PNC, JP Morgan fanno un’offerta finale per la First Republic Bank nell’asta FTIC

NEW YORK, 30 aprile (Reuters) – PNC Financial Services Group (PNC.N), JPMorgan Chase & Co (JPMN.N) e Citizens Financial Group Inc (CFG.N) sono tra le banche che hanno presentato le offerte finali per First Republic Banca. FRC.N) domenica in un’asta da parte dei regolatori statunitensi, hanno detto fonti vicine alla questione.

La Federal Deposit Insurance Corp avrebbe dovuto annunciare un accordo domenica sera, mentre l’autorità di regolamentazione potrebbe dire di aver rilevato il prestatore, hanno detto tre fonti a Reuters in precedenza.

Mentre il processo si trascinava fino a domenica sera, una fonte a conoscenza della situazione ha detto che le autorità di regolamentazione sono tornate più volte con richieste di rivedere le offerte e perfezionare criteri specifici sulle proprietà da mettere all’asta. Una decisione è vicina, ha detto la fonte.

I regolatori statunitensi stavano cercando di garantire una vendita di First Republic durante il fine settimana, con quasi una mezza dozzina di banche che si sono offerte per farla diventare la terza grande banca statunitense a fallire in due mesi, hanno detto fonti sabato. Guggenheim Securities sta fornendo consulenza alla FDIC, hanno detto sabato due fonti a conoscenza della questione.

La FDIC non è stata immediatamente disponibile per un commento. Guggenheim, la FRC e le banche hanno rifiutato di commentare.

La Silicon Valley Bank e la Signature Bank non sono riuscite a prendere il volo dagli istituti di credito statunitensi entro due mesi, costringendo la Federal Reserve ad adottare misure di emergenza per stabilizzare i mercati.

Anche se i mercati si calmano, l’accordo per la Prima Repubblica sarà attentamente monitorato per il livello di sostegno che il governo fornirà.

READ  I futures sulle azioni sono stati poco modificati, con i trader che si aspettavano guadagni Walmart

La FDIC assicura ufficialmente depositi fino a $ 250.000. Ma temendo che le banche corressero oltre, le autorità di regolamentazione hanno compiuto il passo straordinario di assicurare tutti i depositi sia presso la Silicon Valley Bank che presso Signature.

Resta da vedere se i regolatori lo faranno nella Prima Repubblica. Richiedono l’approvazione del Segretario al Tesoro, del Presidente e della super maggioranza dei consigli della Federal Reserve e della FDIC.

Nel tentativo di trovare un acquirente prima di chiudere la banca, la FDIC si sta rivolgendo ad alcuni dei maggiori istituti di credito statunitensi. Le grandi banche sono state incoraggiate a fare offerte per le attività di FRC, ha detto una fonte.

JP Morgan detiene oltre il 10% dei depositi bancari totali del paese. La legge federale vieta le acquisizioni di una grande banca che superino una soglia del 10% dei depositi totali, ma può essere revocata dalle autorità di regolamentazione bancaria se acquista una banca in fallimento. Testo della legge del 1994 e interpretazione del documento da parte di una fonte specializzata in fallimenti bancari.

Una caduta clamorosa

First Republic è stata fondata nel 1985 da James “Jim” Herbert, figlio di un banchiere della comunità dell’Ohio. Merrill Lynch ha acquistato la banca nel 2007, ma è stata rimessa in vendita nel 2010 dopo essere stata venduta dal nuovo proprietario di Merrill, Bank of America Corp (BAC.N), in seguito alla crisi finanziaria del 2008.

Negli anni First Republic ha attratto clienti facoltosi con tassi agevolati su mutui e prestiti. Questa strategia ha reso più vulnerabili gli istituti di credito regionali con clienti meno abbienti. La banca disponeva di depositi non assicurati elevati, pari al 68% dei depositi.

READ  La guerra Russia-Ucraina a colpo d'occhio: cosa sappiamo del giorno 344 dell'invasione | Ucraina

L’istituto di credito con sede a San Francisco ha visto fuggire oltre 100 miliardi di dollari di depositi nel primo trimestre, lasciandolo a faticare per raccogliere denaro.

Nonostante un’ancora di salvezza di 30 miliardi di dollari da 11 banche di Wall Street a marzo, gli sforzi si sono rivelati inutili poiché gli acquirenti si sono opposti alla prospettiva di realizzare ingenti perdite sul suo portafoglio prestiti.

Una fonte a conoscenza della situazione ha detto venerdì a Reuters che la FDIC aveva deciso che le condizioni dell’istituto di credito si erano deteriorate e non era rimasto molto tempo per perseguire un piano di salvataggio da parte del settore privato.

Venerdì, il valore di mercato della Prima Repubblica ha toccato un minimo di 557 milioni di dollari nel novembre 2021, in calo rispetto al picco di 40 miliardi di dollari.

Anche le azioni di alcune altre banche regionali sono diminuite venerdì quando è diventato chiaro che First Republic era diretta verso un’amministrazione controllata FDIC, con PacWest Bancorp (PACW.O) in calo del 2% e Western Alliance (WAL.N) in calo dello 0,7% dopo la campanella. .

Segnalazione di Chris Prentice e Nubur Anand, scrittura di Megan Davies; Montaggio di Paridosh Bansal

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *