Uvalde ha chiesto a un agente il permesso di sparare all’uomo armato prima che entrasse nella scuola, ma non è tornato indietro nel tempo, secondo il rapporto.

Un altro agente del dipartimento di polizia del distretto scolastico ha attraversato di corsa il parcheggio della scuola mentre l’uomo armato era presente, ma non lo ha visto.

Opportunità perse, errori e “questioni chiave” che avrebbero potuto essere gestiti in modo diverso avrebbero aiutato Per evitare la tristezzaSecondo la prima parte del rapporto del Center for Advanced Law Enforcement Rapid Response Training (ALERRT), uno sparatutto attivo e un fornitore di formazione per la risposta all’assalto alla Texas State University.

Due porte sbloccate, mancanza di un comando efficace, posizione degli ufficiali all’interno e perdita di velocità dopo che gli agenti sono entrati nell’edificio sono stati altri problemi evidenziati nel rapporto.

La valutazione, rilasciata mercoledì, è stata creata utilizzando video scolastici, video di terze parti, telecamere del corpo, registrazioni radio, testimonianze orali di ufficiali e rapporti degli investigatori.

“Poiché tutte le opzioni investigative non sono state esaurite, il rapporto non dovrebbe ancora essere considerato un rapporto definitivo o definitivo”, ha aggiunto.

Un’altra parte del rapporto, che deve ancora essere rilasciato, affronterà le questioni di chi ha guidato la risposta delle forze dell’ordine durante il massacro; La prima sezione ha affrontato la risposta delle forze dell’ordine alla “deficit di comando inefficace (accidentale)”.

Il capo della polizia del distretto scolastico di Uvalde Pedro “Pete” Arredondo, che Identificato dalle autorità statali disse il comandante della scena durante l’attacco Texas Tribune Il mese scorso non si considerava un comandante dell’incidente Si presume che un altro ufficiale abbia preso il controllo Bella risposta.

Dichiarazione: una volta dentro, gli agenti hanno perso velocità

Il rapporto dice che i primi agenti sono entrati nell’edificio dopo che l’uomo armato si è spostato proprio nell’assassino attivo.

READ  Kanye West, North, Saint, Chicago e la cena di Song a Parigi: foto – Hollywood Life

Ma gli agenti si sono ritirati dopo che l’uomo armato, che si trovava all’interno delle aule adiacenti al massacro, ha iniziato a sparare alle porte dell’aula, afferma il rapporto.

“Semplicemente, quando l’aggressore ha iniziato a sparare contro di loro, gli agenti avrebbero sparato un fuoco di risposta accurato contro l’aggressore”, ha detto. Per fare ciò, i funzionari potrebbero aver utilizzato la finestra al centro di ogni porta della classe, afferma il rapporto.

“Mantenere la posizione o spingersi in un posto migliore per un’azione di ritorsione accurata sarebbe stato senza dubbio pericoloso e alcuni agenti avrebbero potuto essere colpiti o uccisi”, ha aggiunto la valutazione. “Tuttavia, gli agenti avrebbero potuto concentrarsi sul trattenere l’aggressore e ottenere cure mediche immediate per i feriti”.

Invece, dopo che gli agenti si sono ritirati, ci è voluta più di un’ora per “ristabilire lo slancio” e raggiungere le vittime, afferma il rapporto.

“Sebbene non disponiamo di informazioni concrete in questa fase, alcuni di coloro che sono morti durante questo evento avrebbero potuto essere salvati se avessero ricevuto cure mediche tempestive”, ha aggiunto.

Secondo la valutazione, un altro problema è la presenza di gruppi di agenti su entrambi i lati del corridoio scolastico. Se il sospetto fosse uscito dall’aula, gli agenti su entrambi i lati del corridoio avrebbero potuto aprire il fuoco, creando una “situazione di fuoco incrociato” in cui avrebbero potuto spararsi a vicenda, ha detto.

“Le squadre avrebbero dovuto comunicare rapidamente e gli ufficiali a un’estremità del corridoio avrebbero dovuto ritirarsi e ridistribuirsi in un’altra posizione”, afferma il rapporto.

Il rapporto evidenzia che entrambe le porte non erano chiuse

Due porte che avrebbero dovuto essere chiuse sono state segnalate dal messaggio di avvertimento: la porta esterna dell’edificio attraverso la quale l’uomo armato è entrato nella scuola e la porta dell’aula che ha successivamente utilizzato.

Pete Arredondo si è dimesso dal consiglio comunale di Uvalde senza rispondere alla sparatoria nella scuola
La porta esterna dell’edificio è stata aperta da un insegnante, quindi chiusa dallo stesso insegnante prima che l’uomo armato si avvicinasse, afferma il rapporto. Fa eco ai rapporti precedenti Da funzionari del Texas.

Ma l’insegnante non ha controllato se la porta fosse chiusa a chiave, quindi l’assassino “è stato in grado di accedere immediatamente all’edificio”, afferma il rapporto.

READ  ISS: Martedì gli astronauti statunitensi Cassada e Rubio escono dalla stazione spaziale

Tuttavia, anche se la porta era chiusa a chiave, aggiungeva il rapporto, aveva un grande telaio in acciaio incrostato di vetro – non era vetro balistico e non aveva una pellicola – che l’uomo armato avrebbe potuto sparare e usato in seguito. Apri la porta.

Una volta dentro, il tiratore è stato in grado di entrare nelle aule vicine, hanno osservato gli esperti di ALERT. Secondo l’inquirente citato nell’accertamento, la serratura di una delle stanze sarebbe stata “riferita più volte danneggiata”.

Il sospetto non è stato visto in nessun momento attivare il meccanismo di chiusura della porta dell’aula e “sulla base di ciò, riteniamo che la serratura della stanza 111 non sia mai stata attivata”, afferma il rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.