Apple rivendica una riduzione del 30% su boost e post promossi

Monopoly è un divertente gioco da tavolo in cui cerchi di battere i tuoi rivali.

Monopoly è un divertente gioco da tavolo in cui cerchi di battere i tuoi rivali.
Fotografia: Lightfield Studios (Shutterstock)

Lunedì Apple ha rilasciato un aggiornamento alle sue linee guida di pagamento, richiedendo alle app di utilizzare lo strumento di acquisto in-app dell’azienda per “incentivi” e post promossi, il che significa che Apple prende una riduzione del 30% delle vendite. La mossa sembra essere un’altra politica rivolta a Meta (precedentemente nota come Facebook).

Varie app consentono agli utenti di promuovere i propri contenuti con una piccola tassa. Vuoi che più persone vedano i tuoi tweet, il tuo profilo di appuntamenti o quel vecchio videogioco che stai cercando di vendere? Twitter, Tinder ed eBay ti venderanno un “Boost”. Dovrebbe essere aumentato nel mangime. Negli anni è caduto nella zona grigia delle politiche dell’App Store. App che vendono “beni virtuali”. considerato Per utilizzare il metodo di pagamento in-app dell’iPhone, viene fornito con un costo di servizio elevato. Questo è vero da molto tempo. Ma mentre è incoraggiato, quella politica non è sempre applicata e alcune app come Facebook evitano le enormi commissioni di Apple pagando direttamente. Apple ha rifiutato di commentare.

Alcune app, tra cui Twitter e Tinder, utilizzano già uno strumento di pagamento in-app per i post promossi e promossi, ma Facebook no. Mentre Meta potrebbe sfidare il cambiamento, Apple apporterà un cambiamento positivo quando inizierà ad applicare questa politica in modo più rigoroso. Il gigante dei social media è già in un litigio pubblico con Apple sui suoi recenti cambiamenti alle politiche e la revisione dei suoi requisiti di pagamento in-app potrebbe aggiungere benzina sul fuoco. Un’altra modifica alla politica dell’iPhone l’anno scorso è costata a Meta miliardi di dollari di entrate pubblicitarie perse e Apple sta ora cercando di accumularne di più. Nuovi programmi pubblicitari.

“Apple continua a sviluppare le sue politiche per far crescere la propria attività mentre mina gli altri nell’economia digitale”, ha affermato il portavoce di Meta Tom Sanic. al limite. “Apple in precedenza aveva affermato di non aver preso una quota delle entrate pubblicitarie degli sviluppatori, ma ora apparentemente ha cambiato idea. Ci impegniamo a offrire alle piccole imprese modi semplici per pubblicare annunci nelle nostre app e far crescere le loro attività.

Questo nuovo aggiornamento è mirato alla pubblicità che aumenta la visibilità dei post sui social media, ma Carvewood rimane per la pubblicità più tradizionale, quindi il modello di business più ampio di Meta non sarà influenzato dalla mossa. Questa politica è un esempio del potere di mercato di Apple. Controllano l’App Store e sono l’unico modo ufficiale per ottenere la tua app su iPhone. In pratica, Apple consente agli sviluppatori di addebitare tutto ciò che vogliono. In alcuni luoghi, non può essere evitato: le forze dell’ordine sudcoreane hanno fatto irruzione nel quartier generale di Apple dopo le continue denunce di sovrapprezzo da parte degli sviluppatori iOS. Meta non ha risposto a una richiesta di commento.

L’aggiornamento delle politiche di Boost fa parte di uno sforzo più ampio per reprimere le app, costringendo gli sviluppatori a baciare l’anello di Apple e ad adottare un sistema di pagamento in-app o rischiare di essere espulsi dal mercato.

Le autorità di regolamentazione di altri paesi, dove le regole sulla concorrenza sono più severe, hanno costretto Apple a consentire alle app di utilizzare altri metodi di pagamento che non richiedono un taglio così grande delle entrate. Google ha dovuto affrontare politiche simili sul suo Play Store ed è stata multata di 113 milioni di dollari questa settimana per aver rifiutato i pagamenti di terze parti. L’anno scorso ha vinto Epic Games Un grande caso contro Apple Dopo che Fortnite è stato espulso dall’App Store per aver offerto opzioni di pagamento di terze parti. Il giudice ha stabilito che Apple non può impedire agli sviluppatori di app di aggiungere collegamenti ad altri sistemi di pagamento.

Apple dice che ci vogliono questi soldi per proteggerti. L’azienda esamina le app per problemi di sicurezza, privacy e frode, incluso il test dei metodi di pagamento. Il CEO Tim Cook ha affermato che era troppo costoso da mantenere e un taglio del 30% era una commissione equa perché il denaro era necessario per proteggere i consumatori e ha anche avvantaggiato gli sviluppatori perché ha creato un mercato più affidabile.

Apple ha inventato l’App Store. I sostenitori (e Tim Cook) sostengono che la società può addebitare tutto ciò che vuole. Ma per dirla in altro modo, l’App Store non è un servizio regolare separato, ma piuttosto un portale per tutte le altre applicazioni per iPhone. I critici affermano che è il 30% in più di quanto Apple deve pagare per recensire l’app, e quello che sta davvero succedendo qui è un monopolio che addebita denaro di protezione a chiunque voglia varcare i cancelli di Cupertino.

Aggiornamento: 26/10/2022 9:40 ET: Questa storia è stata aggiornata con un commento di Meta.

READ  Pronostico Warriors vs Celtics, selezione, contraddizioni, diffusione, Serie 3 per la finale NBA 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.