Prigionieri iraniani: l’amministrazione Biden ha fatto un passo avanti nell’accordo per liberare gli americani detenuti in Iran offrendo una rinuncia al trasferimento dei fondi iraniani sottoposti a embargo al Qatar.



CNN

L’amministrazione Biden ha rinunciato al trasferimento da parte delle banche di 6 miliardi di dollari in fondi iraniani sottoposti a embargo al Qatar senza timore di sanzioni: un passo importante. Accordo per liberare cinque americani Quelli ritenuti ingiustamente detenuti in Iran dal Dipartimento di Stato americano.

Il processo per riportare a casa gli americani iniziò ad andare avanti a metà agosto con il rilascio di quattro americani dagli arresti domiciliari. L’offerta di rinuncia – che l’amministrazione ha annunciato lunedì al Congresso – è un chiaro segnale che il processo potrebbe raggiungere le fasi finali.

In un avviso al Congresso – una copia del quale è stata ottenuta dalla CNN – ha confermato che gli Stati Uniti si erano impegnati a consentire che 6 miliardi di dollari in conti bloccati della Corea del Sud venissero utilizzati per scopi umanitari in conti vincolati in Qatar. merce. Il Qatar supervisionerà l’esborso di tali fondi.

“Il trasferimento richiede il coinvolgimento di istituzioni finanziarie di Germania, Irlanda, Qatar, Repubblica di Corea e Svizzera”, ha scritto. La deroga, approvata venerdì da Blinken, consentirebbe a tali società di trasferire denaro su conti in Qatar senza preoccuparsi delle sanzioni statunitensi. Questa esenzione era stata originariamente segnalata Stampa associata.

Blinken ha confermato la componente di scambio di prigionieri dell’accordo, sottolineando che “gli Stati Uniti si sono impegnati a rilasciare cinque cittadini iraniani attualmente detenuti negli Stati Uniti”.

In una dichiarazione alla CNN, un portavoce del Dipartimento di Stato ha descritto la rinuncia come “non nuova” ma “un’approvazione tecnica di un trasferimento già annunciato”.

“Come abbiamo affermato in precedenza, gli Stati Uniti hanno accettato di trasferire fondi dalla Corea del Sud a conti controllati presso istituti finanziari in Qatar e di rilasciare cinque cittadini iraniani detenuti negli Stati Uniti per facilitare il rilascio di cinque cittadini americani detenuti in Iran. “, ha detto il portavoce, aggiungendo che la firma della rinuncia “questi cinque cittadini statunitensi è un passo importante nella salvaguardia delle libertà dei cittadini”.

READ  Lionel Messi e Jordi Alba si sono infortunati nella partita dell'Inter Miami

“Continuiamo a lavorare per liberare i cittadini statunitensi ingiustamente detenuti dall’Iran e continuiamo a monitorare la loro salute e il loro benessere con l’aiuto dei nostri partner svizzeri, ma non abbiamo aggiornamenti da condividere in questo momento”, ha detto il portavoce. è stato aggiunto.

Tuttavia, lo sviluppo potrebbe rappresentare una gradita notizia per le famiglie degli americani coinvolti nell’accordo – Siamak Namasi, Morad Tahbas, Emad Sharqi e due americani che non sono stati pubblicamente identificati – poiché indica che il loro sogno potrebbe realizzarsi. Una conclusione. Namasi, Tahbas e Sharqi sono detenuti in Iran da anni.

Ciò potrebbe incontrare l’opposizione di alcuni repubblicani al Congresso e di alcuni candidati presidenziali del GOP che si sono espressi quando le linee generali del potenziale accordo sono state annunciate il mese scorso.

La CNN ha riportato i dettagli dopo che Namasi, Tahbas, Sharqi e un quarto americano sono stati messi agli arresti domiciliari a metà agosto. Un quinto americano era già agli arresti domiciliari.

Un portavoce del Dipartimento di Stato ha osservato che la deroga “consente il trasferimento di fondi da un luogo all’altro, ma non cambia il fatto che possono essere utilizzati solo per acquistare forniture umanitarie dell’Iran”.

“Come abbiamo detto, nessun denaro va direttamente all’Iran e non vengono utilizzati i fondi dei contribuenti. I fondi detenuti in Corea del Sud sono fondi iraniani”, hanno sottolineato. “Questi fondi saranno trasferiti su conti controllati in Qatar, e gli Stati Uniti supervisioneranno come e quando questi fondi verranno utilizzati.”

“È una politica di lunga data degli Stati Uniti garantire che le nostre sanzioni non impediscano il flusso di cibo, medicine e altri beni e servizi umanitari alla gente comune, non importa quanto i loro governi si oppongano”, ha continuato il portavoce, aggiungendo che gli Stati Uniti “non hanno ha revocato nessuna delle nostre sanzioni contro l’Iran e l’Iran non ha ricevuto alcun sollievo dalle sanzioni”.

READ  I Giants sostituirono presto l'infortunato Geno Smith con Drew Lock e i Seahawks

All’epoca in cui gli americani furono messi agli arresti domiciliari, una fonte vicina ai negoziati descrisse lo sviluppo come “un passo incoraggiante”, sottolineando che c’era “fondamentalmente una tabella di marcia concordata”. Tuttavia, hanno aggiunto che “c’è ancora molto lavoro da fare” sul futuro accordo.

“Si svolgerà un processo graduale. Quindi, il primo passo è far uscire la nostra gente dal carcere”, ha detto la fonte.

“E poi ci saranno accordi in cui noi accettiamo di fare certe cose, e l’Iran accetta di fare certe cose, che alla fine porteranno gli americani a tornare a casa”, hanno detto.

“Ci vorrà circa una settimana” prima che i cinque americani ritornino negli Stati Uniti, disse all’epoca la fonte, citando una scadenza di settembre.

La potenziale svolta è arrivata dopo più di un anno di colloqui clandestini tra Washington e Teheran.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *