Perché Scott Perry si distingue nell’indagine dell’FBI su Trump Associates

“Il rappresentante Perry ci ha incaricato di lavorare con il Dipartimento di Giustizia per garantire che il Dipartimento di Giustizia riceva le informazioni a cui ha diritto, comprese le comunicazioni protette dalla clausola sul discorso e il dibattito della Costituzione degli Stati Uniti e le comunicazioni con il legale”, ha affermato Irving.

L’ufficio dell’ispettore generale del Dipartimento di Giustizia, che ha rifiutato di commentare, sta conducendo l’indagine sulla frode elettorale. Agenti dell’FBI che agiscono per conto dell’ispettore generale a giugno Ha sequestrato il telefono L’avvocato John Eastman è stato coinvolto in questo sforzo. Una portavoce di Perry non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Il sequestro del telefono di Perry era correlato alle indagini dell’ispettore generale. Secondo la CNN.

Mentre dozzine di legislatori del GOP sono stati nominati in un’audizione del comitato ristretto del 6 gennaio per aver aiutato o favorito il tentativo di Trump di aggrapparsi al potere, il coinvolgimento di Perry si è distinto, che potrebbe essere stato dietro il sequestro del suo cellulare. Ecco le varie fonti che gli investigatori del Congresso hanno scoperto sul ruolo di Perry fino ad oggi.

Alzare Geoffrey Clarke

Commissione Giustizia del Senato e gen. 6 La testimonianza rilasciata da un’audizione del comitato ristretto ha mostrato che Perry ha nominato Jeffrey Clarke, allora un funzionario poco noto del Dipartimento di Giustizia, a guidare l’agenzia dopo le elezioni del 2020. Gli alleati di Trump hanno trovato Clarke troppo in sintonia con le indagini su affermazioni infondate di frode elettorale.

Gli investigatori hanno dimostrato che Perry ha contribuito a presentare Clark a Trump e ai suoi soci. Il vice procuratore generale ad interim Richard Donoghue ha detto ai legislatori in una riunione che Perry “‘Penso che Jeff Clarke sia fantastico e penso che sia il tipo di ragazzo che può fare qualcosa al riguardo'”. Ciò è avvenuto dopo che il presidente ha menzionato il signor Clarke in un chiama quel pomeriggio.

READ  Scelte, pronostici, battute degli esperti della NFL: settimana 3

Record dei visitatori pubblicati dal comitato ristretto, dic. 22, 2020 Perry ha portato Clark alla Casa Bianca e lo ha aiutato a presentarlo a Trump.

Nei discorsi rilasciati dal comitato ristretto, Perry ha esortato l’allora capo dello staff della Casa Bianca Mark Meadows a promuovere Clark.

“Codice, fai il check-in mentre il tempo continua a contare. 11 giorni al 1/6 e 25 giorni di inaugurazione. Dobbiamo andare! Perry ha scritto in un messaggio di testo il 26 dicembre 2020, aggiungendo in seguito: “Mark, dovresti chiamare Jeff”.

Trump ha rifiutato la leadership del Dipartimento di Giustizia e ha insediato Clark nei giorni precedenti il ​​6 gennaio, cedendo solo quando i leader della Casa Bianca e del Dipartimento di Giustizia hanno minacciato di dimettersi in massa.

Messaggi crittografati con Meadows

Nello stesso scambio di testo del 26 dicembre 2020, Perry ha detto di aver inviato un messaggio a Meadows utilizzando un servizio di messaggistica crittografato chiamato Signal: “Hai chiamato Jeff Clark?” Sebbene gli archivi nazionali ce l’abbiano, non è chiaro se qualcuno abbia mantenuto le chat di segnalazione preventivamente concordato Meadows non ha archiviato “correttamente” tutti i record dal suo telefono e account di posta elettronica.

6 gennaio Commissione d’esame Testimoniato Cassidy Hutchinson, un ex collaboratore di Meadows, ha detto di aver sentito che il capo dello staff aveva bruciato dei documenti nel suo ufficio dopo l’incontro con Perry alla Casa Bianca, anche se non era chiaro cosa contenessero i documenti.

Pianificazione della strategia di Trump per il 6 gennaio

Perry ha anche partecipato a un incontro della Casa Bianca del 21 dicembre 2020 con i legislatori del Freedom Caucus pro-Trump House, presieduto da Perry, durante il quale hanno discusso le strategie per bloccare o ritardare la certificazione della vittoria del 6 gennaio di Joe Biden. Si sono concentrati in particolare sul conteggio dei voti elettorali dell’allora vicepresidente Mike Pence.

READ  Nick Saban ha ammesso che era sbagliato isolare Texas A&M e Jackson State

Hutchinson ha ricordato la presenza degli avvocati della Casa Bianca e i piani di Perry e altri alleati di Trump per “respingere” l’elettorato di Pence Biden il 6 gennaio. elettori Trump. Gli avvocati della Casa Bianca non pensavano che il piano fosse “giuridicamente valido”, ha testimoniato Hutchinson.

Portare Trump in Campidoglio il 6 gennaio

La testimonianza di Hutchinson ha anche rivelato i piani per Trump di visitare il Campidoglio il 6 gennaio e che Meadows e Perry hanno discusso quel piano.

“Ricordo di aver sentito parlare di idee molto diverse tra Mark [Meadows] e Scott Perry, Mark e Rudy Giuliani”, ha detto Hutchinson ai legislatori. “Non so quali conversazioni siano state rivolte al Presidente. Non so cosa volesse fare personalmente quando arrivò al Campidoglio quel giorno.

Allo stesso modo Hutchinson ha detto al comitato ristretto che Perry era favorevole ai piani lanciati per invitare i sostenitori di Trump. Per marciare sul Campidoglio.

Scusarsi

Dopo la rivolta del 6 gennaio, Perry è stato uno dei pochi legislatori del GOP che hanno discusso la possibilità di un perdono da parte di Trump, secondo Hutchinson. Nessuno di loro è stato infine graziato.

“Il signor Perry si è scusato”, ha detto Hutchinson ai legislatori, che le hanno parlato direttamente.

Perry ha Si è rifiutato di scusarsi per se stesso o per altri legislatoriUn altro legislatore, Rep. Mo Brooks (R-Ala.), ha accolto la propria richiesta di grazia relativa alle sue obiezioni ai voti elettorali. Inviato un’e-mail Da lui ha presentato la sua richiesta per iscritto alla Casa Bianca.

“Il presidente ha pensato che fosse meglio lasciare che si svolgesse”, ha detto Brooks ai giornalisti a giugno.

READ  Sparatoria alla scuola elementare di Wolde: il direttore della pubblica sicurezza del Texas chiama la risposta della polizia "brutto fallimento"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.