La morte dell’ex papa Benedetto ha messo in ombra il nuovo anno in Vaticano

CITTA’ DEL VATICANO, 1 gennaio (Reuters) – Papa Francesco ha celebrato domenica la tradizionale Giornata mondiale della pace della Chiesa cattolica romana, ma l’inizio del nuovo anno in Vaticano è stato oscurato dalla morte del suo predecessore, Benedetto.

Francesco ha presieduto la Messa nella Basilica di San Pietro mentre il corpo di Benedetto, morto sabato all’età di 95 anni, è stato preparato per l’esposizione pubblica nella stessa chiesa per tre giorni a partire da lunedì.

Domenica il Vaticano ha rilasciato le prime foto del defunto Benedetto, che lo mostrano in vesti liturgiche rosse e oro e giace in posizione nella cappella del monastero dove è morto.

Dopo la morte di Papa Giovanni Paolo nel 2005, il suo corpo sarebbe stato trasferito privatamente nella basilica, il suo corpo sarebbe stato spostato in una solenne processione all’aperto, trasmessa in diretta in tutto il mondo.

In linea con i desideri di Benedetto, il suo funerale giovedì sarà semplice e solenne. Era la prima volta da secoli che un papa in carica presiedeva il funerale del suo predecessore. Benedetto, che si è dimesso nel 2013, è diventato il primo papa a dimettersi in 600 anni.

gen. La prima è la festa della Madre di Dio, e nel suo elogio Francesco ha chiesto alla Madonna di accompagnare il “nostro amato” Papa emerito Benedetto “nel suo passaggio da questo mondo a Dio”.

Benedetto ha ricordato anche in una delle preghiere della messa.

Nell’omelia Francesco ci ha chiesto di essere attivi per la pace, non per “perdere tempo incollati alla tastiera davanti allo schermo del computer” ma per “sporcarci le mani e fare del bene”.

READ  Il solstizio d'inverno cade di giovedì, portando con sé il giorno più corto dell'anno

Più tardi, nella benedizione domenicale in piazza San Pietro, Francesco ha lanciato un altro appello per la fine del conflitto in Ucraina, che ha definito un “intollerabile contrasto” con il tema del giorno.

Lodi, ma anche critiche a fin di bene

Sabato sera il Vaticano ha rilasciato una “testimonianza spirituale” di due pagine scritta nel 2006, un anno dopo che Benedetto era stato eletto papa. Non si spiega perché Benedetto non l’abbia rinnovata man mano che cresceva e diventava più fragile.

In essa chiedeva in modo generale e spirituale che Dio lo accogliesse nella vita interiore “nonostante tutti i miei peccati e le mie colpe”.

Sabato Francesco ha definito Benedetto un uomo nobile e amorevole che è stato un dono per la Chiesa e per il mondo.

Mentre leader mondiali e fedeli conservatori hanno continuato a rendere omaggio all’ex papa, altri hanno criticato aspramente il suo pontificato.

Pochi ricordano la sua dura disciplina nei confronti dei teologi progressisti, in particolare in America Latina, quando era a capo del dipartimento teologico del Vaticano sotto Papa Giovanni Paolo II. Quelle azioni hanno spinto i cattolici liberali a chiamare l’allora cardinale Joseph Ratzinger “il Rottweiler di Dio”.

Mentre alcuni hanno elogiato Benedetto per aver compiuto passi importanti per semplificare la risposta del Vaticano agli abusi sessuali del clero, i gruppi di vittime lo hanno accusato di proteggere l’istituzione a tutti i costi.

“A nostro avviso, la morte di Papa Benedetto XVI ci ricorda che, come Giovanni Paolo II, Benedetto era più preoccupato per il deterioramento dell’immagine e dell’ordine della Chiesa che per comprendere il concetto di flusso finanziario e di perdono genuino per le vittime di abusi”, ha detto il gruppo anti-abuso SNAP.

READ  "L'aumento senza precedenti dei bambini" di RSV

Come molti altri funzionari vaticani che hanno lavorato con Benedetto, il cardinale canadese Mark Olette ha affermato di ritenere che il pontefice tedesco abbia lasciato “una grande eredità” come uomo di Dio e uomo di cultura.

“Credo che un profondo ripensamento della fede cristiana di fronte alle sfide del nostro tempo sia un compito per il futuro”, ha detto Ouellet a Reuters.

Segnalazione di Philip Pullella Montaggio di Crispian Palmer e Frances Kerry

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *