. Ogni notte.

È incredibile quanto questo roster sia alla pelle dei denti contro quelle vecchie squadre colosso dei Capitals che hanno raggiunto i playoff. Nell’anno della Coppa 2018, l’aspetto più notevole della celebrazione dei Caps dopo la vittoria al primo turno contro Columbus è stata la sua modestia. Era un viaggio d’affari. Si prevedeva un secondo round. Ciò che contava era all’orizzonte, oltre.

READ  La copertura del motore di un volo della Southwest Airlines si è staccata durante il decollo

Questi cappelli non sono quei cappelli. Va bene anche questo.

“Lo slancio è dalla nostra parte”, ha detto Oshie. “Ci sono molti giocatori in questa stanza che non sono stati in profondità nei playoff o addirittura non hanno giocato nei playoff, e stanno iniziando a imparare la dedizione e la concentrazione, l’intensità e l’altruismo. Gioca a hockey nei playoff.

Questo è dovuto al fatto di suonare quello stile per più di un mese.

Prima della stagione, la chiave per diventare la versione migliore dei Capitals, Kuznetsov, un centro talentuoso ma pazzo, è stato il miglior giocatore di Washington durante la corsa alla Coppa. Il fulcro del franchising Nicklas Backstrom è tornato in salute dopo essersi ripreso da un intervento chirurgico di ricostruzione dell’anca.

Avrebbero potuto aggiungere un anno stellare grazie al portiere Darcy Kumbert, che una stagione fa ha firmato un contratto quinquennale da 26,25 milioni di dollari per portare stabilità in una posizione di cui Washington ha goduto poco.

Risultati: Kuznetsov è stato la versione peggiore di se stesso, trascinando la squadra al ribasso, ottenendo solo 17 punti in 43 partite. È stato rinunciato e poi ceduto. I limiti fisici di Backstrom sono cambiati molto rapidamente. Ha lasciato il gioco a novembre con un punto in otto partite. Kuemper è stato infine sostituito in rete dal backup stellare Charlie Lindgren, che ha iniziato 14 delle ultime 15 partite dei Caps ed è stato considerato “il nostro MVP” da Carberry.

Quindi la squadra che si è riunita in autunno con la speranza di tornare ai playoff non è stata la squadra che alla fine è arrivata lì. La formazione di martedì sera prevedeva Dylan McIlrath, a pochi giorni dal suo 32esimo compleanno ma che giocava la sua 75esima partita di NHL come capitano della massima franchigia della lega minore dei Caps. Se non avesse assistito al gol di Ovechkin, avrebbe saltato. Ciò include il 21enne Vincent Iorio, una scelta del draft 2021, che gioca la sua nona partita di NHL. È un elenco ibrido per un franchise in transizione, con un vecchio nucleo in fase di liquidazione e un nuovo nucleo che si sta formando, forse.

READ  Nuovi sintomi varianti, booster, tempi di recupero

“Il viaggio è incredibile perché non è facile”, ha detto Lindgren. “… È un privilegio suonare per questi ragazzi.”

Saranno perdenti e pesantemente perdenti contro i Rangers, vincitori del Presidents Trophy. I ragazzi di questa squadra non ricorderanno il fardello che New York ha dovuto portare, ma alcuni dei leader più anziani sì. I Capitals 2010 hanno vinto lo stesso trofeo assegnato alla squadra con il miglior record nella NHL. Hanno perso al primo turno contro il Montreal, ottava testa di serie. Le edizioni 2016 e ’17 dei Caps hanno guadagnato lo status di Presidents Trophy e non sono riuscite a superare il secondo turno.

Punto: nulla è garantito. La formazione di Washington non è più quella di una volta o quella che si aspettava fosse in questa stagione. Ma i ragazzi che potrebbero far parte del nucleo del futuro – McMichael, Lapierre, Beck Malenstyn, Aliaksei Protas e altri – ne hanno la possibilità dopo una stagione.

“Il percorso che abbiamo raggiunto è molto prezioso per la crescita”, ha affermato Carberry. “Ma ora, tu vuoi farlo bene. Ora, noi no [say], “Va bene, fantastico.” Vogliamo giocare bene. … E tutti direbbero: ‘Non abbiamo affari qui, e la destinazione è diversa, blah, blah, blah.’ Questa sarà la storia. Va bene anche questo. Questo è garantito. Questo è un fatto. [But] So che questa squadra non si accontenterà solo dei playoff della Stanley Cup.

Quando il clacson ha suonato martedì sera, Karlsson – un veterano di 1.009 partite di NHL, tutti con indosso un maglione di Caps – ha alzato il pugno e ha pianto, poi è andato da Lindgren per un abbraccio caloroso. La norma non è statica. Ma per quello Questi sono I Capitals hanno avuto una stagione di successo. Ora inizia il vero divertimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *