Crescono i timori che l’Egitto possa utilizzare l’app Cop27 per rintracciare i critici del regime | Poliziotto 27

Crescono i timori sulla sorveglianza da parte dei delegati Poliziotto 27 Colloqui sul clima in Egitto, avvertono gli esperti di sicurezza informatica, è possibile accedere alla posizione degli utenti, alle foto e persino alle e-mail scaricando l’app ufficiale per i colloqui.

Mentre più di 25.000 capi di stato, diplomatici, negoziatori, giornalisti e attivisti di tutto il mondo si riuniscono per un vertice sul clima che inizia domenica a Sharm el-Sheikh, le rivelazioni hanno sollevato preoccupazioni sul fatto che il regime autoritario egiziano possa farne uso. Un sito ufficiale per l’evento delle Nazioni Unite per monitorare e molestare i partecipanti e le voci interne critiche.

Ufficiale Poliziotto 27 L’app, che è già stata scaricata 5.000 volte, richiede autorizzazioni dettagliate da parte degli utenti prima di installarla, inclusa la visualizzazione di e-mail, la ricerca di foto e la determinazione della posizione degli utenti, secondo un esperto che ha studiato il Ministero delle Comunicazioni e dell’Information Technology egiziano. Questo è per il Guardian.

I dati potrebbero essere utilizzati dal regime di Abdel Fattah al-Sisi per reprimere ulteriormente il dissenso in un paese già esistente. mantiene Circa 65.000 prigionieri politici. L’Egitto ha tenuto serie di massa Arresti In vista della Cop27, i manifestanti accusati hanno cercato di controllare e mettere in quarantena tutti gli attivisti vicino ai colloqui, che vedranno i governi cercare di raggiungere un accordo per affrontare la crisi climatica.

“È un supercriminale dei cartoni animati di un’app”, ha affermato Jenny Gebhardt, direttrice dell’advocacy presso la Electronic Frontier Foundation. “La più grande bandiera rossa è il numero di autorizzazioni richieste, che non è necessario per la funzionalità dell’app e suggerisce che stanno cercando di tracciare i partecipanti.

“Nessuna persona ragionevole vuole accettare di essere monitorata da uno stato nazionale o che le sue e-mail vengano lette da loro, ma spesso le persone fanno clic su queste autorizzazioni senza pensarci troppo”.

Ha aggiunto: “Non riesco a pensare a una sola buona ragione per cui hanno bisogno di questi permessi. Come verranno utilizzate queste informazioni è una questione aperta: solleva una serie di possibilità spaventose. Questo può avere un effetto calmante sulle persone che si rendono conto di essere viste in questo modo e si autocensurano. Avrà un effetto agghiacciante”.

Hussain Boumi di Amnesty International ha detto al Guardian che gli attivisti tecnologici che lavorano per l’organizzazione per i diritti umani hanno esaminato l’app e segnalato diverse preoccupazioni prima della Cop27. L’app è stata in grado di connettere le due diverse app con accesso alla fotocamera, al microfono, al Bluetooth e ai dati sulla posizione degli utenti.

“Può essere utilizzato per la sorveglianza”, ha detto.

Boumi ha aggiunto: “I problemi che hanno riscontrato sono stati principalmente i permessi richiesti. Se fornito, ciò consente all’applicazione di essere utilizzata per il tracciamento contro di te. Raccoglie i dati e li invia a due server, di cui uno in Egitto. I funzionari non hanno detto cosa fanno con questi dati e possono utilizzare l’app per raccogliere enormi quantità di dati da tutti coloro che la utilizzano.

Amar Magdi di Human Rights Watch ha affermato che anche la sua organizzazione ha valutato l’app e ha scoperto che “apre la porta all’uso improprio”.

Conferenze come Cop27 sono “una grande opportunità dal punto di vista della sicurezza per la raccolta di informazioni”, ha aggiunto Magdi, aggiungendo che alcuni attivisti “vogliono saperne di più su di loro”.

Abdel Fattah al-Sisi, presidente dell’Egitto. Foto: Christian Mang/Reuters

Gli attivisti per i diritti umani in Egitto hanno segnalato preoccupazioni per l’app Cop27 subito dopo che è diventata disponibile.

“Ora puoi scaricare l’ufficiale #poliziotto27 App mobile ma è necessario fornire nome completo, indirizzo e-mail, numero di cellulare, nazionalità e numero di passaporto. Dovresti anche abilitare il rilevamento della posizione. E poi questa è la prima cosa che vedi”. Twittato Hossam Bhagat, capo dell’Iniziativa egiziana per i diritti personali, si collega alla schermata di un’app che mostra il volto del presidente egiziano.

Ha quindi twittato uno screenshot dei termini e delle condizioni dell’app, Leggi: “La nostra applicazione si riserva il diritto di accedere agli account dei clienti per scopi tecnici e amministrativi e per motivi di sicurezza.”

La sorveglianza digitale dei partecipanti alla Cop27 si aggiunge a un’infrastruttura altamente sviluppata per intercettare le comunicazioni dei cittadini egiziani, alimentata in gran parte dal potere delle autorità egiziane delle comunicazioni digitali e dai loro legami con la rivolta popolare del 2011. Tecnologia di ispezione a tasca profonda Una società statunitense emessa nel 2013 consente alle autorità di monitorare tutto il traffico Internet in movimento attraverso una rete. Anche il governo egiziano Blocca l’accesso in linea a più di 500 siti web, tra cui Mada Masr, l’unica agenzia di stampa indipendente del paese; Utilizzando la tecnologia fornita Dalla società canadese Sandvine.

Monitoraggio di Principali operatori telefonici come Vodafone Consente alle autorità egiziane l’accesso diretto alle telefonate, ai messaggi di testo e alle informazioni di tutti gli utenti. Un partecipante della Cop27 ha affermato che Vodafone distribuirà schede SIM gratuite ai partecipanti alla conferenza in visita all’aeroporto di Sharm el-Sheikh.

“L’applicazione Cop27 è in realtà parte di un quadro di sorveglianza più ampio in Egitto”, ha affermato Baomi. “Questa app è sfacciata sorveglianza di massa da parte di un paese sulla sua stessa popolazione. Naturalmente, l’app del governo egiziano potrebbe essere utilizzata per la sorveglianza, la raccolta di dati e per scopi estranei alla Cop27. Questo è triste ma previsto dall’Egitto.

Attivisti per i diritti critici nei confronti del governo e membri della società civile egiziana sono da anni soggetti a sorveglianza mirata da parte delle autorità egiziane, sollevando preoccupazioni sui rischi per gli attivisti di alto profilo che partecipano alla Cop27. Laboratorio Egiziano Iniziativa per i Diritti Personali e i Cittadini Identificato Una “campagna di phishing sostenuta ed estesa contro la società civile egiziana” nel 2017 ha preso di mira questioni relative ai diritti umani, alle libertà politiche e al genere e ha preso di mira singoli obiettivi come avvocati, giornalisti e attivisti. Quattro anni dopo, Citizen Lab ha scoperto qualcosa di nuovo Un tentativo di hacking mirato contro il telefono Un importante ex leader dell’opposizione egiziana all’estero.

Il governatore del Sud Sinai Khalid Fouda si è recentemente vantato con un canale via cavo nazionale dell’entità della sorveglianza della Cop27, con le telecamere sul retro dei taxi che trasmettevano filmati a un “osservatorio di sicurezza” locale.

“L’idea di ‘sicurezza’ di Sisi è spiare in massa tutti”, Makti Twittato Nel rispondere.

La Presidenza del GOP e il Ministero degli Affari Esteri egiziano sono stati contattati per un commento.

READ  Galleria Fotografica della Mostra del Cinema di Venezia 'Don't Worry Darling' – Scadenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.