Miranda Derrick afferma che la sua vita è “in pericolo” dopo il documento Netflix

La 25enne ha anche negato le affermazioni di Miranda secondo cui la famiglia non sosteneva le sue opinioni religiose, che si concentravano maggiormente su Dio poco dopo che l’influencer si era unita a 7M nel 2020.

“Sono andata a un paio di loro feste private e a un paio di servizi in cui devi essere invitato, e ho notato tutti questi segnali d’allarme”, ha detto Melanie. “Quindi quando dice che non siamo di supporto, è perché vedo qualcosa che lei non vede.”

Melanie, che è anche una TikToker, ha accusato l’organizzazione di “volerci fare a pezzi” dopo aver smesso di mostrare i loro eventi.

“Certo,” osservò, “guarda dove siamo.”

In una dichiarazione del 4 giugno a E! News, 7M Films ha definito il documentario “un’opera di finzione scandalosa, nata da un tentativo di estorsione fallito e inventata con l’unico scopo di guadagnare fama e fortuna”.

“Continueremo a perseguire tutti i rimedi legali disponibili per prevenire la diffusione di pericolose falsità”, continua la dichiarazione, “e ci aspettiamo di essere pienamente vendicati in tribunale”.

E! I messaggi alla Chiesa di Shekinah per commenti sui documentari non sono stati restituiti. E! Netflix ha rifiutato di commentare quando raggiunto.

Curioso di saperne di più Danza per il diavolo: il culto 7M di TikTok? Continua a leggere.

READ  Biden ha annunciato una nuova politica per proteggere dalla deportazione i coniugi privi di documenti di cittadini statunitensi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *