La luna di Saturno, Encelado, contiene il materiale per l’origine della vita

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie su scoperte affascinanti, scoperte scientifiche e altro ancora.



CNN

Gli scienziati hanno a lungo considerato Encelado, una luna di Saturno, che ha un oceano sotto il suo spesso guscio ghiacciato, come uno dei posti migliori in cui cercare la vita oltre la Terra.

Ora, una nuova analisi dei dati raccolti dalla missione Cassini della NASA, che ha orbitato attorno a Saturno e alle sue lune tra il 2004 e il 2017, ha rivelato prove intriganti che supportano ulteriormente l’idea che Encelado sia un mondo oceanico abitabile.

Encelado inizialmente attirò l’attenzione degli scienziati nel 2005 perché furono visti ghiaccio e vapore acqueo sollevarsi attraverso le fessure nel ghiaccio della luna e fuggire nello spazio. La navicella spaziale ha volato attraverso i pennacchi e li ha “campionati”, i dati indicano la presenza di composti organici all’interno dei pennacchi, alcuni dei quali sono importanti per la vita.

Una recente analisi dei dati dei sorvoli ravvicinati di Cassini su Encelado ha rivelato il rilevamento di una molecola chiamata acido cianidrico, che è tossica per gli esseri umani ma fondamentale per i processi che guidano l’origine della vita. Inoltre, il team ha anche trovato prove che l’oceano di Encelado contiene composti organici che forniscono una fonte di energia chimica che potrebbe essere utilizzata come potente combustibile per qualsiasi forma di vita.

Uno studio che dettaglia i risultati è stato pubblicato giovedì sulla rivista Astronomia naturale.

“Il nostro lavoro fornisce ulteriori prove del fatto che Encelado ospita alcune delle molecole più importanti per costruire gli elementi costitutivi della vita e sostenerla attraverso reazioni metaboliche”, ha affermato Jonah Peters, dottorando in biofisica all’Università di Harvard. , in una dichiarazione.

READ  Matthew Pottinger, un ex funzionario di Trump NSC, testimonierà all'udienza di giovedì 6 gennaio

“Non solo Encelado sembra soddisfare i requisiti fondamentali per la vita, ma ora abbiamo un’idea di come potrebbero formarsi biomolecole complesse e che tipo di percorsi chimici potrebbero essere coinvolti.”

I materiali necessari per la vita sulla Terra includono acqua, energia ed elementi chimici. La nuova ricerca fornisce agli scienziati mappe chimiche che possono essere testate in laboratorio, ha affermato Peter.

Gli amminoacidi sono alcuni degli elementi costitutivi della vita e il cianuro di idrogeno è considerato una molecola versatile che consente la formazione di amminoacidi, riferiscono gli autori dello studio.

“La scoperta dell’acido cianidrico è stata particolarmente emozionante perché è il punto di partenza per la maggior parte delle teorie sull’origine della vita”, ha detto Peter. “Quanto più cercavamo di colmare i buchi nei nostri risultati testando modelli alternativi, tanto più forti diventavano le prove.
Alla fine, è diventato chiaro che non c’era modo di ottenere una composizione corrispondente alla fioritura senza aggiungere acido cianidrico.

In precedenza, nei pennacchi di Encelado erano state rilevate molecole come anidride carbonica, metano, idrogeno molecolare, acqua e ammoniaca, che riflettevano la composizione dell’oceano sotto il ghiaccio.

La combinazione di questi elementi suggerisce che su Encelado potrebbe essere in gioco un processo chiamato metanogenesi, o la creazione metabolica di metano. Gli scienziati ritengono che la metanogenesi possa aver avuto un ruolo sulla Terra primordiale, contribuendo all’origine della vita.

Ma una nuova ricerca indica che nell’oceano di Encelado si trovano fonti di energia chimica più diversificate e potenti. Oltre all’acido cianidrico, i composti organici trovati nell’analisi includevano acetilene, propilene ed etano, nonché tracce di alcoli come metanolo e ossigeno molecolare, suggerendo che esiste più di un modo per sopravvivere nel mondo marino.

READ  Progetto Willow: l'amministrazione Biden approva il progetto petrolifero dell'Alaska

“Se la metanogenesi è come una piccola batteria di orologio, in termini di energia, i nostri risultati suggeriscono che l’oceano di Encelado potrebbe fornire qualcosa di simile alla batteria di un’auto, in grado di fornire più energia a qualsiasi forma di vita”. Lo ha affermato Kevin Hand, scienziato associato del programma presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California.

Ora, gli autori dello studio vogliono indagare su come sono diluiti i composti organici all’interno dell’oceano sotterraneo, in quanto ciò potrebbe determinare se la diluizione di questi composti potrebbe sostenere la vita su Encelado.

In futuro, gli astronomi sperano di inviare una missione dedicata per indagare su Encelado, che fornirà una risposta definitiva sull’esistenza della vita nel mondo oceanico.

Anche se la missione Cassini si è conclusa sei anni fa, i suoi dati sono ancora un tesoro di nuove informazioni.

“Le osservazioni (della missione) continuano a darci nuove informazioni su Saturno e le sue lune, incluso l’enigmatico Encelado”, ha detto in una nota lo scienziato planetario del JPL Tom Nordheim, che ha lavorato alla missione Cassini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *