Il Nasdaq salta mentre Nvidia gira l’angolo

Martedì i titoli azionari statunitensi sono rimasti sostanzialmente stabili, poiché il produttore di chip AI Nvidia (NVDA) ha registrato un cauto rimbalzo dopo una flessione di tre giorni mentre gli investitori hanno riequilibrato i loro portafogli alla fine del trimestre.

Il Nasdaq Composite (^IXIC), ad alto contenuto tecnologico, è salito di circa lo 0,7%, mentre il benchmark S&P 500 (^GSPC) è salito dello 0,2%. Il Dow Jones Industrial Average (^DJI) è stato l’unico indice importante in rosso, perdendo circa lo 0,3% dopo essere salito di oltre 200 punti all’inizio della settimana.

Le azioni sembrano più brillanti dopo il crollo del Nasdaq e dell’S&P 500, mentre il calo di Nvidia ha innescato un rally tecnologico che ha alimentato i guadagni quest’anno. Mentre un trimestre stellare volge al termine, si ritiene che gli investitori stiano prendendo i profitti realizzati in titoli collegati all’intelligenza artificiale, sollevando dubbi sull’opportunità che le recenti perdite debbano andare oltre.

Le azioni di AI Darling sono aumentate di oltre il 3% nelle prime negoziazioni, prima di crollare di oltre il 6% lunedì.

Allo stesso tempo, il Dow sembra stare prendendo piede nel contesto di uno spostamento dai titoli tecnologici ai titoli value, dando peso all’idea di estendere i guadagni ad altri settori.

Altrove, si attende l’aggiornamento di venerdì dell’indice della spesa per consumi personali (PCE), l’input inflazionistico preferito dalla Federal Reserve. Martedì il governatore Michelle Bowman ha insistito sul fatto che era pronta ad aumentare i tassi di interesse se mantenerli stabili non fosse riuscito a domare le pressioni sui prezzi.

Sul fronte dei dati economici, i prezzi delle case hanno raggiunto un nuovo record in aprile, anche se la crescita annuale ha rallentato rispetto al mese precedente. S&P CoreLogic Case-Shiller Rapporto.

Nel frattempo, un dato sulla fiducia dei consumatori ha evidenziato le crepe della precedente recessione. Come ivi affermato Lettura recente Secondo il Conference Board, l’indice di giugno si è attestato a 100, sotto il 101,3 di maggio. I risultati erano in linea con le aspettative degli economisti intervistati da Bloomberg.

“La fiducia si è ritirata a giugno, ma è rimasta all’interno dello stesso range ristretto degli ultimi due anni, poiché la forza delle attuali prospettive del mercato del lavoro ha continuato a superare le preoccupazioni per il futuro”, ha affermato Dana M. Peterson ha detto. Nell’output dei dati. “Tuttavia, la fiducia potrebbe indebolirsi nel corso dell’anno se emergessero debolezze materiali nel mercato del lavoro.”

READ  Il Dow è sceso nel trading attivo, mentre il Nasdaq ha mantenuto alcuni guadagni

vivere6 aggiornamenti

  • Il Bitcoin vale oltre $ 60.000

    I prezzi del Bitcoin (BTC-USD) stanno riprendendo forza dopo essere scesi lunedì sotto i 60.000 dollari, il livello più basso dall’inizio di maggio.

    La criptovaluta è aumentata di circa l’1% nelle negoziazioni di martedì mattina, attestandosi sopra i 61.650 dollari a moneta. Anche altre criptovalute come Ethereum (ETH-USD) si sono rafforzate dopo i movimenti positivi di Bitcoin.

    Il Bitcoin è sceso di circa il 12% negli ultimi tre mesi, ma è cresciuto di oltre il 45% nel corso dell’anno, sostenuto dalle recenti approvazioni della SEC degli ETF SPOT Bitcoin.

  • La fiducia dei consumatori si attenua leggermente a giugno

    La fiducia dei consumatori si è leggermente attenuata a giugno, arrestando ogni segnale di ripresa.

    IL Lettura recente del codice Il Conference Board si attesta a 100, sotto il 101,3 di maggio e in linea con i 100 economisti attesi da Bloomberg.

    “La fiducia è scesa a giugno, ma è rimasta all’interno dello stesso range ristretto degli ultimi due anni, con la forza delle attuali prospettive sul mercato del lavoro che continuano a superare le preoccupazioni per il futuro. Tuttavia, se emergessero debolezze materiali nel mercato del lavoro, la fiducia potrebbe indebolirsi. nel corso dell’anno”, secondo il Conference Board. Il capo economista Dana M. Peterson ha detto.

    Peterson ha aggiunto: “I consumatori hanno espresso sentimenti contrastanti questo mese: la loro visione delle condizioni attuali è migliorata leggermente nel complesso, guidata da un miglioramento del sentiment sull’attuale mercato del lavoro, ma la loro valutazione delle attuali condizioni commerciali si è raffreddata”.

  • Campanello d’apertura: il Nasdaq balza, il Dow scivola

    Martedì i titoli azionari statunitensi hanno aperto contrastati, in rialzo di oltre lo 0,2% nei primi scambi, poiché il produttore di chip AI Nvidia (NVDA) ha tracciato un cauto rimbalzo dopo un calo di tre giorni.

    Il Nasdaq Composite (^IXIC), ad alto contenuto tecnologico, è salito di circa lo 0,5%, mentre il benchmark S&P 500 (^GSPC) è salito dello 0,2%. Il Dow Jones Industrial Average (^DJI) è stato l’unico indice importante in rosso, perdendo circa lo 0,2% dopo essere salito di oltre 200 punti all’inizio della settimana.

  • I prezzi delle case hanno raggiunto un nuovo record in aprile

    I prezzi delle case hanno stabilito un nuovo record ad aprile mentre il mercato si restringeva. Ma la crescita su base annua è rallentata rispetto al mese precedente.

    I prezzi delle case nelle 20 maggiori aree metropolitane degli Stati Uniti sono aumentati del 7,2% nei 12 mesi terminati ad aprile, in calo rispetto al guadagno annuo del 7,5% del mese precedente. S&P CoreLogic Case-Shiller. Su base mensile, ad aprile i prezzi delle case nelle 20 città più grandi sono aumentati dello 0,4% rispetto al mese precedente.

    Le scarse scorte, gli alti tassi ipotecari e i prezzi record delle case hanno spinto il mercato immobiliare fuori o raggiungendo molti acquirenti. Gli economisti della Bank of America ritengono che il boom immobiliare non scomparirà presto.

    “Il mercato immobiliare statunitense è bloccato, e non crediamo che lo sarà presto”, ha scritto lunedì l’economista della Bank of America Michael Capen in una nota ai clienti.

    “Dopo l’impennata dell’attività immobiliare durante la pandemia, questa si è ritirata e si è stabilizzata. Vediamo forze che hanno ridotto l’accessibilità economica, creato un effetto di blocco per i proprietari di case e limitato l’attività immobiliare nel nostro orizzonte di previsione”, ha aggiunto l’economista.

    A questo punto, la banca d’investimento ritiene che gli shock pandemici nel settore immobiliare debbano ancora attraversare il mercato. La Bank of America prevede che i prezzi delle case aumenteranno di circa il 4,5% quest’anno e del 5,0% l’anno prossimo, ma rallenteranno allo 0,5% nel 2026.

  • Un grave rischio di mercato per il 2025

    Come se avessi bisogno di altri soldi di cui preoccuparti.

    In un’intervista esclusiva con Yahoo Finance Jennifer Schönberger Lunedì in tarda serata, il segretario al Tesoro americano Janet Yellen ha ricordato agli investitori che i tagli fiscali di Trump scadranno nel 2025.

    Non riesco a pensare all’ultimo investitore con cui ho parlato che abbia espresso preoccupazione per la scadenza e per come potrebbe influenzare i mercati.

    Ma Yellen ha fatto del suo meglio per riportare alla luce questo fatto:

    “La politica distintiva degli anni di Trump è stata il Tax Cuts and Jobs Act, che prometteva un boom degli investimenti, ma in realtà non si è concretizzato. Ha concesso enormi agevolazioni fiscali alle aziende e ai ricchi. E ha portato a un enorme aumento delle il deficit e ha abbassato le entrate fiscali al di sotto delle norme storiche, e penso che sia responsabile di molti dei problemi che dobbiamo affrontare.

    Ovviamente oggi non sappiamo ancora in gran parte come si comporteranno i mercati nel 2025 se i tagli fiscali non verranno estesi a causa dei timori legati al deficit. Tuttavia, non dovrebbe essere ignorato nel processo di pianificazione degli investimenti. Considera solo questo: se non vi è alcuna estensione del taglio delle tasse, l’aliquota fiscale massima passerà dal 37% al 39,6%.

    Sono soldi veri per persone vere.

    Di seguito è disponibile l’intervista completa di Jenn al segretario al Tesoro Janet Yellen.

  • Un utile promemoria su Nvidia

    Anche se in questo momento tutti sembrano essere esperti di Nvidia (NVDA), esprimendo poeticità sul recente improvviso crollo del titolo, stamattina non seguirei quella strada.

    Volevo invece fornire alcuni numeri reali con l’aiuto dell’analista tecnico di BTIG Jonathan Grinsky. Forniscono un buon contesto per spiegare il motivo per cui le azioni Nvidia si stanno prendendo una pausa.

    Ciò che dice Krinsky è un promemoria per le persone che le azioni non salgono ogni giorno.

    “NVDA ha recentemente scambiato circa il 100% al di sopra della sua media mobile a 200 giorni. Dal 1990, nessuna azienda statunitense ha registrato scambi al di sopra della sua media mobile a 200 giorni, mentre Cisco ( CSCO ) era all’80% nel marzo 2000. In particolare, NVDA ha sovraperformato Microsoft a il suo picco la scorsa settimana, il 24 marzo. CSCO ha sovraperformato brevemente MSFT, e ha superato sia CSCO che Nasdaq, ma negli ultimi cinque anni, questa volta i fondamentali sono molto diversi, con NVDA + CSCO + negli ultimi 18 mesi è in crescita del +827%, rispetto ad un guadagno del 4.460%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *