Meta ha multato $ 1,3 miliardi per aver trasferito i dati degli utenti dell’UE negli Stati Uniti

  • Meta è stata multata di 1,2 miliardi di euro ($ 1,3 miliardi) dalle autorità europee di regolamentazione della privacy per aver trasferito i dati degli utenti dell’UE negli Stati Uniti.
  • L’autorità irlandese per la protezione dei dati ha chiesto a Meta di sospendere i “futuri trasferimenti di dati personali” negli Stati Uniti.
  • Facebook ha detto che presenterà ricorso contro la sentenza e la multa.

I visitatori scattano una foto davanti al cartello Meta presso la sua sede a Menlo Park, in California, il 29 dicembre 2022.

Tayfun Coskun | Agenzia Anadolu | Belle foto

Meta è stata multata di 1,2 miliardi di euro ($ 1,3 miliardi) dalle autorità europee di regolamentazione della privacy per aver trasferito i dati degli utenti dell’UE negli Stati Uniti.

La decisione è collegata a una causa intentata dall’attivista austriaco per la privacy Max Schrems, il quale ha sostenuto che il quadro per il trasferimento dei dati dei cittadini dell’UE negli Stati Uniti non proteggeva gli europei dalla sorveglianza statunitense.

Diversi meccanismi per il trasferimento legale dei dati personali sono in competizione tra gli Stati Uniti e l’UE. L’ultima iterazione di questo tipo, il Privacy Shield, è stata annullata nel 2020 dalla Corte di giustizia europea, la più alta corte dell’UE.

L’autorità irlandese per la protezione dei dati ha accusato la società di aver violato il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) del gruppo quando ha continuato a inviare dati personali di cittadini europei negli Stati Uniti in barba a una sentenza della Corte europea del 2020.

Il GDPR è il principale regolamento sulla protezione dei dati dell’Unione Europea che regola le aziende che operano su tutta la linea. È entrato in vigore nel 2018.

READ  Martha's Vineyard: il governatore Ron DeSantis si prende il merito di aver inviato 2 aerei che trasportavano immigrati in Massachusetts

Meta ha utilizzato un meccanismo noto come clausole contrattuali standard per trasferire i dati personali all’interno e all’esterno dell’UE. Nessun tribunale dell’UE lo ha bloccato. Il controllore irlandese sui dati ha affermato che le clausole sono state adottate dalla Commissione europea, il braccio esecutivo dell’UE, insieme ad altre misure attuate da Meta. Tuttavia, il regolatore ha affermato che questi accordi non affrontano i rischi per i diritti e le libertà fondamentali degli interessati individuati dalla Corte di giustizia europea.

L’autorità irlandese per la protezione dei dati ha anche dichiarato a Meta che “sospenderà futuri trasferimenti di dati personali negli Stati Uniti per un periodo di cinque mesi”.

Meta è stata multata di 1,2 miliardi di euro per aver violato il GDPR. Nel 2021, il gigante dell’e-commerce Amazon è stato multato di 746 milioni di euro per violazioni del GDPR.

Meta ha detto che farà appello contro il verdetto e la multa.

“Stiamo facendo appello contro queste decisioni e impediremo immediatamente ai tribunali di sospendere il termine di esecuzione dato il danno che questi ordini causeranno, anche ai milioni di persone che usano Facebook ogni giorno”, ha affermato Nick Clegg. Jennifer Newstead, Chief Legal Officer of Global Affairs della società, ha dichiarato lunedì in un post sul blog.

Il caso Meta ha riorientato gli sforzi dell’UE e di Washington per concordare un nuovo meccanismo di scambio di dati. Gli Stati Uniti e l’UE hanno concordato lo scorso anno “in linea di principio” un nuovo quadro per i trasferimenti transfrontalieri di dati. Tuttavia, il nuovo accordo deve ancora entrare in vigore.

Meta spera che questo accordo sulla privacy dei dati UE-USA venga stabilito prima della scadenza del regolatore irlandese.

READ  Carolina del Sud vs. Stato NC: streaming live, ora di inizio, canale TV, come guardare la Final Four femminile NCAA 2024

Se il nuovo framework “entra in vigore prima della scadenza del termine di implementazione, i nostri servizi possono continuare come fanno oggi senza alcuna interruzione o impatto sugli utenti”, hanno affermato Clegg e Newstead.

Correzione: questa storia è stata aggiornata per riflettere la cittadinanza austriaca di Max Schrems.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *