Partito populista di estrema destra alla drammatica vittoria nelle elezioni olandesi: NPR

Geert Wilders, leader del Partito olandese per la Libertà, festeggia nell’ufficio del suo partito dopo la vittoria del suo partito alle elezioni generali, mercoledì 23 novembre 2023, all’Aia, Paesi Bassi.

Carl Kort/Getty Images


Nascondi titolo

Cambia il titolo

Carl Kort/Getty Images


Geert Wilders, leader del Partito olandese per la Libertà, festeggia nell’ufficio del suo partito dopo la vittoria del suo partito alle elezioni generali, mercoledì 23 novembre 2023, all’Aia, Paesi Bassi.

Carl Kort/Getty Images

BERLINO — Ha definito l’Islam una “religione arretrata”, ha etichettato il profeta Maometto come un “pedofilo”, vuole vietare le moschee, e ora Geert Wilders e il suo partito sono pronti a vincere le elezioni nazionali olandesi con un ampio margine.

Wilders, un politico che si è fatto un nome con la sua retorica anti-islamica e anti-Unione europea, sembra guidare la maggioranza dei seggi parlamentari olandesi, secondo i primi risultati. “L’elettorato olandese ha parlato”, ha detto mercoledì sera il 60enne in un discorso di vittoria in un bar dell’Aia, “e noi garantiremo che i Paesi Bassi ritornino agli olandesi”.

Il Partito per la Libertà di Wilders ha ottenuto 37 seggi nei 150 parlamentari olandesi, 12 in più del suo rivale più vicino, la coalizione laburista-verde guidata dal capo della politica climatica dell’UE Franz Timmerman, secondo i primi sondaggi.

Tuttavia, con meno di un quarto dei seggi nel parlamento nazionale, Wilders avrà ora la prima possibilità di rivolgersi ad altri partiti per formare un governo di coalizione. Non sarà facile. La maggior parte dei partiti ha promesso di non formare un governo con Wilders a causa delle sue opinioni estremiste.

READ  Xi Jinping ha promesso di trasformare l'esercito cinese in un "grande muro d'acciaio" mentre aumentano le tensioni con l'Occidente

Oltre a voler rimuovere i Paesi Bassi dall’Unione Europea, le opinioni provocatorie di Wilders sull’Islam hanno provocato minacce di morte e ha vissuto per anni sotto la protezione della polizia. I suoi commenti hanno portato a proteste nei paesi con una grande popolazione musulmana e un leader religioso in Pakistan ha emesso una fatwa contro di lui.

Ma un potenziale partner di centrodestra deve ancora escludere una partnership con il partito di Wilders per formare il prossimo governo olandese. Dilan Yeşilgöz del partito di centrodestra VVD, che ha sostituito l’ex primo ministro Mark Rutte come leader del partito, ha indicato di essere aperto ai colloqui di coalizione con Wilders. Nella sua campagna elettorale spera di far parte del prossimo governo.

“Capisco benissimo che i partiti non vogliono stare al governo con un partito che vuole misure incostituzionali”, ha spiegato Wilders mercoledì sera alla vigilia dei risultati elettorali, aggiungendo: “Non parleremo di moschee, Corani e le scuole islamiche. .”

La vittoria di Wilders è l’ultimo segno di una rinascita dei partiti populisti anti-immigrati in Europa in un contesto di elevata inflazione e di un aumento dei migranti dal Medio Oriente e dall’Africa verso l’Europa. All’inizio di questo autunno, il partito populista di sinistra Robert Figo ha vinto le elezioni nazionali in Slovacchia facendo una campagna contro il sostegno europeo all’immigrazione e all’Ucraina.

In Italia l’anno scorso, Giorgia Meloni ha vinto le elezioni per il suo partito Fratelli d’Italia con una campagna anti-immigrazione. In Germania, il partito di estrema destra Alternativ für Deutschland guida attualmente ciascuno dei tre partiti nella coalizione di governo del paese, minacciando gli osservatori politici.

READ  Il sospetto attacco di droni provoca un enorme incendio in un deposito di carburante nella Crimea occupata dai russi

UN Posta Mercoledì sera alle X, il primo ministro populista ungherese Viktor Orbán ha salutato Wilders dicendo: “I venti del cambiamento sono qui!”

Nonostante la vittoria schiacciante del suo partito, Wilders non aveva i numeri per formare un governo di coalizione. Gli altri quattro principali partiti centristi – l’Alleanza laburista-verde di Timmerman, il VVD di Yeşilgöz, l’NSC dell’ex cristiano-democratico Peter Omdzig e il partito liberale D66 – sembrano avere abbastanza seggi per formare un governo di coalizione, ma i negoziati richiederanno mesi.

Ci è voluto più di sei mesi perché i quattro partiti centristi avviassero finalmente i colloqui di coalizione per formare un governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *