Patty Jenkins rompe il silenzio su “Wonder Woman 3”



Cnn

Patty Jenkins vuole chiarire alcune cose.

Dopo aver riferito che DC FIlms (che è di proprietà della società madre della CNN) non andrà avanti con una terza puntata del franchise di “Wonder Woman”, il regista ha rilasciato una lunga nota sui social media.

“Quando è iniziato il contraccolpo sul non accadere della terza guerra mondiale, l’affascinante falsa narrativa clickbait secondo cui l’ho ucciso o me ne sono andato ha iniziato a diffondersi”, ha scritto Jenkins in una nota. pubblicato sul suo account Twitter verificato.

“Questo non è vero. Non sono mai andato via. Sono aperto a prendere in considerazione qualsiasi cosa mi venga richiesta”, ha continuato il regista. “Mi risulta che non c’è nulla che io possa fare per portare avanti qualcosa in questo momento. La DC è ovviamente sepolta nei cambiamenti che devono apportare, quindi capisco che queste decisioni siano difficili in questo momento.

Il regista di “Guardiani della Galassia” James Gunn e il produttore Peter Safran sono stati recentemente nominati copresidenti di DC Films e gli studi stanno valutando i prossimi progetti.

Jenkins ha anche scritto che non voleva che “un bel viaggio con WW finisse con una nota negativa”.

“Ho adorato ed ero onorato di essere la persona che ha prodotto questi ultimi due film di Wonder Woman. È un personaggio incredibile”, si legge nella nota. “Vivere dentro e intorno ai suoi valori rende una persona migliore ogni giorno. Auguro a lei e alla sua eredità un futuro meraviglioso, con me o no.”

Gunn ha risposto alla sua nota Con il suo tweet.

READ  La NCAA propone di creare una nuova sottosezione con compenso diretto per gli atleti

“Posso attestare che tutte le mie interazioni con Peter e te sono state piacevoli e professionali”, si legge nel tweet di Gunn.

Jenkins ha anche cercato di chiarire i suoi piani per dirigere il film in uscita “Star Wars: Rogue Squadron”.

“Ecco i fatti: 1 ha lasciato Rogue Squadron dopo un lungo e produttivo processo di sviluppo quando è diventato chiaro che non sarebbe successo abbastanza presto, e non volevo ritardare ulteriormente la terza guerra mondiale”, ha scritto. “Quando l’ho fatto, la Lucasfilm mi ha chiesto di prendere in considerazione l’idea di tornare in RS dopo la terza guerra mondiale, e sono stato onorato di farlo, quindi ho accettato e mi hanno firmato un nuovo contratto”.

Jenkins ha detto di essere ancora legato al progetto e che è ancora in fase di sviluppo, anche se non sa se accadrà o meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *