11 corpi recuperati dall’eruzione del vulcano in Indonesia, 22 alpinisti ancora dispersi

BATANG, Indonesia (AP) – I corpi di 11 alpinisti sono stati recuperati lunedì dopo l’eruzione del Monte Marafi, con i soccorritori indonesiani dispersi di almeno 22 persone.

Il monte Marabi nel distretto di Agam, nella provincia di Sumatra occidentale, è esploso improvvisamente domenica, spargendo pennacchi di cenere alti 3.000 metri (9.800 piedi) nel cielo e nuvole di cenere calda che si sono diffuse per miglia (chilometri). I villaggi e le città vicine furono coperti da tonnellate di detriti vulcanici.

Sabato circa 75 alpinisti hanno iniziato a scalare la montagna di quasi 2.900 metri (9.480 piedi) e sono rimasti bloccati.

Otto delle persone salvate domenica sono state portate in ospedale con ustioni e una ha riportato una frattura ad un arto, ha detto Hari Augustian, un funzionario dell’agenzia locale di ricerca e salvataggio nella capitale provinciale, Batang.

Abdul Malik, capo dell’agenzia di ricerca e salvataggio di West Sumatra, ha detto che i soccorritori hanno trovato i corpi di 11 alpinisti lunedì mattina e hanno salvato altri tre che erano ancora dispersi.

“Il processo di evacuazione dei corpi e dei sopravvissuti è ancora in corso”, ha detto, aggiungendo che ai soccorritori mancano ancora 22 alpinisti.

Sabato un video sui social media mostrava gli alpinisti evacuati in un rifugio, con i volti e i capelli coperti di polvere vulcanica e pioggia.

Due vie di arrampicata sono state chiuse dopo l’eruzione e ai residenti sulle pendici di Marabi è stato consigliato di rimanere a 3 chilometri (1,8 miglia) di distanza dall’imboccatura del cratere a causa del flusso di lava, ha detto Ahmad Rifandi, un funzionario del Centro indonesiano di vulcanologia e riduzione dei rischi geologici. Posto di osservazione di Marabi.

READ  Rilasciato il drammatico video di aerei da guerra russi che "molestano" i droni statunitensi sulla Siria

Il portavoce dell’Agenzia nazionale per la gestione dei disastri, Abdul Muhari, ha detto che diversi villaggi sono stati chiusi e la luce del sole è stata bloccata a causa della caduta di cenere. I funzionari hanno distribuito mascherine e hanno esortato i residenti a indossare occhiali protettivi per proteggersi dalla cenere vulcanica, ha detto.

Circa 1.400 persone vivono sulle pendici del Marabi a Rupi e Kopa Kumandiang, da 5 a 6 chilometri (da 3,1 a 3,7 miglia) dalla vetta.

Il livello di allerta di Marabi è stato mantenuto al terzo più alto dei quattro livelli, ha detto Abdul Muhari, e ha confermato che le autorità stavano monitorando attentamente il vulcano dopo che i sensori hanno iniziato ad aumentare l’attività nelle ultime settimane.

Marabi è attivo dall’eruzione di gennaio, che non ha causato vittime. È uno degli oltre 120 vulcani attivi in ​​Indonesia, soggetto ad attività sismica a causa della sua posizione sull'”Anello di Fuoco” del Pacifico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *