Aggiornamenti in tempo reale: la morte e il funerale della regina Elisabetta

Lunedì mattina, centinaia di persone si sono schierate davanti al consolato britannico a Hong Kong per deporre fiori e firmare un libro di condoglianze in memoria della regina Elisabetta II.

Hong Kong è stata una colonia britannica per 156 anni fino al 1997, quando è tornata al dominio cinese, ma ora Pechino sembra aver rifiutato tale status, riferendosi a quel periodo come a una “occupazione forzata” che non dovrebbe essere considerata legittima.

I tributi sono stati pagati lunedì fuori dal consolato britannico a Hong Kong.

La regina, che ha visitato Hong Kong due volte durante i suoi 70 anni di regno, è ricordata da molti in città come “signora capo” o “signora in carica” ​​in cantonese.

Tra quelli fuori dall’ambasciata lunedì c’era la pensionata Sylvia Lee, che ha detto di essere rattristata nell’apprendere della morte della regina venerdì e ha detto di pensare che la regina fosse un simbolo di stabilità in tutto il mondo.

“Nessuno vive per sempre e sappiamo che questo giorno arriverà un giorno. Era una figura rispettata e il governo ha dato molti contributi allo sviluppo di Hong Kong durante il periodo coloniale, specialmente negli anni ’70 e ’80”, ha detto Lee alla CNN, aggiungendo che i governatori nominati dalla città sono il suo pubblico in generale. Si riferisce al periodo in cui furono costruite case e trasporti.Infrastrutture.

Chapman Wu, 40 anni, ha portato la sua giovane figlia a porgere i suoi omaggi e offrire fiori alla regina.

READ  I vampiri del trailer di Day Shift in grande stile

La gente si è messa in fila sotto il caldo a Hong Kong per offrire fiori e scrivere un libro commemorativo in onore della regina.

Wu disse che senza l’impero britannico, la libertà religiosa non sarebbe stata possibile nella città sotto il dominio cinese. Il cristianesimo fu portato a Hong Kong già nel 1841, quando la città passò sotto il dominio britannico dopo la prima guerra dell’oppio.

“Non commenterò politicamente, ma senza essere un’ex colonia britannica, non ci sarebbe libertà religiosa a Hong Kong”, ha detto alla CNN.

“Altrimenti, chissà se potremo praticare qualche religione, soprattutto con la persecuzione religiosa dei cristiani in Cina”.

Sia i lealisti di Pechino che i politici di Hong Kong hanno protestato contro il controllo britannico durante il periodo coloniale, ma negli ultimi anni è emersa una visione più favorevole del governo coloniale tra i gruppi pro-democrazia, con molti che hanno adottato la bandiera coloniale come simbolo radicale di protesta. Il governo del partito unico cinese durante le proteste antigovernative del 2019.

Le monete con il volto della regina Elisabetta II che circolano a Hong Kong sono state tenute in omaggio da oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.