Nike prevede di sostituire le divise della MLB entro il 2025 dopo mesi di lamentele

Dopo mesi di lamentele da parte di fan e giocatori, Nike dovrebbe sostituire diversi elementi delle sue nuove divise della Major League Baseball entro l’inizio della stagione 2025, secondo una nota ottenuta domenica.

In una nota ai giocatori della MLB Players Association, dopo settimane di conversazioni con la lega e il suo fornitore ufficiale di uniformi, Nike, il sindacato “riceve[d] Signs” includerà le seguenti modifiche: il ritorno alle lettere maiuscole su magliette e pantaloni in jersey, il ripristino delle opzioni di punto precedenti, il conteggio dei punti e la cerniera di alta qualità del 2023.

Inoltre, come ha detto prima Nike AtleticoIl promemoria afferma che Nike sta lavorando per trovare soluzioni alle macchie di sudore dovute alle divise e alle maglie grigie non corrispondenti delle squadre.

“Questo è puramente un problema Nike”, diceva il promemoria. “In sostanza, quello che è successo qui è che Nike ha innovato qualcosa che non aveva bisogno di essere innovato.”

Vale la pena sottolineare cos’è e cosa non è un notebook. Questo, innanzitutto, non è un impegno diretto da parte di Nike. (Nike non ha risposto a una richiesta di commento.) Il sindacato aggiorna i giocatori sui progressi verso tale obiettivo. Né lo è la promessa di un ritorno alle divise delle stagioni precedenti. Per quanto riguarda il tessuto e il design generale della maglia, la Nike Vapor Premier è qui per restare.

Dopo aver debuttato per la prima volta all’All-Star Game del 2023, Nike ha lanciato la Vapor Premier questa primavera e ha ricevuto un immediato contraccolpo. I fan hanno strappato alcuni dei design, in particolare la strana scritta con il nome sul retro. I giocatori hanno espresso la sensazione economica del processo di vestibilità e del tessuto dei pantaloni.

READ  Bailey Chappe, i Patriots battono gli Steelers al 'Thursday Night Football'

Appena iniziata la stagione sono comparse macchie di sudore, i grigi stradali sono stati individuati con tonalità e fasce diverse. Ha cominciato a spegnersi Aggiunta di punti – ovviamente a causa della modifica nel conteggio dei punti. (Un problema non menzionato nelle specifiche è la trasparenza dei pantaloni, poiché, come riportato in precedenza, fonti attendibili affermano che il tessuto dei pantaloni non è cambiato quest’anno, anche se alcuni dettagli minori come la cerniera e i passanti della cintura lo hanno fatto.)

“Abbiamo messo in guardia Nike contro vari cambiamenti nel 2022, in particolare per quanto riguarda i pantaloni”, si legge nella nota. “La MLB era ed è consapevole delle nostre preoccupazioni. Sfortunatamente, fino a poco tempo fa, la posizione di Nike si riduceva sostanzialmente a: “niente da vedere qui, i giocatori devono adattarsi”.

MLB e MLBPA hanno rifiutato di commentare.

Attribuendo la colpa a Nike, la MLBPA ha continuato a sostenere il produttore di uniformi Fanatics. Nel corso dei mesi, man mano che sorsero sempre più problemi con le nuove uniformi, i fanatici attirarono l’ira del pubblico per la confusione. La MLBPA ha esonerato pubblicamente i Fanatics in diverse occasioni, e lo ha fatto di nuovo nella nota di domenica: “I Fanatics sono stati un ottimo partner con i giocatori e hanno prodotto le divise senza problemi negli ultimi otto anni”. Oltre alle partnership con MLB e Nike, Fanatics ha anche un lucroso accordo di licenza con il sindacato dei giocatori e la MLBPA ha investito in Fanatics.

I fanatici rifiutarono l’idea.

“Gli Zealots sono stati, continuano ad essere, un grande partner per i giocatori e hanno realizzato le divise negli ultimi otto anni senza alcun problema”, si legge nella nota. “I fanatici riconoscono l’importanza di sollecitare il feedback dei giocatori, ottenere il buy-in dei giocatori e non aver paura di avere conversazioni difficili su maglie o figurine.

READ  Variante Covid "Arcturus": provoca occhi rosa e cos'altro sapere sul nuovo ceppo

“La nostra speranza è che, andando avanti, Nike adotti un approccio simile.”

Lettura obbligatoria

(Foto: Kevin C. Cox / Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *