Primo lancio di Ariane-6: il razzo europeo decolla per la prima volta

  • autore, Jonathan Amos
  • azione, Reporter scientifico
  • Twitter,

Il nuovo grande razzo europeo, l’Ariane-6, è decollato con il suo primo volo.

Il veicolo è decollato dalla rampa di lancio La Guyana francese ha iniziato una missione dimostrativa per mettere in orbita i satelliti intorno alle 16:00 ora locale (19:00 GMT).

Gli equipaggi dello stadio Kourou hanno esultato mentre il razzo da 4 miliardi di euro (3,4 miliardi di sterline) – che era stato costruito – si alzava in cielo.

Ma dopo essere salito costantemente all’altitudine desiderata e aver rilasciato con successo diversi piccoli satelliti, lo stadio superiore del razzo ha subito un’anomalia verso la fine del volo.

I computer in arrivo presero la decisione di spegnere prematuramente l’unità di potenza ausiliaria (APU) che pressurizzava il sistema di propulsione.

Ciò ha impedito l’inizio dell’incendio che avrebbe dovuto portare lo stadio superiore dell’Ariane fuori dall’orbita e ha dato il via al compito finale della missione: la rimozione delle due capsule di rientro.

Non è stato immediatamente chiaro se i controller potessero risolvere il problema dell’APU.

Ariane-6 è un razzo da lavoro che fornisce ai governi e alle aziende europee un accesso indipendente allo spazio dal resto del mondo. Ha già un arretrato di accordi editoriali, ma si teme che il suo design possa limitare le opportunità future.

Come il suo predecessore Ariane-5, il nuovo modello è usa e getta: ogni missione richiede un nuovo razzo, mentre gli ultimi veicoli statunitensi sono costruiti per essere completamente o parzialmente riutilizzabili.

“Questo è un grande momento”, ha affermato Joseph Aschbacher, direttore generale dell’Agenzia spaziale europea (ESA).

“La vita quotidiana oggi dipende davvero da tutto, dai satelliti, dalle telecomunicazioni e dall’osservazione della Terra alle previsioni meteorologiche e alla gestione delle catastrofi. È inimmaginabile che l’Europa non abbia un accesso libero e garantito allo spazio”, ha detto a BBC News.

In superficie, il 6 assomiglia molto al vecchio 5, ma sotto la pelle utilizza sofisticate tecniche di produzione (stampa 3D, saldatura ad attrito, design in realtà aumentata, ecc.) che sono più veloci ed economiche. Produzione.

Ariane-6 opererà in due configurazioni:

  • Il “62” incorporerà due booster laterali a combustibile solido per sollevare carichi utili medi.
  • Il “64” avrà quattro booster strap-on per sollevare i satelliti più pesanti sul mercato.

Lo stadio centrale è integrato da un secondo stadio o stadio superiore, che posiziona i carichi utili nelle loro orbite precise sopra la Terra.

Questa fase può essere interrotta e riavviata più volte, il che è utile quando si dispiegano un gran numero di satelliti in una costellazione o in una rete. La capacità di rigenerazione consente alla piattaforma di riportarsi sulla Terra in modo da non diventare detriti spaziali persistenti.

La missione di martedì ha utilizzato la variante Ariane-62, dove il razzo inizierà a caricare carichi utili in volo libero prima di salire ad un’altitudine di 580 km.

Si tratta di un mix di navette universitarie e commerciali. Includono due capsule che tenteranno di sopravvivere alla caduta infuocata attraverso l’atmosfera per tuffarsi nell’Oceano Pacifico.

Ariane 6 contro Falcon 9

I voli di avvio sono sempre occasioni ad alto rischio. Non è insolito che un nuovo progetto di razzo fallisca.

Ariane-5 si è autodetonato in 37 secondi quando è stato lanciato nel 1996. Questa perdita è stata ridotta da un errore nel software di controllo.

Ma in seguito un razzo modificato tornò a dominare il mercato dei lanci commerciali per i satelliti più grandi del mondo. Questo dominio è stato spezzato negli anni 2010 dall’imprenditore americano Elon Musk e dal suo razzo riutilizzabile Falcon-9.

Le tariffe e i prezzi dei voli Falcon rendono Ariane-5 meno competitivo.

didascalia dell’immagine, Opera d’arte: la capsula bikini Nyx di Exploration è una dimostrazione di rientro su piccola scala.

L’Europa si sta muovendo verso il riciclaggio, ma le tecnologie necessarie non saranno in servizio prima del 2030. Nel frattempo, Musk sta introducendo razzi ancora più grandi che promettono di ridurre ulteriormente i costi di lancio.

Ariane-6 entra in un ambiente molto impegnativo.

“Tutti possiamo avere le nostre opinioni. Quello che vorrei ribadire è che abbiamo un portafoglio ordini pieno”, ha affermato Lucia Linares, responsabile della strategia di trasporto spaziale dell’ESA.

“Penso che la parola vada ai clienti: hanno detto che Ariane-6 è una risposta alle loro esigenze.”

fonte dell’immagine, Gruppo Arian

didascalia dell’immagine, Il motore dello stadio principale di Ariane-6 brucia una miscela di idrogeno liquido e ossigeno liquido

I funzionari europei mirano a far volare l’Ariane-6 una volta al mese.

Se si riuscirà a raggiungere questa velocità di volo, il razzo sarà in grado di sostenersi da solo, ha affermato Pierre Lyonnet della società di consulenza spaziale AST Eurospace.

“In primo luogo, dobbiamo assicurarci che ci sia una domanda sufficiente da parte dei clienti europei – aziende europee. Poi Ariane deve conquistare alcuni clienti commerciali oltre Kuiper. Questo le darà un mercato”, ha detto a BBC News.

“Ma è questione di prezzo. Se il Falcon-9 dovesse sistematicamente abbassare il prezzo dell’Ariane-6, ci sarebbe un problema.”

Ariane-6 è un progetto dei 13 stati membri dell’ESA guidati da Francia (56%) e Germania (21%). Tredici partner hanno promesso sovvenzioni fino a 340 milioni di euro (295 milioni di sterline) all’anno per sostenere la fase iniziale dello sfruttamento di Ariane-6.

Il Regno Unito è stato uno dei principali attori nel lancio del programma di lancio europeo e rimane uno stato membro dell’ESA, ma il suo coinvolgimento diretto in Ariane è terminato quando il modello Ariane-4 è stato ritirato nel 2003.

Alcune aziende britanniche continuano a fornire parti su base commerciale e alcuni veicoli spaziali di costruzione britannica continueranno senza dubbio a volare su Ariane.

didascalia dell’immagine, Elon Musk sta attualmente sviluppando grandi razzi riutilizzabili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *