Alla COP28 le compagnie petrolifere si impegnano a ridurre drasticamente i combustibili fossili entro il 2050

  • Di Georgina Rannard
  • Corrispondente sul clima alla COP28, Dubai

fonte dell’immagine, Belle foto

didascalia dell’immagine,

Quasi 100.000 persone partecipano ai colloqui sul clima delle Nazioni Unite a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti

Le nazioni e le compagnie petrolifere si sono impegnate a compiere importanti progressi nella lotta al riscaldamento globale in un nuovo importante impegno energetico ai colloqui sul clima delle Nazioni Unite.

L’Aramco dell’Arabia Saudita è una delle 50 compagnie petrolifere e del gas che si sono impegnate a smettere di aggiungere gas al riscaldamento del pianeta entro il 2050.

Ma questo riguarda solo le emissioni derivanti dal settore manifatturiero, non l’effettivo consumo di combustibili fossili.

100 paesi si impegnano a triplicare l’uso mondiale di energie rinnovabili entro il 2030

Tuttavia, non ci saranno penalità per il mancato raggiungimento degli obiettivi e le promesse non sono vincolanti.

Questi impegni sono stati pesantemente criticati dai gruppi ambientalisti, che affermano di non affrontare in modo significativo il cambiamento climatico perché consente di continuare la produzione di combustibili fossili.

“Sono molto scettico”, ha affermato il professor Bill Hare, amministratore delegato di Climate Analytics e autore di numerosi rapporti delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

“La vera sfida per l’industria del petrolio e del gas è abbandonare la produzione di petrolio e gas”, ha affermato. “Alla fine il resto non conta.”

E le promesse non sembrano tutte nuove. Molte compagnie petrolifere che hanno firmato l’impegno hanno già annunciato piani per ridurre a zero le proprie emissioni.

Consentono alle aziende di aumentare la produzione a breve termine, a patto di ridurre la produzione di petrolio e gas entro il 2050.

Triplicare l’energia rinnovabile aiuterà a eliminare gradualmente i combustibili fossili dal sistema energetico mondiale entro il 2050, afferma l’impegno.

Maggiori informazioni al vertice sul clima COP28

Rivolgendosi al vertice di sabato, il presidente della COP28 Sultan Al-Jaber ha affermato che il nuovo impegno “include più paesi e organizzazioni provenienti da più settori che mai, tutti allineati con la nostra Stella Polare, 1,5°C”.

I leader mondiali hanno concordato a Parigi nel 2015 di limitare il riscaldamento globale a quel livello.

Bruciare grandi quantità di petrolio, gas e carbone sta alimentando il cambiamento climatico, ma i leader non riescono ancora a mettersi d’accordo su quanto velocemente il mondo dovrà smettere di usarli.

Zafar ha definito l’impegno di sabato “un grande primo passo”.

“Mentre molte compagnie petrolifere nazionali hanno adottato per la prima volta l’obiettivo di zero emissioni nette al 2050, so che loro e altri possono e devono fare di più”, ha affermato. “Abbiamo bisogno che l’intero settore raggiunga gli 1,5°C e stabilisca forti ambizioni per la decarbonizzazione”.

Gli Emirati Arabi Uniti affermano che la carta sulla decarbonizzazione accelererà l’azione per il clima poiché le compagnie petrolifere e del gas, che rappresentano il 40% delle emissioni mondiali, si impegnano a diventare zero entro il 2050.

Raggiungere lo zero netto significa smettere di aggiungere gas serra all’atmosfera.

Tuttavia, Carol Muffett, capo del Centro per il diritto ambientale internazionale, ha affermato che l’unico modo per “decarbonizzare” il petrolio e il gas a base di carbonio è fermare la produzione “rapidamente, completamente, in modo permanente”.

“Qualsiasi cosa di meno è ancora greenwashing del settore.”

50 aziende, tra cui la compagnia petrolifera statale degli Emirati Arabi Uniti, si sono impegnate a smettere completamente di emettere metano, il gas che riscalda il pianeta, durante la produzione di petrolio e gas entro il 2030.

Nei discorsi di sabato, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha affermato che i paesi devono impegnarsi a “capacità rinnovabile, raddoppiare l’efficienza energetica ed energia pulita per tutti entro il 2030”.

Per mantenere l’aumento della temperatura globale al di sotto di 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali, il mondo deve “eliminare gradualmente i combustibili fossili”, ha affermato.

L’Agenzia Internazionale per l’Energia ha precedentemente affermato che se il mondo estrarrà nuovo petrolio e gas, il mondo non rispetterà i propri impegni climatici, inclusa la limitazione dell’aumento della temperatura a non più di 1,5°C.

“È necessaria una rapida accelerazione dell’energia pulita e abbiamo chiesto di triplicare le energie rinnovabili. Ma questa è solo metà della soluzione”, ha affermato Tina Stige, ambasciatrice del clima per le Isole Marshall, una delle zone più vulnerabili del Paese. Cambiamento climatico.

“L’impegno non può rendere più verdi quei paesi che stanno espandendo la produzione di combustibili fossili allo stesso tempo”, aggiunge.

I negoziati COP28 degli Emirati Arabi Uniti hanno suscitato critiche perché il paese è uno dei 10 principali produttori di petrolio e gas al mondo e il presidente del vertice Sultan Al-Jaber è a capo della gigantesca Abu Dhabi National Oil Company (Adnoc).

E i leader mondiali affrontano il terzo giorno della COP28.

Abbracciando le energie rinnovabili, ha affermato Papa Francesco, “possiamo compiere la transizione ecologica per salvare il mondo eliminando i combustibili fossili ed educando le persone a stili di vita meno dipendenti”.

Il pontefice non ha potuto partecipare di persona al vertice di Dubai a causa di problemi di salute, quindi il suo discorso è stato letto dal segretario di Stato vaticano, cardinale Parolin.

READ  Il candidato del GOP del New Mexico Solomon Pena ha visitato le case dei politici democratici per discutere delle elezioni prima della sparatoria, dicono i funzionari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *