I repubblicani detengono la maggioranza alla Camera degli Stati Uniti e il Senato è ancora in palio

Washington, nov. 10 (Reuters) – I repubblicani erano sul punto di assicurarsi la maggioranza alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti all’inizio di giovedì, mentre il controllo del Senato era in bilico, due giorni dopo che i democratici avevano tenuto a bada una “marea rossa” repubblicana a metà mandato. Elezioni.

I repubblicani hanno conquistato almeno 210 seggi alla Camera, secondo Edison Research, otto dei 218 necessari per strappare la Camera ai Democratici e bloccare efficacemente l’agenda legislativa del presidente Joe Biden.

Nonostante favorisca i repubblicani, con 33 gare della Camera ancora indecise – di cui 21 delle 53 gare più competitive, secondo un’analisi Reuters dei principali meteorologi apartitici – il risultato finale non sarà determinato per qualche tempo.

(Risultati elettorali diretti in tutto il paese Qui.)

Il destino del Senato era più limitato. Entrambe le parti potrebbero prendere il controllo spazzando via le gare strettamente chiamate in Nevada e Arizona, dove i funzionari stanno formalmente contando migliaia di voti non contati.

Una divisione porterebbe la maggioranza del Senato alla rielezione in Georgia per la seconda volta in due anni. Martedì, l’incumbent democratico Raphael Warnock e lo sfidante repubblicano Herschel Walker non sono riusciti a raggiungere il 50%, preparandoli ad affrontarsi il 6 dicembre.

Anche una sottile maggioranza alla Camera consentirebbe ai repubblicani di plasmare il resto del mandato di Biden, bloccando priorità come il diritto all’aborto e avviando indagini sulla sua amministrazione e sulla sua famiglia.

Biden ha riconosciuto questa realtà mercoledì, dicendo che era disposto a lavorare con i repubblicani. Un funzionario della Casa Bianca ha detto che Biden ha parlato al telefono con il leader repubblicano Kevin McCarthy, che all’inizio della giornata ha annunciato la sua intenzione di candidarsi alla carica di presidente della Camera se i repubblicani controllano la camera.

READ  L'attentatore ha colpito poco dopo mezzogiorno a Kiev, capitale dell'Ucraina

“Penso che il popolo americano si aspetti che i repubblicani siano disposti a lavorare con me”, ha detto Biden in una conferenza stampa alla Casa Bianca.

Se McCarthy diventa il prossimo presidente della Camera, potrebbe avere una sfida a mantenere il suo caucus fratturato insieme a un’estrema destra che ha scarso interesse per il compromesso.

I repubblicani dovrebbero chiedere tagli alla spesa il prossimo anno in cambio dell’aumento del tetto del debito della nazione, uno scontro che potrebbe minacciare i mercati finanziari.

Il controllo del Senato, nel frattempo, darebbe ai repubblicani il potere di bloccare i candidati di Biden per incarichi giudiziari ed esecutivi.

Risultati misti

Il partito al potere storicamente subisce pesanti perdite nelle prime elezioni di medio termine di un presidente e Biden ha lottato con bassi indici di approvazione. Ma i Democratici sono riusciti a evitare la schiacciante sconfitta che i repubblicani avevano sperato.

Martedì I risultati hanno suggerito agli elettori Ha rimproverato Biden per la peggiore inflazione degli ultimi 40 anni, mentre si opponeva agli sforzi repubblicani per vietare l’aborto e metteva in dubbio il processo di conteggio dei voti della nazione.

Biden aveva inquadrato le elezioni come una prova della democrazia americana in un momento in cui centinaia di candidati repubblicani hanno abbracciato le false affermazioni di Trump secondo cui le elezioni presidenziali del 2020 erano state rubate.

Molti dissidenti hanno vinto martedì, ma molti che hanno cercato posti per supervisionare le elezioni a livello statale sono stati sconfitti.

“È un buon giorno per la democrazia, credo”, ha detto Biden.

Trump, che ha svolto un ruolo attivo nel reclutamento di candidati repubblicani, ha avuto risultati contrastanti.

READ  L'avvocato di Trump Rudy Giuliani è stato ordinato di testimoniare davanti a un gran giurì della Georgia

Ha ottenuto una vittoria in Ohio, dove l’autore di “Hillbilly Elegy” JD Vance ha vinto un seggio al Senato in mani repubblicane. Ma diversi candidati sostenuti da Trump hanno subito delle sconfitte, tra cui il famoso chirurgo in pensione Mehmet Oz, che ha perso una corsa chiave al Senato contro il democratico John Fetterman in Pennsylvania.

Nel frattempo, il governatore repubblicano della Florida Ron DeSantis, che potrebbe sfidare Trump nel 2024, ha vinto la rielezione di quasi 20 punti percentuali, aumentando il suo profilo nazionale in crescita.

Segnalazioni di Joseph Axe, Andy Sullivan, Makini Price, Susan Hevey, Richard Cowan, Steve Holland, Jeff Mason e Doina Chiaku a Washington, Gabriella Porter a Birmingham, Michigan, Nathan Lane in Alpharetta, Tim Reed in Georgia e Tim Reed in Barker. Reno, Nevada; di Joseph Ochs; Montaggio di Tom Hogue

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.