Le azioni estendono i guadagni fino alle festività del Ringraziamento, Nvidia crolla dopo i guadagni

I prezzi del petrolio scendono mentre l’OPEC ritarda la riunione

Mercoledì i futures del petrolio hanno subito un calo dopo che l’OPEC ha rinviato un incontro imminente, ma sono rimbalzati nel corso del pomeriggio. I futures del West Texas Intermediate (CL=F) sono scesi meno dell’1% attestandosi sopra i 77 dollari al barile.

Ines Ferre di Yahoo Finance riporta:

L’OPEC+, il più grande gruppo produttore di petrolio al mondo guidato dall’Arabia Saudita, dichiarato Rinvierà il suo prossimo incontro dal 26 al 30 novembre, sollevando incertezza sui piani del comitato per ulteriori tagli alla produzione.

“Sono [OPEC] Vogliono ottenere un consenso prima di incontrarsi,” ha detto mercoledì mattina a Yahoo Finance Ed Hirsz, ricercatore dell’Università di Houston.

Il ritardo riportato potrebbe indicare che gli Stati membri non stanno sincronizzando i prossimi passi.

“Penso che ciò significhi che stanno avendo difficoltà ad accettare l’idea di ulteriori tagli per tutti”, ha detto mercoledì a Yahoo Finance Stewart Glickman, analista di azioni energetiche presso CFRA Research, riguardo al ritardo.

L’Arabia Saudita prevede tagli unilaterali di un milione di barili al giorno fino alla fine dell’anno. Si dice che eserciti pressione I membri più piccoli dell’OPEC+ dovrebbero svolgere un ruolo maggiore nei tagli.

I tagli di quest’anno, che sono circa il 20% inferiori ai prezzi medi del 2022, mirano a frenare l’offerta globale e a mantenere un livello minimo sotto i prezzi del petrolio.

“Vediamo un certo margine per il gruppo per effettuare tagli più profondi, ma ci aspettiamo che l’Arabia Saudita cerchi ulteriori barili da altri membri per condividere l’onere dell’aggiustamento”, ha scritto Helima Croft, responsabile della strategia globale sulle materie prime presso RBC Capital. Una nota questa settimana.

READ  Sabato Powerball ha superato gli 810 milioni di dollari senza alcun vincitore del jackpot

I fondamentali del mercato potrebbero anche contribuire all’incertezza tra i membri dell’OPEC+ dopo che questa settimana al gruppo è stata data una prospettiva ribassista del mercato petrolifero. I materiali di un importante trader finanziario esaminati da Reuters hanno mostrato che l’ultima svendita di novembre è stata alimentata dal sentimento ribassista nei produttori di petrolio e nelle compagnie aeree.

“Di conseguenza, l’aumento dei prezzi a fronte di un calo della domanda potrebbe ridurre ulteriormente la domanda [in] Nonostante il basso costo”, ha osservato Hirsz dell’Università di Houston.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *