Stati Uniti e Germania entrano in guerra per i carri armati per conto dell’Ucraina

  • I carri armati Panther tedeschi sono considerati più adatti per l’Ucraina
  • Tutti gli occhi sono puntati sulla Germania mentre i capi della difesa si incontrano venerdì
  • Austin in Germania per incontrare il nuovo ministro della Difesa
  • I mercenari russi Wagner affermano di catturare il villaggio

KYIV/BERLIN, 19 gennaio (Reuters) – L’Ucraina ha implorato l’Occidente giovedì di inviare finalmente carri armati pesanti mentre i capi della difesa di Stati Uniti e Germania hanno presieduto una situazione di stallo sulle armi che potrebbe decidere il destino della guerra.

Giovedì il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin era in Germania per incontrare il nuovo ministro della Difesa Boris Pistorius, poche ore dopo che Pistorius aveva prestato giuramento.

Il giorno successivo i due riuniranno dozzine di alleati presso la base aerea statunitense di Ramstein per impegnare armi all’Ucraina, un incontro annunciato come un’opportunità per consegnare armi per invertire le sorti della guerra nel 2023.

Sono previsti miliardi di dollari di aiuti militari e paesi tra cui Canada, Paesi Bassi e Svezia hanno già annunciato nuovi pacchetti di veicoli blindati e difese aeree. Ma il successo del raduno dipende dall’arrivo o meno di carri armati pesanti, che secondo Kiev sono necessari per respingere le offensive russe e riconquistare il terreno occupato.

“Non abbiamo tempo, il mondo non ha questo tempo”, ha scritto giovedì Andriy Yermak, capo dell’amministrazione presidenziale ucraina, sull’app di messaggistica Telegram.

“La questione dei carri armati per l’Ucraina dovrebbe essere chiusa presto”, ha detto. “Stiamo pagando per la stagnazione della vita del nostro popolo ucraino, il che non dovrebbe essere il caso”.

Deve essere risolto un importante impegno di carri armati tra Washington e Berlino, che finora ha impedito agli Alleati di inviare carri armati Leopard 2, i servitori degli eserciti in tutta Europa.

READ  Kylian Mbappe: la squadra saudita Al Hilal sta facendo un'offerta da 300 milioni di euro per l'attaccante del PSG

Washington e molti alleati occidentali affermano che i Pardi – che la Germania ha prodotto a migliaia durante la Guerra Fredda ed esportato ai suoi alleati – sono l’unica opzione praticabile disponibile in numero sufficiente.

Una fonte del governo tedesco ha affermato che Berlino solleverebbe le sue obiezioni se Washington inviasse i propri carri armati Abrams. I funzionari statunitensi affermano che l’Abrams, alimentato da potenti motori a turbina, utilizza più carburante per il sistema logistico teso di Kevin per fornire di più al fronte.

Polonia e Finlandia hanno già detto che invieranno i Panthers se la Germania toglierà il veto, e altri Paesi si sono detti pronti a farlo. La Gran Bretagna ha aumentato la pressione la scorsa settimana infrangendo il divieto sui carri pesanti e offrendo uno squadrone dalla sua flotta Challenger, sebbene ne siano disponibili molti meno rispetto ai Panthers.

La Germania è riluttante a inviare armi offensive, che si pensa possano intensificare il conflitto. Con la Russia che non mostra alcun segno di arretramento rispetto alla sua offensiva contro l’Ucraina, molti dei suoi alleati occidentali affermano che la preoccupazione è mal riposta.

Colin Kall, il principale consigliere politico del Pentagono, ha dichiarato mercoledì che è improbabile che i carri armati Abrams vengano inclusi nel prossimo massiccio pacchetto di aiuti militari da 2 miliardi di dollari di Washington, che sarà preceduto dai veicoli corazzati Stryker e Bradley.

Non ancora lì

“Non credo che siamo ancora arrivati”, ha detto Call. “Il carro armato Abrams è un equipaggiamento molto complesso. È costoso. È difficile da addestrare. Ha un motore a reazione.”

La Germania ha affermato che la decisione sui carri armati è il primo punto all’ordine del giorno di Pistorius per sostituire Christine Lambrecht, che si è dimessa da ministro della Difesa questa settimana. In una cerimonia dopo il suo insediamento, Pistorius ha promesso sostegno all’Ucraina, compreso l’equipaggiamento militare, ma non ha fornito dettagli.

READ  Re Carlo, William e Kate hanno sorpreso i sostenitori all'incoronazione

“Questi non sono tempi normali, abbiamo una guerra in Europa. La Russia sta conducendo una brutale guerra di distruzione contro un paese sovrano, l’Ucraina”, ha detto.

Aprendo l’incontro con Pistorius, Austin ha descritto la Germania come uno dei più stretti alleati di Washington e l’ha ringraziata per il suo sostegno all’Ucraina fino ad ora.

L’Ucraina, che fa affidamento principalmente sulle varianti di carri armati T-72 dell’era sovietica, afferma che i nuovi carri armati daranno alle sue truppe la potenza di fuoco mobile per respingere le truppe russe in battaglie decisive.

I carri armati occidentali hanno armature più efficaci e armi migliori rispetto alle loro controparti dell’era sovietica, che hanno ucciso centinaia di persone da entrambe le parti durante la guerra di 11 mesi in Ucraina.

Nei primi mesi dell'”operazione militare speciale” della Russia, i combattimenti si sono intensificati nel sud e nell’est dell’Ucraina dopo che l’offensiva iniziale della Russia dal nord volta a impadronirsi di Kiev è stata respinta.

Dopo le importanti conquiste ucraine nella seconda metà del 2022, la linea del fronte si è in gran parte congelata negli ultimi due mesi, senza che nessuna delle due parti abbia ottenuto grandi guadagni nonostante le pesanti perdite nell’intensa guerra di trincea.

Yevgeny Prigozhin, il capo di Wagner, la forza mercenaria russa che ha svolto un ruolo chiave nei combattimenti vicino alla città orientale di Pakmut, ha detto giovedì che le sue forze avevano catturato il villaggio di Klishchivka alla periferia di Pakmut. Kiev ha precedentemente negato che l’accordo sia crollato. Reuters non ha potuto confermare la situazione lì.

READ  Punteggio tecnico Clemson vs Georgia: aggiornamenti di gioco in tempo reale, risultati del college Football, top 25 della NCAA di oggi

Prigozhin, che ha promesso di graziare i detenuti delle carceri russe in una forza gestita privatamente al di fuori del comando militare regolare, si è lamentato la scorsa settimana che i suoi combattenti non hanno ricevuto abbastanza credito dagli alti funzionari.

Rapporto dell’ufficio Reuters; Scritto da Peter Graff; Montaggio di Simon Cameron-Moore e Angus MacSwan

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *