Alexander Dugin, il sommo sacerdote di una marca mortale del nazionalismo russo

All’età di 60 anni, da una famiglia di ufficiali militari russi, il suo viaggio è stato straordinario: da ideologo marginale a leader di un pensiero mainstream in Russia che si trova nel cuore di un impero “eurasiatico” che ha sfidato la distruzione occidentale. È il fondatore spirituale del termine “mondo russo”.

Lungo la strada, questo filo incarna un odio profondo per l’identità dell’Ucraina al di fuori della Russia.

Dukin nutriva da tempo un’avversione viscerale per gli ucraini che si univano alla “Madre Russia”. Dopo che dozzine di manifestanti filo-russi sono stati uccisi durante gli scontri a Odesa nel maggio 2014, ha detto: “L’Ucraina deve scomparire dalla faccia della terra ed essere ricostruita o il popolo lo capirà. Penso che il popolo ucraino abbia bisogno di una rivolta totale .A tutti i livelli e in tutte le regioni.Contro il regime militare.Insurrezione armata, non solo nel sud-est.

“Uccidi, uccidi, uccidi, credo. Non dire altro. Questa è la mia opinione come professore.” Egli ha detto.

L’anno successivo, Dukin è stato riconosciuto dagli Stati Uniti come “complice di azioni o politiche che minacciano la pace, la sicurezza, la stabilità o la sovranità o l’integrità territoriale dell’Ucraina”.

La nascita della religione eurasiatica

“Fondamenti della geopolitica” di Dugin del 1997 ha catapultato Dugin alla ribalta, in cui ha esposto la sua visione di un impero eurasiatico da Dublino a Vladivostok. Il libro sosteneva di seminare instabilità e malcontento negli Stati Uniti, un’eco della campagna di disinformazione che circonda le elezioni americane del 2016.

In una colonna ha scritto: “È fondamentale introdurre interruzioni geopolitiche nelle operazioni interne degli Stati Uniti, promuovere tutte le forme di separatismo e conflitti razziali, sociali ed etnici, sostenere attivamente tutti i movimenti dissidenti – estremisti, razzisti e gruppi settari, per interrompere i processi politici interni negli Stati Uniti”.

Il libro, scritto negli ultimi giorni della travagliata presidenza di Boris Elstin, è diventato un bestseller. Russia.

John Dunlop, un ricercatore presso la Hoover Institution presso la Stanford University, ha scritto nel 2004 che “nessun altro libro ha avuto tanta influenza sulle élite di politica estera militari, di polizia e statali russe” come “Le basi”.

READ  Ucraina: gli ucraini mostrano con cura i carri armati catturati verso la Russia nel Giorno dell'Indipendenza.

Il libro ha ispirato Dugin a intraprendere la carriera accademica: per un certo periodo è stato a capo delle relazioni internazionali presso il Dipartimento di Sociologia dell’Università statale di Mosca.

Dugin è sempre stato uno dei più accesi sostenitori di Putin. In 2007 ha detto: “Putin non ha più nemici, anche se ce l’avessero, sono malati di mente e dovrebbero essere mandati a visita medica. Putin è ovunque, Putin è tutto, Putin è assoluto, Putin è insostituibile”.

A poco a poco, inesorabilmente, le idee di Dukin si spostarono dai margini del dibattito politico in Russia al centro.

Nel 2011, quando era primo ministro, Vladimir Putin ha iniziato a parlare di Unione eurasiatica. Dugin ha riflettuto sul fatto che Putin ha bisogno di “un’ideologia, un motivo per tornare” per un terzo mandato da presidente.

Quando la Russia ha iniziato a sostenere i separatisti nel Donbass nel 2014, Dugin era prominente nell’Unione giovanile eurasiatica, che ha reclutato veterani militari per combattere a nome dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk.

Ha anche mantenuto la campagna elettorale attraverso un sito web chiamato Geopolitica, che gli Stati Uniti insistono sul fatto che controlli. Il Tesoro degli Stati Uniti ha affermato quest’anno che “la Russia funge da piattaforma per gli ultranazionalisti per diffondere disinformazione e propaganda rivolta al pubblico occidentale e non”.

Ad esempio, Geopolitica ha riferito quest’anno che gli Stati Uniti e la NATO hanno cercato di provocare una guerra con la Russia “per terrorizzare ulteriormente il popolo americano in tutti i modi maligni”.

Non mancano i nemici

Come uno degli architetti ideologici dell’espansione russa, Dugin ha scritto il libro “Putin contro Putin”, riferendosi a due “versioni” di Putin.

READ  Gli iPhone di fascia media non hanno più gli ultimi chip Apple

È pragmatico e prudente nei confronti della “luna” Putin e del “sole” Putin, dedito alla restaurazione dell’impero eurasiatico e al confronto con l’Occidente.

In un’intervista a un quotidiano di Mosca a marzo, a un mese dall’inizio del conflitto ucraino, Dichiarò Dugin “Non c’è dubbio che ‘Sun’ Putin abbia vinto, è destinato ad accadere, non l’ho detto un anno fa, ma sono passati anni”.

“La Russia ha attraversato il Rubicone, di cui personalmente sono molto felice”, ha detto.

Per Dukin, dice, è fondamentale che l’Occidente usi l’Ucraina per far cadere la Russia. “Credono di avere la possibilità di sconfiggere la Russia; non perché, in effetti, sia impossibile, ma per schiacciarla e costringerla ad arrendersi, escludendola dal loro sistema globale”.

A suo avviso, è anche necessario mostrare “una risoluta opposizione alla giunta e al nazismo ucraino che stermina i cittadini pacifici” e rifiutare il liberalismo e l’egemonia americana – lo stesso linguaggio usato da Putin nel cercare di giustificare l’invasione. .

Dugin non era certo a corto di nemici all’interno della Russia. In un’intervista del 2019, ha detto: “Tutti al potere in Russia sono feccia. Tranne Putin”.

Dugin ha detto all’inizio di quest’anno che la sua adesione al concetto di “Eurasianismo” è forte ora come lo era quando scrisse “Fondamenti”.

“Il suo centro è il popolo russo. È aperto a persone che collegano il proprio destino con il destino del popolo russo”.

Secondo lui, il conflitto in Ucraina fa parte di una battaglia esistenziale tra il lassismo dell’Occidente e una società costruita sulla tradizione, la gerarchia e la fede cristiana ortodossa.

Nel mondo di Dukin, il destino della Russia “non sarà completo finché non unirà tutti gli slavi orientali e tutti i fratelli eurasiatici in un unico grande posto. Tutto segue dalla logica di questo destino – e dall’Ucraina”.

READ  Notizie recenti sulla guerra in Russia e Ucraina

Mayumi Maruyama della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.