Jusuf Nurkic rispetta ancora Draymond Green, nessun rancore dopo l’incidente – NBC Sports Bay Area e California

Jusuf Nurkic rispetta ancora Draymond Green e non lo vede diversamente dopo aver subito un colpo in faccia al veterano dei Warriors martedì sera.

“Ho molto rispetto per lui, ovviamente, anche prima”, ha detto il centro dei Phoenix Suns prima della partita di mercoledì contro i Brooklyn Nets al Footprint Center (h/t). Duane Rankin della Repubblica dell’Arizona) “Ho più. Non so cosa stiano facendo le persone. Non è un nostro problema, ma per me è un campione NBA, ed è ancora un Hall of Famer.

“È un po’ triste vedere le persone andare nella cattiva direzione”, ha detto Nurkic. “Voglio che abbia successo e che sia ancora il Draymond che tutti conosciamo. Non provo rancore o odio nei suoi confronti.

Green è stato espulso nel terzo quarto della sconfitta per 119-116 del Golden State contro Phoenix dopo che gli arbitri gli avevano assegnato un flagrante secondo fallo per aver colpito Nurkic e averlo colpito in faccia durante il gioco in entrata.

Green ha detto dopo la partita che non voleva colpire Nurkic. Invece, Green ha detto che credeva che il lungo uomo dei Suns si stesse tenendo l’inguine e stesse cercando di vendere una chiamata sbagliata. Green ha anche detto di essersi scusato con Nurkic.

Green è stato espulso tre volte in questa stagione.

“Cosa gli succede? Non lo so”, ha detto Nurkic dopo la partita di martedì. “Quel fratello ha bisogno di aiuto. Sono felice che non mi stia strozzando. Ma allo stesso tempo, non ha niente a che fare con il basket. Io sono fuori e provo a giocare a basket, e loro fuori fanno swing. .

READ  Le conquiste russe nell'Ucraina orientale segnano un cambiamento nel ritmo della guerra

“Penso che l’abbiamo visto spesso, e qualunque cosa ottenga nella vita, spero che sia buona.”

Nurkić ha detto il giorno successivo che l’NBA “farà ciò che è meglio per il campionato”. [Draymond]”Più sulla disciplina. Così è stato.

Mercoledì la NBA ha annunciato di aver sospeso Green a tempo indeterminato, citando la “continua storia di comportamento antisportivo” dell’attaccante dei Warriors come fattore nella decisione.

La sospensione di Green ha effetto immediato, secondo l’NBA, e deve soddisfare determinate condizioni del campionato e della squadra prima di poter tornare a giocare.

Scarica e segui il podcast Dubs Talk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *