Sig. ChatGPT va a Washington: il CEO di OpenAI Sam Altman testimonia davanti al Congresso sui rischi dell’IA

(CNN) Il CEO di OpenAI Sam Altman ha esortato i legislatori a regolamentare l’intelligenza artificiale durante un’audizione della commissione del Senato martedì, descrivendo l’attuale boom della tecnologia come un potenziale “momento stampa”, ma che richiede salvaguardie.

“Pensiamo che l’intervento normativo da parte dei governi sarà fondamentale per ridurre i rischi di modelli sempre più potenti”, ha affermato Altman nelle sue osservazioni di apertura davanti alla sottocommissione giudiziaria del Senato.

L’apparizione di Altman arriva dopo il successo virale dello strumento chatbot della sua azienda, ChatGPT, che ha rinnovato la corsa agli armamenti contro l’intelligenza artificiale e ha suscitato preoccupazione da parte di alcuni legislatori sui rischi posti dalla tecnologia.

Sen. Richard Blumenthal ha aperto l’udienza martedì fingendo la propria voce e spiegando i potenziali pericoli della tecnologia. Il post, che include commenti scritti da ChatGPT e l’audio della voce di Blumenthal creato utilizzando le registrazioni dei suoi discorsi reali, ha sostenuto che l’intelligenza artificiale non può emergere in un ambiente incontrollato.

Blumenthal ha spiegato che anche se il SADGP producesse un riflesso accurato delle opinioni dei veri legislatori, potrebbe facilmente produrre “una capitolazione dell’Ucraina o un’approvazione della leadership di Vladimir Putin”. Quello, ha detto, “sarebbe stato davvero spaventoso”.

Un elenco crescente di aziende tecnologiche ha implementato nuovi strumenti di intelligenza artificiale negli ultimi mesi, in grado di cambiare il modo in cui lavoriamo, acquistiamo e interagiamo tra di noi. Ma questi stessi strumenti hanno attirato critiche da alcuni dei più grandi nomi della tecnologia per aver interrotto milioni di posti di lavoro, diffuso disinformazione e perpetuato pregiudizi.

Nei suoi commenti di martedì, Altman ha affermato che il potenziale utilizzo dell’intelligenza artificiale per manipolare gli elettori e prendere di mira la disinformazione è “una delle mie aree di maggiore preoccupazione”, soprattutto perché “avremo le elezioni il prossimo anno e questi modelli stanno diventando Meglio.”

READ  Writers Guild, l'incontro AMPTP continua per il 3° giorno; I CEO di Studio si incontrano venerdì - Scadenza

Un modo in cui il governo degli Stati Uniti potrebbe regolamentare il settore è creare un regime di licenze per le aziende che lavorano su sistemi di intelligenza artificiale più potenti, ha affermato Altman martedì. Altman ha affermato che questa “combinazione di requisiti di licenza e test potrebbe essere utilizzata per lo sviluppo e il rilascio di modelli di intelligenza artificiale attraverso una gamma di funzionalità”.

Christina Montgomery, vicepresidente di IBM e chief privacy and trust officer, e Gary Marcus, ex professore della New York University e autodefinito critico dell’hype AI, testimonieranno martedì.

Montgomery ha messo in guardia contro la creazione di una nuova era di “muoviti velocemente e rompi le cose”, il mantra di lunga data dei giganti della Silicon Valley come Facebook. “L’era dell’intelligenza artificiale non può essere un’altra era di ‘muoviti velocemente e rompi le cose'”, ha detto Montgomery ai legislatori. Tuttavia, ha affermato, “non dobbiamo frenare l’innovazione”.

Sia Altman che Montgomery hanno anche sostenuto che l’intelligenza artificiale potrebbe eliminare alcuni posti di lavoro, ma anche crearne di nuovi.

“Ci sarà un impatto sui posti di lavoro”, ha detto Altman a Blumenthal. “Stiamo cercando di essere molto chiari su questo, e penso che richiederà una partnership tra industria e governo, ma soprattutto un’azione del governo, per capire come vogliamo ridurla. Ma sono molto ottimista su quanto grande i posti di lavoro lo sono. Il futuro lo sarà”.



Il CEO di OpenAI, Sam Altman, testimonia a un’udienza della sottocommissione giudiziaria, tecnologica e legale del Senato sulla “Supervisione dell’IA: regole per l’intelligenza artificiale” al Campidoglio di Washington, USA, il 16 maggio 2023.

In qualità di CEO di OpenAI, Altman, più di ogni altra persona, è diventato il volto di un nuovo raccolto di prodotti AI in grado di generare immagini e testo in risposta alle richieste degli utenti.

READ  USFL Playoffs 2022: risultati delle semifinali, annunci dal vivo, highlights per Stars-Generals e Breakers-Stallions

I commenti di Altman sono arrivati ​​il ​​giorno dopo aver incontrato a cena più di 60 parlamentari della Camera. In un raduno bipartisan di repubblicani e democratici, Altman ha trovato i vari usi di ChatGPT “così divertenti”, che una persona nella stanza ha descritto i legislatori come “confusi” dall’evento.

La maggior parte dei presenti ha ampiamente concordato sul fatto che la regolamentazione dell’IA è necessaria, ha aggiunto la persona.

Il rappresentante Ro Khanna, un democratico della California che copre la Silicon Valley, ha detto ad Altman durante la cena che l’IA è uno strumento, non un “organismo” e che l’IA può “aiutare con compiti, non lavori”.

“Il contributo più utile di Altman è stato ridurre l’hype”, ha detto Khanna alla CNN.

Riflettendo su come l’intelligenza artificiale ha preso d’assalto il Congresso, anche se la sottocommissione giudiziaria ha interrogato OpenAI e IBM, la commissione del Senato per la sicurezza interna e gli affari governativi ha tenuto un’udienza separata e simultanea sull’uso dell’intelligenza artificiale nel governo.

All’inizio di questo mese, Altman è stato tra i numerosi amministratori delegati della tecnologia che hanno incontrato il vicepresidente Kamala Harris e, brevemente, il presidente Joe Biden, nell’ambito degli sforzi della Casa Bianca per sottolineare l’importanza di uno sviluppo dell’IA etico e responsabile.

Nelle interviste di quest’anno, Altman si è definito consapevole dei rischi posti dall’intelligenza artificiale e “un po’ spaventato” dalla tecnologia. Lui e la sua azienda si sono impegnati ad andare avanti in modo responsabile.

Altri vogliono che Altman e OpenAI procedano con maggiore cautela. Elon Musk, che ha contribuito a fondare OpenAI prima di lasciare il gruppo, si è unito a dozzine di leader tecnologici, professori e ricercatori nel firmare una lettera che invita i laboratori di intelligenza artificiale come OpenAI a interrompere l’addestramento di sistemi di intelligenza artificiale più potenti per almeno sei mesi. “Profondi pericoli per la società e l’umanità”.

READ  La Cina fallisce la revisione della sicurezza dei prodotti Micron, blocca alcuni acquisti

Altman ha detto di aver accettato parti della lettera. “Penso che sia molto importante muoversi con cautela ed essere più aggressivi sui problemi di sicurezza”, ha detto Altman a un evento il mese scorso.”Non credo che la lettera sia il modo ottimale per affrontare la questione”.

— Jennifer Korn della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *