L’offerta di McCarthy per il presidente della Camera rimane incerta mentre arriva il suo momento della verità.

WASHINGTON – Il leader del Partito Repubblicano Kevin McCarthy è pronto a perdere il suo primo voto come oratore, mandando la Camera a un secondo voto dopo che più di cinque repubblicani si sono opposti alla sua nomina.

Il voto è in corso, ma senza quei repubblicani, McCarthy avrà bisogno del sostegno democratico, il che è altamente improbabile. Il voto pone fine a una settimana di stallo tra McCarthy ei suoi oppositori conservatori.

Un piccolo gruppo di membri di estrema destra vicini all’ex presidente Donald Trump ha promesso di restare unito per negare a McCarthy, nativo della California, l’oratore. La nuova maggioranza di 222-212 del GOP è così sottile che cinque parlamentari del GOP potrebbero impedirgli di ottenere i 218 voti di cui ha bisogno per vincere al primo turno. Ciò manderebbe il processo a più votazioni e quasi altrettanta confusione in sala.

L’ultimo è successo Esattamente 100 anni fa.

McCarthy è stato raggiunto da Rep. Elise Stefanik, RN.Y. Nominato da loro, lo hanno definito “un orgoglioso conservatore con un’inesorabile etica del lavoro”.

“Kevin McCarthy ha vinto il presidente della Camera”, ha detto Stefanik.

Il rappresentante Paul Kosar, R-Arizona, ha nominato il rappresentante Andy Biggs, R-Arizona, in sostituzione di McCarthy come relatore.

Costola. Pete Aguilar, D-Calif., ha scelto il rappresentante Hakeem Jeffries di New York come oratore mentre gettava ombra sui repubblicani nel suo discorso.

“I Democratici alla Camera sono uniti dietro un oratore”, ha detto Aguilar, aggiungendo che Jeffries “non si impegna nell’estremismo. Non cerca scuse per un ex presidente che è stato messo sotto accusa due volte. Non piega il ginocchio a nessuno che ci provi minare la nostra democrazia”.

READ  L'epidemia "tranquilla" di poliomielite a New York spinge il CDC a prendere in considerazione ulteriori vaccinazioni per alcuni

“Non è quello che fanno i leader”.

Cinque conservatori – I Chiamato Never Kevins I Florida Bigs e il rappresentante Matt Gates – guidati da Matt Gates – hanno dichiarato che non avrebbero votato per McCarthy in nessuna circostanza e lo hanno esortato a ritirarsi per consentire a un altro candidato di avanzare.

“È vero che lottiamo con fiducia con il signor McCarthy, perché di volta in volta i suoi punti di vista, le sue posizioni cambiano come sabbia sotto di te”, ha detto Gates. ha detto ai giornalisti In vista del voto di martedì. “Se vuoi prosciugare la palude, non puoi affidare l’esercizio al coccodrillo più grande.”

McCarthy ha parlato alla sua conferenza martedì mattina, in cui ha chiesto sostegno ai membri e ha difeso il suo lavoro di leader. Nel frattempo, gli alleati di McCarthy hanno minacciato di privare alcuni dei suoi oppositori delle loro quote di comitato, ha detto Biggs dopo l’incontro. Il rappresentante Mike Rogers, R-Ala., ha confermato di aver “promesso” che coloro che intendono votare contro McCarthy perderanno i loro posti di commissione.

Rappresentante. Dan Crenshaw, R-Texas, è stato particolarmente critico nei confronti degli avversari di McCarthy martedì. “C’è un gruppo di persone che ha sbagliato profondamente i calcoli”, ha detto. “Hanno calcolato che la gente li vedrà come questi nobili combattenti per la libertà che combattono per una causa. Non possono dire quale sia la causa. Li fa sembrare stupidi. E sono molto stupidi.”

Gaetz e altri oppositori di McCarthy hanno tenuto una conferenza stampa dopo l’incontro di martedì, promettendo di continuare la loro campagna. «Perdona la mia decisione», disse. “Questa città ha un disperato bisogno di cambiamento, e se alcuni di noi devono alzarsi in piedi per forzarlo, siamo disposti a farlo per tutto il tempo necessario”.

READ  Gli archeologi hanno scoperto la struttura arborea più antica del mondo

Un altro rappresentante Bob Good, R-Va., di Never Kevins, ha detto che “non è cambiato nulla”, prevedendo che da 10 a 15 membri si sarebbero opposti a McCarthy.

McCarthy ha detto che pensava che l’incontro fosse “molto buono” e ha detto ai giornalisti: “Non vado da nessuna parte”.

“Senti, detengo il record per il discorso in pubblico più lungo di sempre. “Non ho problemi a ottenere il maggior numero di voti per la carica di presidente”, ha detto.

Tuttavia, i problemi di McCarthy non erano limitati al gruppo di Getz. McCarthy ha accettato durante il fine settimana una serie di modifiche alle regole che avrebbero ridotto i suoi poteri di oratore nel tentativo di ottenere il sostegno di un caucus di membri della House Freedom Caucus allineati con Trump.

Ma i nove membri del gruppo includono il presidente del Freedom Caucus Scott Perry, R-Pa. Comprese, le sue proposte sono troppo piccole, troppo tardi.

Nella loro lettera di Capodanno, hanno scritto che non è riuscito a soddisfare diverse richieste, inclusa la garanzia che la leadership non avrebbe lavorato per sconfiggere alcuni candidati conservatori nelle gare primarie aperte. I membri hanno anche affermato che le modifiche alle regole proposte da McCarthy limiterebbero la capacità dei membri di estromettere l’oratore nel mezzo del Congresso.

“Nonostante alcuni progressi, il rapporto del signor McCarthy arriva quasi incredibilmente in ritardo per affrontare le carenze persistenti prima dell’apertura del 118° Congresso il 3 gennaio”, ha scritto il Freedom Caucus.

A seguito di un incontro con il presidente Joe Biden e altri leader del Congresso nella Roosevelt Room della Casa Bianca il 29 novembre 2022, il leader della minoranza Rep.  Kevin McCarthy parla ai giornalisti.
A seguito di un incontro con il presidente Joe Biden e altri leader del Congresso alla Casa Bianca il 29 novembre 2022, il leader della minoranza Rep. Kevin McCarthy parla ai giornalisti.Demetrius Freeman/The Washington Post tramite il file Getty Images

McCarthy, L’approvazione di Trump e sconfisse facilmente Bigs Non si è tirato indietro per vincere la nomination del suo partito alla carica di presidente. Si sta già trasferendo nella camera dell’oratore e, mentre lasciava il Campidoglio lunedì, ha predetto che il giorno in cui l’oratore avrebbe votato sarebbe stato un “buon giorno”.

READ  Warren Buffett vede l'incertezza nel mercato dei veicoli elettrici

Ansiosi di mantenere la loro nuova maggioranza, la maggior parte dei repubblicani alla Camera si è schierata pubblicamente dietro McCarthy. E i suoi fedeli lealisti, che si definiscono “Solo Kevins”, hanno promesso di respingere qualsiasi sfidante che emerga per andare al tappeto per McCarthy.

“Non puoi battere nessuno con nessuno. Quindi chi batterà McCarthy? Chi otterrà 218 voti? Nessuno tranne lui “, ha detto ai giornalisti il ​​rappresentante moderato Brian Fitzpatrick, R-Pa., Presidente del comitato bipartisan per la risoluzione dei problemi.

Fitzpatrick ha detto che avrebbe votato per McCarthy “al primo turno, il millesimo round e tutti gli altri”, aggiungendo che “ne abbiamo un sacco”.

Questo conflitto potrebbe avere importanti implicazioni per la chiesa. Nessun altro affare della Camera può svolgersi fino a quando non viene eletto un oratore, il che significa che i voti della Camera, le udienze della commissione e altri affari del Congresso saranno sospesi a meno che i repubblicani non riescano a concordare un nuovo leader.

Questo potrebbe ritardare quello nuovo Audizioni della Camera GOP La gestione del confine da parte dell’amministrazione Biden, la risposta al Covid-19 e il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan.

“Un piccolo gruppo di individui che si rifiutano di unirsi attorno a chi ha votato la maggioranza ferisce l’intera squadra e ci rallenta fin dall’inizio”, ha detto un altro alleato di McCarthy, Rep. disse Don Bacon, R-Neb.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *