L’Eurozona scivola in recessione dopo le riforme di Germania e Irlanda

  • Il PIL dell’Eurozona a 20 nazioni nel primo trimestre e nel quarto trimestre/2022 è stato entrambi ridotto a -0,1%
  • Germania, Irlanda Dati del primo trimestre rivisti di seguito
  • La crescita dell’occupazione sale allo 0,6% nel primo trimestre

BRUXELLES, 8 giugno (Reuters) – L’economia della zona euro è stata in recessione tecnica nei primi tre mesi del 2023, secondo i dati dell’agenzia statistica europea Eurostat mostrati giovedì, dopo le revisioni al ribasso della crescita nel primo e nell’ultimo trimestre. 2022.

Il prodotto interno lordo (PIL) per la zona euro a 20 nazioni è diminuito dello 0,1% nel primo trimestre rispetto al quarto trimestre del 2022 ed è aumentato dell’1,0% rispetto all’anno precedente, ha affermato Eurostat in un rapporto.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto un’espansione media di zero e dell’1,2%, rispetto alle stime flash di crescita dello 0,1% e dell’1,3% pubblicate il 16 maggio.

La revisione è stata principalmente dovuta a una seconda stima dell’ufficio statistico tedesco che ha mostrato che la più grande economia della zona euro era in recessione già nel 2023.

La contrazione dell’economia irlandese è aumentata al 4,6% da una stima iniziale del 2,7%, anche se questo negativo è dovuto all’impatto delle grandi multinazionali sulla crescita in Irlanda.

Anche il dato dell’Eurozona per il quarto trimestre del 2022 è stato ridotto a -0,1% da una precedente lettura pari a zero.

Alla fine dello scorso anno era prevista una recessione, quando la zona euro ha lottato con l’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari e il boom della spesa post-pandemia è svanito, ma le prime stime affermano che la regione lo ha evitato.

READ  Prima dell'arrivo di Zelenskyy nella guerra nell'est dell'Ucraina, in Russia

The Capital Economist ha affermato che le prospettive per l’economia della zona euro sono cupe e che un’altra contrazione potrebbe verificarsi nel secondo trimestre a causa dell’impatto dei tassi di interesse più elevati.

S&P Global Market Intelligence prevede una ripresa nel secondo trimestre guidata dal settore dei servizi, seguita da un rallentamento e dal rischio di una nuova recessione alla fine del 2023 o all’inizio del 2024 con l’affermarsi delle difficili condizioni finanziarie.

Oltre a Germania e Irlanda, il PIL è diminuito nel trimestre anche in Grecia, Lituania, Malta e Paesi Bassi.

Eurostat ha affermato che la spesa delle famiglie ha aggiunto 0,1 punti percentuali al PIL trimestrale, la spesa pubblica 0,3 punti e le variazioni delle scorte 0,4 punti. La formazione lorda di capitale fisso ha aggiunto 0,1 punti e il commercio netto ha aggiunto altri 0,7 punti poiché le importazioni sono diminuite.

Al contrario, la crescita dell’occupazione ha accelerato all’inizio del 2023, salendo allo 0,6% nel primo trimestre dallo 0,3% nel quarto trimestre del 2022, secondo le stime precedenti. Si tratta di un aumento dell’1,6% annuo.

Su base trimestrale, l’occupazione è cresciuta in tutti i paesi ad eccezione di Grecia, Lituania e Slovacchia.

Per maggiori dettagli sui dati Eurostat clicca:

http://ec.europa.eu/eurostat/news/news-releases

Relazione di Philip Blenkinsop; Montaggio di Sharon Singleton

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *