L’amministrazione Biden sta lavorando dietro le quinte per convincere Pelosi dei pericoli di recarsi a Taiwan

Il potenziale viaggio mette in evidenza le preoccupazioni nell’amministrazione del presidente Joe Biden sui progetti della Cina su Taiwan poiché negli ultimi mesi Pechino ha intensificato la sua retorica e le azioni aggressive nei confronti dell’isola, incluso l’invio di aerei da guerra più volte nella zona di identificazione della difesa aerea di Taiwan. I funzionari statunitensi temono che le mosse possano essere il preludio a mosse più aggressive della Cina nei prossimi mesi per affermare la sua autorità sull’isola.

Mentre Biden e altri alti funzionari guardano nervosamente per vedere quali lezioni la Cina potrebbe trarre dalla risposta occidentale all’aggressione russa, la guerra in Ucraina ha intensificato queste preoccupazioni.

I funzionari dell’amministrazione hanno condiviso non solo le loro preoccupazioni sulla sicurezza di Pelosi durante il viaggio, ma anche il modo in cui la Cina potrebbe rispondere a una visita di così alto profilo. Con la Cina che ha recentemente riportato la sua peggiore performance economica in due anni, Xi si trova in una situazione politicamente critica prima di un incontro cruciale sull’estensione del suo governo e potrebbe usare una vittoria politica, hanno detto diversi funzionari alla CNN.

Mentre gli assistenti di Biden hanno idee su come potrebbe rispondere, non sanno quale direzione sceglierà il leader cinese.

È in questo contesto che Pelosi ha proposto un viaggio a Taiwan con delegazioni congressuali, viaggio che finora ha rifiutato di confermare pubblicamente. Ma ciò non ha impedito alla Cina di scatenarsi, dicendo che la visita violerebbe la politica degli Stati Uniti nei confronti dell’isola.

Lo ha detto martedì il ministero della Difesa nazionale cinese Il viaggio di Pelosi dovrebbe essere annullato. avvertimento Questo è l’esercito cinese Taiwan “difenderà risolutamente la sovranità nazionale” di fronte alle “forze esterne” che promuovono l’indipendenza.

“La Cina chiede agli Stati Uniti di adottare misure concrete per non sostenere l’indipendenza di Taiwan e non organizzare che Pelosi visiti Taiwan”, ha detto martedì il portavoce del ministero della Difesa Dan Kefe in risposta alle domande sul viaggio di Pelosi a Taipei.

READ  La Russia afferma che l'attacco al porto ucraino colpisce obiettivi militari

“Se gli Stati Uniti insistono nel seguire il proprio corso, l’esercito cinese non sarà mai inattivo e adotterà misure forti per sconfiggere l’interferenza di qualsiasi potenza esterna e i piani separatisti per l'”indipendenza di Taiwan” e sostenere fermamente la sovranità nazionale e l’integrità territoriale”, ha aggiunto Tan.

La Casa Bianca ha dichiarato martedì che poiché Pelosi rimane nella linea presidenziale, l’amministrazione presta particolare attenzione alla sua sicurezza quando viaggia all’estero.

Secondo John Kirby, coordinatore delle comunicazioni per il Consiglio di sicurezza nazionale, ciò comporta la creazione di un’impronta sul terreno in base alla posizione e all’ambiente e talvolta all’utilizzo di risorse militari.

“Prendiamo sul serio questi impegni”, ha detto Kirby, ribadendo che Pelosi non aveva annunciato alcun piano di viaggio per visitare Taiwan.

L’amministrazione rileva i rischi per Pelosi

Dietro le quinte, i funzionari dell’amministrazione Biden hanno lavorato per chiarire i potenziali rischi della visita negli incontri con Pelosi e il suo team.

I funzionari del Pentagono hanno informato l’oratore la scorsa settimana sull’intensificarsi delle tensioni a Taiwan e nella regione, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione. Alla conferenza hanno partecipato anche funzionari della Casa Bianca.

Il presidente ha lasciato sfuggire la scorsa settimana che l’esercito americano si oppone ora alla visita di Pelosi a Taiwan, ma la Casa Bianca ha rifiutato di ampliare i suoi commenti. Anche Pelosi ha detto durante una conferenza stampa la scorsa settimana di non essere sicura di cosa intendesse esattamente Biden.

“Penso che il presidente stia dicendo che forse i militari avevano paura che il mio aereo sarebbe stato abbattuto o qualcosa del genere. Non ne sono sicuro”, ha detto.

La Casa Bianca ha detto martedì che fornirà informazioni sul possibile viaggio di Pelosi.

“Lascerò che l’oratore parli dei suoi piani di viaggio. Ovviamente, il nostro compito è assicurarci che abbia tutto il contesto e le informazioni prima di viaggiare ovunque. Ma la retorica che esce dalla parte cinese chiaramente non aiuta. non è necessario”, ha detto Kirby al “New Day” della CNN.

READ  L'USMNT non vede l'ora che arrivi il 2026 dalla Coppa del Mondo

“Non c’è bisogno di una retorica così crescente”, ha aggiunto Kirby. “Ancora una volta, niente di tutto questo deve trasformarsi in uno scontro. Nessuna delle nostre politiche è cambiata nel sostenere la capacità della Cina o di Taiwan di difendersi. Quindi non c’è motivo di intensificare questo, anche retoricamente”.

Il potenziale viaggio arriva in un momento di tensione in Cina

I funzionari dell’amministrazione temono che il viaggio di Pelosi arrivi in ​​un momento particolarmente teso, poiché Xi dovrebbe cercare un terzo mandato senza precedenti al prossimo congresso del Partito Comunista Cinese. I funzionari del partito cinese dovrebbero gettare le basi per quella conferenza nelle prossime settimane, facendo pressione sulla leadership di Pechino affinché mostri forza.

I funzionari ritengono che la leadership cinese non comprenda appieno le dinamiche politiche degli Stati Uniti, portando a un malinteso sul significato della potenziale visita di Pelosi. I funzionari affermano che la Cina potrebbe aver confuso la visita di Pelosi con una visita dell’amministrazione ufficiale perché lei e Biden sono democratici. I funzionari dell’amministrazione temono che la Cina non separi molto Pelosi da Biden.

Invece, la politica che circonda i potenziali viaggi è stata in qualche modo capovolta. Molti repubblicani hanno incoraggiato Pelosi a perseguire i suoi piani, sostenendo che sarebbe una presa di posizione forte contro la Cina, incluso l’ex segretario di Stato Mike Pompeo.

“Nancy, vengo con te. Sono bandito in Cina, ma non sono un taiwanese amante della libertà. Ci vediamo lì!” Pompeo ha twittato questa settimana.

Pelosi ha da tempo sviluppato una posizione dura nei confronti della Cina. Ha rilasciato una forte dichiarazione in occasione dell’anniversario del massacro di piazza Tienanmen, due anni dopo il massacro, ricordando a tutti coloro che avevano contribuito a srotolare uno striscione che diceva “A coloro che sono morti per la democrazia in Cina”.

Biden cerca stabilità

Biden, che ha cercato di rafforzare i legami con la Cina attraverso regolari colloqui con la Cina, ha in programma una conversazione telefonica con Xi questa settimana in cui potrebbe emergere la questione di Taiwan.

READ  Dow Jones Futures: il rally del mercato si scontra con la muraglia cinese; Tesla, è una caduta su Twitter

Ha parlato per l’ultima volta con Xi a marzo, lavorando per convincere il leader cinese a non sostenere la Russia nel mezzo della sua aggressione in Ucraina. I funzionari stanno osservando da vicino come Pechino risponde all’invasione, una risposta occidentale in gran parte unita – comprese sanzioni economiche e miliardi di dollari in navi armate – che fa luce sulle azioni della Cina nei confronti di Taiwan.

Kirby ha indicato martedì che la Cina sta osservando la risposta globale all’aggressione russa in Ucraina mentre pianifica i suoi prossimi passi a Taiwan, aggiungendo che “credo che lo stiano vedendo in tempo reale” ma “non c’è motivo per cui questo si intensifichi. In qualsiasi tipo di conflitto”.

I funzionari statunitensi ritengono che ci sia poco rischio che la Cina calcoli male in risposta alla visita di Pelosi. Nel tentativo di migliorare i viaggi, i funzionari dell’amministrazione Biden sono preoccupati che la Cina possa cercare di dichiarare una no-fly zone su Taiwan, il che potrebbe ulteriormente intensificare le tensioni nella regione, ha detto alla CNN un funzionario statunitense.

I funzionari hanno detto che era una possibilità remota. Dicono che è probabile che la Cina intensifichi più voli all’interno della zona di difesa aerea autodichiarata di Taiwan, il che potrebbe stimolare nuove discussioni sulle possibili risposte da Taiwan e dagli Stati Uniti, ha aggiunto il funzionario statunitense. Non elaborano quali siano queste possibili risposte.

Sebbene l’amministrazione non abbia e non abbia pianificato di dire ufficialmente all’oratore di non recarsi a Taiwan, i funzionari lo hanno informato sui rischi associati al viaggio. Le persone che hanno familiarità con la questione dicono che la loro speranza è di rassicurare tranquillamente Pelosi sui rischi del viaggio, piuttosto che dirle apertamente di non andare.

Alla fine, l’oratore prenderà la sua decisione, hanno osservato i funzionari di Biden.

Kylie Atwood, Barbara Starr, Betsy Klein, Yong Xiang e Hannah Ritchie della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.