Vice Media chiuderà il sito principale e taglierà centinaia di dipendenti | Rapporti dei media

Il gruppo mediatico è l’ultimo a perdere posti di lavoro nel contesto del calo dei ricavi nell’era digitale.

Vice Media, che ha acclamato i millennial e la generazione Z, ha annunciato che smetterà di pubblicare nuovi contenuti sul suo sito Web di punta e licenzierà diverse centinaia di dipendenti, l’ultimo colpo al settore dei media in difficoltà.

Wise ha dichiarato fallimento a maggio prima di essere venduta al Fortress Investment Group con sede a New York per 350 milioni di dollari.

Le misure di riduzione dei costi, tra cui diversi tagli di posti di lavoro e la cancellazione del popolare programma Vice News Tonight, non sono riuscite a cambiarne le sorti, riflettendo le più ampie difficoltà delle stazioni di notizie nell’era digitale.

Vice smetterà di pubblicare contenuti su Vice.com e collaborerà con altre società di media, ha affermato Bruce Dixon, CEO di Vice Media Group, in una nota ampiamente condivisa online.

“Con questo cambiamento strategico nasce la necessità di riallineare le nostre risorse e razionalizzare le nostre operazioni complessive in Vice”, ha affermato Dixon nella sua nota, aggiungendo che la società “passerà a un modello di studio.

“Purtroppo ridurremo la nostra forza lavoro, eliminando diverse centinaia di posti di lavoro”, ha detto Dixon.

Maggiori dettagli sui tagli dovrebbero essere annunciati la prossima settimana.

A gennaio, il marchio incentrato sui giovani ha annunciato che il suo sito web musicale, Pitchfork Media, sarebbe stato inserito nella rivista GQ, cancellando un altro punto fermo della cultura alternativa degli anni 2000.

Il crollo di Vice arriva quando centinaia di posti di lavoro sono stati tagliati dal settore solo nell’ultimo anno, mentre i media tradizionali e digitali faticano a trovare un modello di business coerente.

READ  L'Arabia Saudita firma un accordo con Huawei per approfondire i legami con la Cina durante la visita di Xi

I rivali di Vice, BuzzFeed News e Jezebel, hanno chiuso l’anno scorso, mentre Vox Media e il colosso editoriale Condé Nast hanno tagliato posti di lavoro.

L’emorragia è continuata nel 2024, con la chiusura della startup di notizie digitali The Messenger e i licenziamenti annunciati da TechCrunch, Washington Post, Los Angeles Times e Wall Street Journal.

Secondo il Pew Research Center, l’occupazione nelle redazioni negli Stati Uniti è diminuita di oltre un quarto tra il 2008 e il 2021, poiché le entrate pubblicitarie sulla stampa si sono prosciugate con il venir meno del passaggio ai contenuti digitali.

Fondata nel 1994 come Voice of Montreal, prima di cambiare nome quando si è poi trasferita a New York, Vice è cresciuta da una rivista cartacea a un’ampia società multimediale che offre contenuti digitali e video originali e diversi canali derivati.

Al culmine del suo successo nel 2017, il gruppo mediatico valeva 5,7 miliardi di dollari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *