Microsoft vende i diritti di streaming per assicurarsi il più grande accordo di videogiochi di Activision

  • La CMA del Regno Unito blocca l’acquisto originario di Microsoft da 69 miliardi di dollari
  • Operazione di rinuncia ai diritti di streaming di Ubisoft
  • L’accordo è stato concepito per continuare l’acquisizione di Microsoft

LONDRA, 22 agosto (Reuters) – Activision Blizzard (ATVI.O), produttore di “Call of Duty”, venderà i suoi diritti di streaming a Ubisoft Entertainment (UBIP.PA), nel nuovo tentativo di ottenere l’approvazione dell’autorità di regolamentazione antitrust britannica per il suo $ 69. Miliardi di vendite a Microsoft (MSFT.O).

Le azioni di Activision sono state scambiate in rialzo dell’1,1%, mentre Microsoft è salita dello 0,7% nelle contrattazioni di mezzogiorno a New York. Le azioni Ubisoft quotate a Parigi hanno chiuso in rialzo dell’8,8%, il rialzo maggiore dell’indice paneuropeo STOXX 600 (.STOXX).

Microsoft ha annunciato il più grande accordo di gioco della storia all’inizio del 2022, ma l’acquisizione è stata bloccata dall’autorità di regolamentazione della concorrenza britannica, che temeva che il colosso informatico statunitense avrebbe acquisito un controllo eccessivo del nascente mercato del cloud gaming.

Dopo mesi di avanti e indietro, l’Autorità per la concorrenza e i mercati (CMA) ha dichiarato martedì di essere rimasta fedele alla sua decisione originale di porre il veto all’accordo, costringendo Microsoft a proporre nuovi termini.

In base all’accordo ristrutturato, Microsoft non può pubblicare esclusivamente giochi Activision come “Overwatch” e “Diablo” sul proprio servizio di streaming cloud, Xbox Cloud Gaming, né controllare esclusivamente i termini di licenza per i servizi rivali.

In cambio, la rivale francese Ubisoft acquisirà i diritti di streaming cloud dei giochi esistenti per PC e console di Activision, nonché dei nuovi giochi rilasciati da Activision nei prossimi 15 anni.

READ  Prevista neve questo fine settimana - NBC New York

Si applica a livello globale ma non in Europa, dove Bruxelles ha già adottato l’accordo originale. In Europa, Ubisoft acquisirà una licenza non esclusiva sui diritti di Activision, che potrà offrire tali giochi anche in quella regione.

La CMA ha affermato che Microsoft deve concedere in licenza i diritti sui giochi Activision di Ubisoft per la propria piattaforma cloud Xbox al di fuori dello Spazio economico europeo.

I regolatori antitrust dell’UE stanno esaminando se la proposta di Microsoft di chiedere l’approvazione del Regno Unito potrebbe influenzare le sue offerte alla Commissione Europea, ha detto un portavoce.

Tom Smith, partner dello studio legale Gerrard Partners e precedentemente direttore legale della CMA, sembra ora pronto a portare a termine l’accordo. “Il processo è tortuoso e c’è ancora la possibilità che gli ingranaggi si stacchino, ma non dovremmo aspettarci che i grandi affari tecnologici vengano conclusi al giorno d’oggi”, ha detto a Reuters.

Martedì Microsoft ha dichiarato di ritenere che la sua nuova proposta sia “significativamente diversa” e che dovrebbe essere esaminata dalla CMA entro il 18 ottobre.

La CMA ha affermato che prenderà in considerazione il nuovo accordo secondo la sua procedura regolare, un processo di Fase 1 iniziato lo scorso ottobre. Termina il 18 Se ci fossero ancora preoccupazioni circa l’impatto sulla concorrenza, la CMA potrebbe aprire un esame di Fase 2 molto più lungo.

Una vista mostra il logo Microsoft negli uffici Microsoft a Issy-les-Moulineaux, vicino a Parigi, Francia, il 25 gennaio 2023. REUTERS/Gonzalo Fuentes/file foto Ottieni i diritti di licenza

Due società statunitensi hanno già prorogato la scadenza del contratto – posticipandola di tre mesi fino al 18 ottobre – dopo che il processo di regolamentazione ha richiesto più tempo del previsto.

READ  Draymond Green afferma di essere stato sospeso per "Flagrant 2 7 anni fa" dopo King's Stomp

Alex Haffner, partner rivale dello studio legale britannico Fladgate, ha affermato di non credere che Microsoft avrebbe fatto il nuovo passo se non avesse creduto di poter ottenere un nuovo accordo con l’autorità di regolamentazione britannica entro il 18 ottobre.

Concorrenza efficace

L’amministratore delegato della CMA, Sarah Gardell, ha affermato che l’autorità di regolamentazione del Regno Unito ora esaminerà attentamente il nuovo accordo, anche cercando il punto di vista di terze parti.

“Il nostro obiettivo non è cambiato: qualsiasi decisione futura su questo nuovo accordo garantirà che il crescente mercato del cloud gaming continui a beneficiare di una concorrenza aperta ed efficace che guida l’innovazione e la scelta”, ha affermato in una nota.

La CMA sosterrà che l’offerta storica di Microsoft, successiva all’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, dimostra il successo del suo approccio duro agli accordi tecnologici.

Tuttavia, i sostenitori della concorrenza sostengono che la divergenza con Bruxelles e i contrasti sull’accordo hanno introdotto una grande incertezza nel panorama normativo.

Anche la Federal Trade Commission negli Stati Uniti si è opposta all’accordo, ma i suoi sforzi per bloccarlo non hanno avuto successo. Tuttavia, l’Unione Europea ha respinto la proposta dopo aver accettato l’obbligo di Microsoft di concedere in licenza i giochi Activision ad altre piattaforme.

La CMA ha inizialmente dichiarato che avrebbe bloccato l’accordo ad aprile e si sta preparando ad andare in tribunale per discutere la sua causa.

Tuttavia, ha compiuto il raro passo di riaprire le indagini a luglio, dopo che Microsoft aveva affermato che gli impegni accettati dall’UE e il nuovo accordo con Sony costituivano un importante punto di svolta.

READ  Aaron Judge ha battuto il record di fuoricampo della American League in una sola stagione con 62.

Martedì la CMA ha affermato che, dopo aver esaminato tali modifiche, non le ha ancora accettate e bloccherà l’accordo originale, costringendo la società statunitense a tornare con i suoi nuovi termini.

Microsoft ha affermato che Ubisoft acquisirà i diritti attraverso un pagamento una tantum e un meccanismo di prezzo all’ingrosso basato sul mercato, che include l’opzione di supportare i prezzi in base all’utilizzo.

Le azioni di Ubisoft, quotata a Parigi, sono aumentate di quasi il 10% alle 14.30 GMT.

Reporting di Yadarisa Shabong a Bangalore e Kate Holden a Londra; Report aggiuntivi di Fu Yun Che a Bruxelles; Montaggio di Barbara Lewis, Sharon Singleton e Mark Potter

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottieni i diritti di licenzaApre una nuova scheda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *