Il Dow scende di quasi 500 punti per chiudere a un nuovo minimo per il 2022.

Venerdì le azioni sono scese per coronare una settimana brutale per i mercati finanziari poiché l’aumento dei tassi di interesse e la volatilità della valuta estera hanno alimentato i timori di una recessione globale.

La media industriale del Dow Jones è scesa di 486,27 punti, o dell’1,62%, a 29.590,41. L’S&P 500 è sceso dell’1,72% a 3.693,23, mentre il Nasdaq Composite è sceso dell’1,8% a 10.867,93.

Il Dow ha toccato un nuovo minimo sotto 30.000 per la prima volta dal 17 giugno. L’indice a 30 azioni è crollato del 19,9% su base intraday e ha flirtato con il mercato ribassista, scendendo di oltre 826 punti a un certo punto.

Tutte le principali medie hanno raggiunto la quinta settimana negativa nelle ultime sei settimane, con il Dow che ha ceduto il 4%. L’S&P e il Nasdaq sono scesi rispettivamente del 4,65% e del 5,07%. Ha segnato la quarta sessione negativa consecutiva per le medie principali, poiché la banca centrale ha attuato un altro enorme aumento dei tassi di 75 punti base mercoledì e ha indicato che ne avrebbe fatto un altro durante la riunione di novembre.

“Il mercato si sta spostando in modo chiaro e rapido dalle preoccupazioni per l’inflazione alle preoccupazioni per un’aggressiva campagna della Federal Reserve”, ha affermato Quincy Crosby di LBL Financial. “Vedi i rendimenti obbligazionari salire a livelli che non vedevamo da anni, questo cambia la mentalità su come la Fed arriva alla stabilità dei prezzi senza rompere qualcosa”.

La sterlina britannica ha segnato a Nuovi minimi in più di tre decenni Un nuovo piano economico che include tagli alle tasse rispetto al dollaro USA dopo che un nuovo piano economico del Regno Unito ha sconvolto i mercati ora temendo l’inflazione. Principali mercati europei Perso il 2% il giorno.

READ  Jaylan Ferguson dei Baltimore Ravens muore a 26 anni: "È un giovane meraviglioso" | Corvi di Baltimora

“È un pasticcio macro globale che il mercato sta cercando di risolvere”, ha detto Crosby.

I rendimenti obbligazionari sono aumentati questa settimana in seguito alle azioni della Fed, con i tassi del Tesoro a 2 e 10 anni che hanno raggiunto livelli che non si vedevano da un decennio.

Goldman Sachs Ha tagliato il suo obiettivo S&P 500 di fine anno Prevede un calo di almeno il 4% da qui in quanto i tassi continuano a salire.

I titoli più vulnerabili a una recessione hanno guidato le perdite della settimana, con il settore dei beni voluttuari dell’S&P 500 in calo del 7%. L’energia è scesa del 9% a causa del calo dei prezzi del petrolio. Venerdì i titoli di crescita sono scesi, inclusi i grandi nomi della tecnologia Apple, Amazon, Microsoft e MetaPlatforms.

“Sulla base delle discussioni con i nostri clienti, la maggior parte degli investitori azionari accetta l’opinione che uno scenario di atterraggio duro sia inevitabile e si concentrano sui tempi, sull’entità e sulla durata della recessione e sulle strategie di investimento per tale prospettiva”, ha scritto Goldman Sachs. In una nota ai clienti di David Ghost, restringe il suo punto di vista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.