L’intelligenza artificiale umana è già più divertente e accessibile di Pin

Al CES di gennaio, Startup Rabbit, giusto in tempo per l’anno lunare del Coniglio. È un simpatico quadratino arancione posizionato come un “compagno tascabile che sposta l’intelligenza artificiale dalle parole all’azione”. In altre parole, è fondamentalmente una macchina AI dedicata che funziona come un walkie-talkie per un assistente virtuale.

Lo sapevate? Potresti pensare alla spilla AI umanoide che ha iniziato a essere spedita questo mese. Io, quando gli sbocchi vogliono Cablato E al limite Ha dato un punteggio basso di 4 su 10.

Quelli di Rabbit stanno monitorando da vicino le conseguenze del post-rilascio e delle revisioni dell’IA umana. Ciò è stato evidente nel discorso del fondatore e CEO Jesse Liu all’evento unboxing di ieri sera al TWA Hotel di New York, dove l’azienda ha mostrato il Rabbit R1 e gli entusiasti primi adottanti hanno ascoltato con estasi prima di ritirare i loro preordini. L’unità campione di Engadget è in viaggio verso Devindra Hardawar, che affronta questa recensione. Ma ieri sera ho partecipato a un evento di unboxing del settore per vedere le unità (grazie per un aiuto!).

Per rinfrescarti la memoria, Rabbit R1 è un quadrato arancione brillante progettato da Teenage Engineering e Rabbit. Ha un display a colori integrato da 2,88 pollici, una fotocamera da 8 megapixel che può essere rivolta in entrambe le direzioni e una rotella di scorrimento che ricorda una manovella. Quest’ultimo è un portatile da gioco compatto progettato da Teenage Engineering e Rabbit R1 condivide la sua adorabile estetica retrò. Ancora una volta, come il pin dell’IA umana, Rabbit R1 dovrebbe essere il tuo portale verso un assistente e un sistema operativo basati sull’intelligenza artificiale. Tuttavia, ci sono alcune differenze chiave, che Liu ha spiegato in dettaglio durante l’evento di lancio di ieri sera.

Saltiamo questo: Rabbit R1 sembra già più attraente di una spilla AI umana. Innanzitutto, costa 199 dollari, meno di un terzo dei 700 dollari della spilla AI. L’umanità richiede un abbonamento mensile di 24 dollari, altrimenti il ​​suo dispositivo diventerà sostanzialmente inutile. Coniglio, insistette ripetutamente Liu per tutta la notte, non aveva bisogno di una simile accusa. Sei responsabile del tuo servizio cellulare (solo 4G LTE, no 5G) e puoi portare la tua scheda SIM o utilizzare per impostazione predefinita il buon vecchio Wi-Fi. Lì troverai anche una porta di ricarica USB-C.

READ  Astros, Phillies apportano piccole modifiche al roster prima delle World Series

I vantaggi della R1 rispetto alla Pin non finiscono qui. Grazie al suo schermo integrato (invece di un complicato proiettore), Orange Square è estremamente versatile e con cui è facile interagire. Utilizzare la rotella per scorrere gli elementi e premere il pulsante sul lato destro per confermare la selezione. Puoi toccare lo schermo o premere il pulsante per iniziare a parlare con il software.

Ora, non ho scattato foto con il dispositivo, ma la qualità delle immagini che ho visto sullo schermo mi ha sorpreso. Forse le mie aspettative erano troppo basse, ma quando i revisori nella sala multimediale hanno configurato i loro dispositivi utilizzando le fotocamere interne per scansionare i codici QR, ho trovato le immagini sugli schermi chiare e straordinariamente vivaci. Con Rabbit R1 gli utenti non si limitano a scattare foto, video e codici QR. Ha anche una funzione di visione simile a un contenitore AI umano che analizza l’immagine scattata e ti dice cosa c’è dentro. Nella demo di Liu, R1 gli ha detto di aver visto una folla “in un luogo di eventi o concerti”.

In cima a un tavolo c'è un'unità Rabbit R1 con un cavo USB-C collegato al bordo sinistro.  Lo schermo è e dice

Cheryl Lowe per Engadget

Non ci resta che aspettare che Devindra scatti effettivamente alcune foto con la nostra unità R1 e le scarichi da un portale web che Rabbit chiama astutamente Rabbit Hole. Il suo nome è Rabbit Eye per le funzionalità basate sulla fotocamera, il che è piuttosto delizioso. Infatti, un’altra cosa che distingue il coniglio dall’uomo è la personalità del primo. R1 mostra solo carattere. Dai nomi bizzarri delle caratteristiche all’estetica retrò, alle animazioni dello schermo e al fatto che l’intelligenza artificiale fa effettivamente battute (scadenti), Rabbit e Teenage Engineering hanno creato qualcosa con più sapore dell’aspetto e dell’approccio quasi clinico di Human.

READ  Un'ex guardia del campo nazista è stata condannata a cinque anni di carcere per le atrocità dell'Olocausto

Di tutte le osservazioni di Liu sull’Umano ieri sera, le prestazioni termiche dell’R1 o i discorsi sui problemi termici del perno dell’IA non erano chiari. Per essere chiari, l’R1 è leggermente più grande del dispositivo Humane rispetto al chip Snapdragon di AI Bin e utilizza un processore MediaTek MT6765 octa-core. Al momento non ci sono indicazioni che il dispositivo Rapid si surriscaldi quanto lo spillo di un essere umano, ma mi sono già scottato in passato (in senso figurato) e sono diffidente.

Sono un po’ preoccupato per la struttura in plastica lucida della R1. Sembra fantastico e sembra più leggero del previsto, pesa solo 115 grammi o un quarto di libbra. La rotella di scorrimento si muoveva agevolmente quando la spingevo su e giù e non c’erano scanalature o tacche fisiche come la cerniera rotante sugli orologi Samsung Galaxy. L’alloggiamento della fotocamera era identico al resto della R1 e in generale l’unità sembrava raffinata e rifinita.

La maggior parte delle mie altre impressioni sul Rabbit R1 provenivano dalle demo sul palco di Liu e sono rimasto stupito dalla rapidità con cui il suo dispositivo ha risposto alle sue domande. Era in grado di digitare sullo schermo di R1 e inclinarlo in modo che i controlli non fossero sotto il display alla sua destra. In questo modo, c’era abbastanza spazio per una tastiera su schermo che secondo Liu aveva la stessa larghezza dell’iPhone originale.

Rabbit ha anche attirato l’attenzione sul suo cosiddetto Large Action Model (LAM), che funge da traduttore per convertire app popolari come Spotify o Doordash in interfacce che funzionano sul sistema operativo dall’aspetto semplice dell’R1. Anche Liu ne ha sfoggiati alcuni all’evento di ieri sera, ma aspetterò di provarli di persona.

Lyu ha fatto una serie di promesse agli spettatori, apparentemente riconoscendo che la R1 non sarà completamente dotata di tutte le funzionalità quando ci metterà le mani sopra. Anche il sito web dell’azienda contiene un elenco di funzionalità pianificate, in corso o sotto indagine. Per prima cosa, quest’estate arriverà una sveglia, insieme a un calendario, un’app per i contatti, supporto GPS, richiamo della memoria e altro ancora. Durante tutto il suo discorso, Liu ha ripetuto la frase “andiamo a lavorare” (sottolineando, ad esempio, che Rabbit non richiede quote di abbonamento aggiuntive). Alla fine, “continuiamo ad aggiungere valore a questa cosa”, ha detto Liu, riferendosi a una tabella di marcia delle prossime funzionalità.

READ  Colin Cabernick è stato notato da diverse squadre prima dell'allenamento dei Riders, dove ha impressionato tutti, secondo il rapporto

Si spera che Liu e il suo team riescano a mantenere le promesse. Sono già molto interessato a una “modalità di insegnamento” che ha anticipato, che è fondamentalmente un modo per creare macro registrando un’azione sull’R1 e lasciando che impari cosa vuoi che faccia mentre lo dici. L’approccio di Rabbit sembra certamente rivolto agli armeggiatori e agli appassionati, mentre quello di Human è più ambizioso e più chiuso. Sembra che Google e Apple siano di nuovo daccapo, a meno che la concorrenza dei dispositivi di intelligenza artificiale non raggiunga mai lo stesso livello.

L’evento di ieri sera ha anche chiarito cosa dovrebbe pensare la lepre. Si è tenuto presso il TWA Hotel, che era il quartier generale del TWA Flight Center. L’intero spazio rende omaggio alle vibrazioni retrò e l’ingresso all’evento Rabbit è fiancheggiato da vetrine contenenti un Pokedex, un Sony Watchman, un cercapersone Motorola, un Game Boy Color e altri gadget. Ogni teca di vetro davanti alla quale passavo mi faceva rabbrividire e anche giocare con la R1 mi riportava alla mente un bel ricordo. Non sembra premium o durevole; È stato bello perché mi ha ricordato la mia infanzia.

Il successo del Rabbit con l’R1 dipende da come definisci il successo. L’azienda ha già venduto 100.000 unità in questo trimestre ed è pronta a venderne almeno un’altra (sto già esaurendo la mia carta di credito). Sono scettico sull’utilità dei dispositivi IA, ma grazie al suo prezzo e alla capacità di funzionare con app di terze parti, Rabbit è già riuscito a farmi sentire come se stessi entrando nel paese delle meraviglie di Alice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *