L’UAW inizia a spingere per organizzare Toyota, Tesla, Honda, VW e altri

La United Auto Workers ha annunciato un’iniziativa per organizzare le fabbriche statunitensi di Toyota, Tesla, Honda e di altre case automobilistiche non sindacalizzate della nazione, sperando di espandere notevolmente il proprio numero di membri dopo accordi record con le tre grandi di Detroit.

UAW a Sito web I lavoratori di 13 aziende diverse possono firmare elettronicamente le carte di riconoscimento sindacale come primo passo nel tentativo di organizzare le loro fabbriche.

La UAW deve affrontare una dura battaglia. I suoi sforzi passati per organizzare le case automobilistiche sono falliti perché molte fabbriche sono situate negli stati del sud, dove le leggi, la politica e la cultura locale rendono difficile l’organizzazione dei sindacati.

Tuttavia, i leader sindacali sperano di trarre vantaggio dai grandi aumenti salariali ottenuti dalla UAW per i lavoratori nei nuovi contratti con Ford, General Motors e Stellandis. Tali accordi includono aumenti salariali di almeno il 25% in 4 anni e mezzo, nonché maggiori contributi aziendali ai conti pensionistici e più ferie retribuite.

I membri della UAW siglano accordi record con le 3 grandi case automobilistiche

Incoraggiati dagli accordi dei Tre Detroit, migliaia di lavoratori di aziende non sindacalizzate hanno già contattato l’UAW e firmato le carte nelle ultime settimane. Ha rifiutato di fornire cifre più specifiche.

UN video Nell’annunciare la campagna, il presidente della UAW Sean Fine ha avanzato le stesse argomentazioni che hanno spinto i tre grandi lavoratori a scioperare quest’anno: le aziende realizzano grandi profitti mentre i lavoratori vengono lasciati indietro, ha affermato.

“Non devi vivere di stipendio in stipendio. Non devi preoccuparti di come pagherai l’affitto o di come nutrire la tua famiglia quando l’azienda guadagna miliardi”, ha detto Fine. Là. Inizia da te: l’UAW.

READ  L'unità di prestito di criptovalute di Genesis dichiara bancarotta negli Stati Uniti

Come un leader sindacale coraggioso e poco conosciuto ha ottenuto guadagni record per i lavoratori del settore automobilistico

Diverse aziende non sindacalizzate, tra cui Honda, Toyota, Hyundai e Volkswagen, hanno offerto aumenti salariali a due cifre ai loro lavoratori statunitensi nelle ultime settimane, in quello che gli analisti definiscono un chiaro tentativo di allontanare qualsiasi spinta sindacale.

In una dichiarazione inviata via e-mail, Honda ha affermato di aver costruito un business di successo negli Stati Uniti in oltre 40 anni “mantenendo salari e benefici competitivi”.

“Non crediamo che un soggetto esterno migliorerà l’eccellente esperienza lavorativa dei nostri associati, né migliorerà l’eccellente track record di successo e stabilità occupazionale raggiunto dagli associati di produzione Honda negli Stati Uniti”, si legge nella nota.

Volkswagen e Rivian hanno rifiutato di commentare. Le altre società non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento o non sono state contattate.

La UAW ha affermato che i lavoratori delle fabbriche non sindacalizzate stanno aiutando a organizzare la campagna, che si rivolge a 150.000 lavoratori di BMW, Honda, Hyundai, Lucid, Mazda, Mercedes, Nissan, Rivian, Subaru, Tesla, Toyota, Volkswagen e Volvo.

La campagna si inserisce nel contesto di un crescente movimento di attivismo sul posto di lavoro mentre i lavoratori di tutti i settori scioperano e si agitano per ottenere retribuzioni e benefici migliori. Molti altri hanno avuto grandi successi quest’anno, tra cui autisti UPS, attori e scrittori di Hollywood e operatori sanitari.

Questi successi hanno alimentato l’interesse pubblico nei confronti dei sindacati, ma tradurlo in nuovi membri non è stato facile. L’adesione ai sindacati è generalmente diminuita negli ultimi decenni, come dimostra la stessa UAW: i ranghi del sindacato sono crollati da circa 1,5 milioni di lavoratori negli anni ’70 a circa 400.000 iscritti oggi in una varietà di settori, tra cui la sanità e l’istruzione. Circa 150.000 membri lavorano per le case automobilistiche.

READ  Le mosse di Musk su Twitter potrebbero portarlo a scontrarsi con le "linee rosse" dell'Europa

Alcuni dei nuovi obiettivi della UAW, tra cui Tesla, hanno lavorato duramente per bloccare gli sforzi di sindacalizzazione in passato. La nuova campagna della UAW prende di mira il fondatore di Tesla Elon Musk, l’uomo più ricco del mondo, affermando: “La produzione statunitense è raddoppiata dal 2020 e le vendite di Tesla sono in forte espansione. La domanda è: i lavoratori Tesla riceveranno la loro giusta quota? È tempo che i lavoratori di Tesla si alzino e combattano più duramente. Secondo il sito web.

Molte case automobilistiche hanno una forza lavoro fortemente sindacalizzata nei loro paesi d’origine e potrebbero non puntare a giocare duro, ha affermato Jake Rosenfeld, professore di sociologia ed esperto di lavoro alla Washington University di St. Louis.

Tuttavia, le loro fabbriche americane si trovano in stati ostili ai sindacati, ha detto.

Quando la UAW ha cercato di organizzare gli stabilimenti Volkswagen nel Tennessee, la società ha assunto una posizione neutrale nella campagna, ma molti politici locali hanno espresso opposizione, contribuendo a influenzare i lavoratori contro lo sforzo, ha detto Rosenfeld.

Negli stati a lungo sindacato come il Michigan, “si sentono storie di lavoratori GM i cui nonni erano nel sindacato – e questo passa”, ha detto. Quella storia non esiste al Sud.

Far firmare ai lavoratori le carte di riconoscimento del sindacato è solitamente il primo passo verso l’organizzazione dei lavoratori. Una volta che il 30% dei lavoratori aventi diritto si iscrive, i luoghi di lavoro hanno legalmente il diritto di indire un’elezione per decidere se vogliono unirsi al sindacato. Secondo Comitato nazionale per i rapporti di lavoro. Una volta che la maggior parte dei lavoratori avrà firmato la tessera, in alcuni casi i datori di lavoro riconosceranno volontariamente il sindacato senza voto.

READ  Jim Harbaugh mirava a "molti, molti campionati" con i Chargers

L’UAW sta prendendo di mira le firme di carte di alto profilo per rafforzare la sua campagna. Se lo sforzo di organizzazione in un’azienda raggiunge la soglia del 30%, annuncerà pubblicamente la formazione di un comitato organizzatore presso la casa automobilistica e continuerà a spingere per assumere più lavoratori, hanno detto i funzionari. Se dovesse raggiungere il 50%, il sindacato ha detto che organizzerà una manifestazione generale con Fein e gli operai della fabbrica. Dopo il 70%, la UAW chiederà all’azienda di riconoscere il sindacato. Se l’azienda non lo fa, il sindacato chiederà all’NLRB di indire un’elezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *