Mike Johnson inizia a gareggiare per la carica di relatore alla Camera nel mezzo della crisi della leadership del GOP



CNN

Il deputato Mike Johnson è pronto a portare la sua battaglia per la presidenza alla Camera mercoledì, un momento chiave per i repubblicani della Camera che arriva in un momento di incertezza sulla capacità del parlamentare della Louisiana di raccogliere i 217 voti necessari per passare.

Johnson, che ricopre il ruolo di vicepresidente della conferenza del GOP della Camera, ha ricevuto una nomina a relatore Martedì sera in tarda serata. La votazione ha concluso una giornata caotica iniziata con l’elezione del rappresentante del Minnesota da parte dei repubblicani. Tom Emmer Sarebbe diventato il loro ultimo candidato per poi ritirarsi poche ore dopo, dopo aver affrontato la feroce opposizione dell’ala destra della convenzione e la condanna dell’ex presidente Donald Trump. La giornata si è conclusa con una votazione per scegliere un nuovo candidato: questa volta ha vinto Johnson.

Cresce la pressione alla convention del GOP mentre la Camera rimane bloccata senza un oratore. Ma finora i repubblicani hanno faticato a unirsi dietro un successore dopo la storica cacciata di Kevin McCarthy. Il voto per estromettere McCarthy ha gettato la Camera in un territorio inesplorato, e non è chiaro se uno dei due candidati potrà vincere dopo questa mossa senza precedenti.

Dopo il voto sulla nomina, i repubblicani della Camera hanno effettuato un altro voto per valutare il sostegno del candidato all’interno della convenzione. Circa 20 membri si sono astenuti da quella votazione e Johnson potrebbe perdere solo quattro voti in sala, creando incertezza sulla possibilità di ottenere i voti necessari.

“La democrazia a volte è complicata, ma questo è il nostro sistema”, ha detto martedì sera Johnson. “L’idea è di andare domani in Aula e ufficializzare la cosa. Quindi lo faremo. ”

READ  L'OPEC+ sta valutando il cambiamento rispetto a un taglio più piccolo della produzione, affermano le fonti

Emmer è stato il terzo repubblicano a vincere la nomination GOP, dopo i rappresentanti Jim Jordan dell’Ohio e Steve Scalise della Louisiana.

Dopo aver vinto la nomination del partito, Emmer ha dovuto affrontare una rapida opposizione da parte del lato destro della sua convenzione, nonché la condanna di Trump. In un post su Truth Social, Trump ha definito Emmer un “rinoceronte globale” e ha affermato che votare per lui è stato “un tragico errore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *