Alcune persone colpite da COVID FLiRT riportano ancora sintomi spiacevoli

Con l’intensificarsi della stagione dei viaggi estivi, il numero di casi di Covid e di ricoveri ospedalieri nella contea di Los Angeles è in aumento – e alcuni di coloro che sono stati recentemente reinfettati trovano che il loro ultimo episodio sia ancora peggiore.

Non ci sono indicazioni che gli ultimi ceppi di coronavirus stiano causando malattie più gravi né a livello nazionale né in California.

Ma alcuni medici affermano che questo recente aumento di Covid sfida un mito di vecchia data: sebbene le nuove infezioni da Covid siano lievi rispetto a un primo incontro con la malattia, possono comunque verificarsi. malattia grave. Anche se qualcuno non ha bisogno di andare al pronto soccorso o di essere ricoverato in ospedale, le persone a volte descrivono sintomi dolorosi.

“La teoria è che ogni volta che prendi il Covid, è lieve. Ma penso che dobbiamo tenere la mente aperta alla possibilità che alcune persone abbiano sintomi peggiori”, ha affermato il dottor Peter Chin-Hong, specialista in malattie infettive dell’UC San Francisco.

Ogni volta che prendi il Covid, “è come giocare alla roulette del Covid”, ha detto.

Sebbene il rischio complessivo sia relativamente lieve, sottolinea la necessità di cautela durante i viaggi e le attività estive.

Poiché l’esperienza di ognuno con Covid è diversa e influenzata da molti fattori, è difficile quantificare quante persone avvertono ora sintomi più gravi rispetto alle infezioni precedenti. Ma anche sui siti di social media, le persone esprimono shock per quanto siano stufi dell’ultimo sottogenere, noto collettivamente come FLiRT.

“Ho avuto il covid alcune volte, ma questa è la cosa peggiore per me”, ha scritto uno Reddit. L’uomo ha riferito di una febbre persistente così congestionata da non riuscire a respirare attraverso il naso, “una terribile pressione sui seni e mal di testa… e non posso sopportare a lungo senza sentirmi come se stessi per svenire”.

“Una volta il Covid sembrava un raffreddore, ma questo ceppo [wreaking] Distruzione”, ha scritto la persona. “Odio lamentele come questa, ma sono scioccata da quanto mi stia portando fuori.”

Un’altra persona ha scritto Le loro “gole sembrano lame di rasoio” e si sentono “in miseria”.

“Ho il raffreddore, ma la tosse fa male perché ho la gola letteralmente in fiamme!!” persona ha scritto. “Questa è la quarta volta che ho il covid e giuro che è la peggiore di sempre!!”

Altri che sono sopravvissuti al Covid per più di quattro anni sono stati contagiati quest’estate.

READ  Una cometa verde è diretta verso la Terra per la prima volta in 50.000 anni

Uno si è ammalato ed è risultato positivo per la prima volta dopo aver organizzato un incontro per la festa del papà con 12 persone. persona descritto “Il freddo incontrollabile e tremante è così forte che non riesco a sentire la maggior parte delle mie dita.”

L’infermiera, 42 anni, ha contratto il Covid quattro volte. disse La loro ultima malattia era “grave con febbre, tosse, pressione alla testa e dolore. Colpiva la gola e la capacità di deglutire”.

Altri hanno affermato che ogni successiva malattia COVID lo ha fatto Facile da recuperare. e una vittima per la prima volta ha scritto Avevano “sintomi molto lievi [that] Sembra un’allergia stagionale”.

Alcuni studi supportano l’idea che le successive infezioni da COVID comportino rischi aggiuntivi. Un 2022 Rapporto Nella rivista Nature Medicine, concentrandosi sui veterani, “rispetto agli individui non infetti [people]I rischi e gli oneri complessivi delle infezioni ricorrenti aumentano con il numero di infezioni,” aumentando il rischio di problemi medici, ricoveri e morte.

E sembra avere un impatto covid più lungo diminuisce, i medici notano che con ogni infezione c’è il rischio di sviluppare la sindrome. UN Rapporto Rilasciato l’estate scorsa dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, la prevalenza di Covid a lungo termine tra gli adulti statunitensi era del 7,5% all’inizio di giugno 2022, ma era scesa al 6% a metà giugno 2023, ancora una quota significativa della popolazione.

Ci sono molte possibili ragioni per cui un successivo attacco di Covid potrebbe sembrare peggiore del primo. Supponiamo che qualcuno che è stato vaccinato e potenziato l’ultima volta nel 2021 venga infettato nel 2022 e poi venga infettato di nuovo nel 2024. Un intervallo relativamente lungo senza essere infetti, o un richiamo, “può portare [their body] Non molta immunità. Le varianti sono comunque cambiate così tanto, è come se il sistema immunitario fosse esposto a qualcosa di relativamente diverso dal virus visto prima”, ha detto Chin-Hong.

Senza essere aggiornati sui vaccini Covid che “ricordano al sistema immunitario come appaiono le varianti attuali”, una recente infezione potrebbe rappresentare una relativa sorpresa per i sottotipi FLiRT che ora dominano in tutto il paese.

“Si è evoluto moltissimo e il corpo è come, ‘OMG, cos’è questo che vedo?’ Ha detto Chin-Hong.

La logica è molto simile ai vaccini antinfluenzali annuali, che vengono sviluppati ogni anno nella speranza di rafforzare il sistema immunitario contro le versioni circolanti dominanti di quel virus.

Nella settimana terminata sabato, il 70,5% dei campioni Covid in tutto il Paese erano sottotipi FLiRT – ufficialmente noti come KP.3, KP.2 e KP.1.1 – rispetto al 54,9% di un mese fa. Si stima che un altro sottotipo strettamente correlato, LB.1, comprenda il 14,9% dei campioni, rispetto al 10% di un mese fa.

READ  Classifica del campionato St. Jude 2022, voti: Will Zalatoris sfugge a strani playoff con la prima vittoria del PGA Tour

La preimmunità derivante dai vaccini più vecchi può ancora fare un buon lavoro nel proteggere molte persone dall’ammalarsi gravemente. Ma senza la freschezza che deriva da un vaccino aggiornato, ha detto Chin-Hong, il sistema immunitario “probabilmente non sarà in grado di fermare il virus sul suo cammino o di neutralizzare il virus una volta arrivato perché sembra così diverso, prima che l’immunità della memoria entri in azione. In.”

“Nel frattempo, il virus infetta felicemente le cellule mentre il corpo cerca di utilizzare la memoria esistente per generare nuove cellule immunitarie.”

Vale anche la pena notare che anche nei giovani adulti considerati aggiornati sui vaccini anti-Covid è passato quasi un anno dall’ultima vaccinazione e l’efficacia del vaccino si indebolisce nel tempo.

UN Rapporto Pubblicato dal CDC a febbraio, ricevere il vaccino Covid aggiornato 2023-24 ha fornito una protezione aumentata del 54% contro la malattia sintomatica rispetto a chi non ha ricevuto l’iniezione. L’efficacia del vaccino contro l’infezione sintomatica è massima nei primi mesi dopo aver ricevuto l’iniezione aggiornata.

I vaccini hanno costantemente fornito una buona protezione contro il ricovero ospedaliero e la morte.

Nella contea di Los Angeles, i casi di COVID e i ricoveri continuano ad aumentare. Nella settimana terminata il 30 giugno, sono stati segnalati una media di 229 casi di coronavirus al giorno, rispetto ai 106 di un mese fa. Nella settimana terminata il 29 giugno, una media di 197 pazienti affetti da coronavirus erano ricoverati in ospedale al giorno, rispetto ai 117 di un mese fa. Sebbene i ricoveri per COVID siano ora più alti rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, rimangono al di sotto del picco relativamente lieve osservato nell’estate del 2023.

I casi segnalati ufficialmente sono sottostimati perché tengono conto solo dei test eseguiti in strutture mediche e non tengono conto dei test eseguiti a casa o delle persone che non vengono sottoposte al test. Nella contea di Los Angeles, il picco di Covid della scorsa estate ha raggiunto il picco di 571 casi al giorno alla fine di agosto e ha raggiunto un picco di 620 pazienti affetti da coronavirus al giorno negli ospedali all’inizio di settembre.

READ  Inondazioni improvvise vicino a Ruidoso lasciano le persone intrappolate nei veicoli

I livelli di virus nelle acque reflue della contea di Los Angeles rimangono relativamente stabili. Nella settimana terminata il 22 giugno, i livelli di virus nelle acque reflue erano superiori del 17% rispetto alla settimana precedente, della stagione invernale 2022-23. La scorsa estate il picco è stato raggiunto all’inizio di settembre, quando i livelli di virus nelle acque reflue erano pari al 38% del picco dell’inverno precedente.

In tutta la California, i test del coronavirus stanno tornando con risultati positivi. Nella settimana terminata il 1° luglio, il 10,6% dei test per il coronavirus in tutto lo Stato è risultato positivo, rispetto al 4,1% di un mese fa. Il tasso di test positivi dell’estate scorsa è salito al 13,1% alla fine di agosto.

Il vaccino anti-Covid aggiornato è relativamente raro, essendo diventato disponibile a settembre. Da allora, il 36,7% degli anziani californiani di età pari o superiore a 65 anni ha ricevuto almeno una dose. Aggiornato vaccino, il 18,5% degli adulti di età compresa tra 50 e 64 anni e il 10% dei giovani adulti di età compresa tra 49 anni.

Per coloro che non hanno ricevuto un vaccino aggiornato nell’ultimo anno, “dovresti pensare a farlo, soprattutto se sei più anziano e meno immune”, ha detto Chin-Hong. Ogni settimana vengono segnalati centinaia di decessi per COVID a livello nazionale, con gli anziani e le persone immunocompromesse maggiormente a rischio.

Anche ricevere il vaccino 2023-24 adesso ti consentirà di ottenere il vaccino anti-Covid aggiornato, che dovrebbe essere disponibile questo autunno. Il CDC lo fa raccomandazione Tutti i soggetti di età pari o superiore a 6 mesi ricevono la versione aggiornata 2024-25 del vaccino.

Ottobre è un buon momento per ottenere il vaccino Covid 2024-25, ha affermato Chin-Hong.

Agli operatori sanitari dovrebbero anche essere ricordati i protocolli adeguati di controllo dell’infezione da COVID, come sottoporsi al test quando si è malati e segnalare la propria malattia al proprio datore di lavoro, ha affermato Chin-Hong.

“Sembra che tutti pensino che il COVID sia normale ora”, ha detto Chin-Hong. Ma adottare misure sensate – come i colleghi che decidono di non venire al lavoro quando sono malati e di sottoporsi al test quando sono sintomatici – può fare la differenza nel tenere a bada il COVID solo per un piccolo numero di persone.

E con il COVID in aumento, ci ricordiamo che è prudente tenere una maschera in tasca se si è vicini a una persona malata, ha detto Chin-Hong.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *