Tesla ha consegnato 405.278 auto nel trimestre ma ha mancato l’obiettivo

(Bloomberg) — Tesla Inc. Nonostante abbia offerto più incentivi nei suoi mercati più grandi, ha consegnato meno veicoli del previsto lo scorso trimestre, rafforzando le preoccupazioni sulla domanda che hanno contribuito al peggior mese e anno della casa automobilistica elettrica dalla sua offerta pubblica iniziale nel 2010.

I più letti da Bloomberg

La società ha consegnato 405.278 veicoli ai clienti negli ultimi tre mesi, al di sotto della stima media di 420.760 compilata da Bloomberg. Mentre il totale di Tesla è stato un trimestre record, l’azienda ha aperto due nuovi stabilimenti di assemblaggio lo scorso anno e non è riuscita a raggiungere l’obiettivo di aumentare le consegne del 50%.

Martedì le azioni Tesla sono scese del 3,7% alle 4:20 ora di New York, prima dell’inizio delle negoziazioni regolari.

Dopo che il CEO Elon Musk ha predetto un risultato “epico” per l’anno, Tesla ha tagliato i prezzi e la produzione dei veicoli in Cina e poi ha offerto uno sconto di $ 7.500 negli Stati Uniti. Le preoccupazioni per l’aumento dei tassi di interesse, l’inflazione e altri interventi economici – un avvertimento sulle azioni di Musk su Twitter, che ora possiede – hanno fatto scendere le azioni Tesla del 37% a dicembre e del 65% lo scorso anno.

“Riteniamo che Tesla stia affrontando un problema di domanda significativo”, ha scritto lunedì in un rapporto Tony Sacconaghi, un analista di Bernstein che equivale a un rating di vendita sul titolo. “Riteniamo che Tesla dovrà abbassare i suoi obiettivi di crescita (e gestire le sue fabbriche al di sotto della capacità) o sostenere i recenti tagli dei prezzi a livello globale e comprimere i margini”.

READ  Aggiungendo Fred VanVleet, gli Houston Rockets ottengono il loro leader

Leggi anche: Le azioni Tesla hanno avuto l’anno peggiore di sempre Non è economico

Tesla ha aumentato le consegne lo scorso anno del 40% a 1,31 milioni, appena al di sotto del tasso di crescita medio annuo del 50% che la società prevede di raggiungere per diversi anni. La produzione è aumentata del 47% a 1,37 milioni.

La società ha prodotto 439.701 veicoli nel quarto trimestre, superando le consegne di 34.423 unità. Tesla ha affermato di aver continuato a passare a “un livello più regionale di creazione di veicoli”, il che ha portato a un altro aumento delle auto in transito alla fine del trimestre.

“Tesla sta vendendo auto e l’industria automobilistica sta rallentando”, ha detto al telefono Gene Munster, managing partner di Loop Ventures. “Stanno ancora lottando con la logistica e il divario tra produzione e consegne è cresciuto dall’ultimo trimestre”.

Durante l’ultima chiamata sugli utili di Tesla, Musk ha affermato che Tesla sta cercando di “appianare” le consegne ogni trimestre in modo che la società non abbia ondate di consegne che si accumulano alla fine di ogni periodo. Il capo del design Frans von Holjassen ha twittato di essere partito di corsa al centro di consegna della California meridionale il giorno di Capodanno.

Gli sconti offerti da Tesla negli Stati Uniti alla fine del trimestre sono in linea con il credito d’imposta massimo che i veicoli elettrici possono ricevere ai sensi della legge sulla riduzione dell’inflazione firmata dal presidente Joe Biden ad agosto. La casa automobilistica ha subito una battuta d’arresto in materia alla fine del mese scorso, quando l’Internal Revenue Service ha pubblicato un elenco di veicoli elettrici e ibridi plug-in idonei per i crediti d’imposta federali ai sensi della legge.

READ  La NASA scopre come suonano i buchi neri e pubblica il "Remix" spaziale

L’IRS considera solo le versioni a sette posti della Model Y di Tesla come veicoli utilitari sportivi, il che significa che le versioni a cinque posti sarebbero soggette a una fascia di prezzo inferiore al prezzo del veicolo. Musk lo ha messo in dubbio in diversi tweet, scrivendo il 1° gennaio che “è fonte di confusione” e lunedì si è chiesto se la società fosse stata punita per aver reso la Model Y più efficiente.

Tesla non suddivide le vendite per regione, ma gli Stati Uniti e la Cina sono i suoi mercati più grandi e il 95% delle vendite nel 2022 sarà la berlina Model 3 e il crossover Y.

L’azienda produce i modelli S, X, 3 e Y nello stabilimento di Fremont, in California. Il suo stabilimento di Shanghai produce la Model 3 e la Y, e ha iniziato a consegnare la Model Y dai suoi nuovi stabilimenti vicino ad Austin e Berlino nella prima metà dello scorso anno.

Sebbene Musk abbia consegnato i primi semirimorchi di Tesla a PepsiCo Inc a dicembre, la società non ha riportato alcuna consegna del modello nel suo rapporto trimestrale. La casa automobilistica ha annunciato separatamente i piani per una giornata degli investitori il 1° marzo, durante la quale discuterà dei piani di espansione a lungo termine, della piattaforma per veicoli di nuova generazione, dell’allocazione del capitale e di altre questioni.

–Con l’assistenza di Craig Trudel.

(La terza colonna si aggiorna con i movimenti delle azioni durante le prime negoziazioni.)

I più letti da Bloomberg Businessweek

©2023 Bloomberg LP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *