La Corte Suprema ha temporaneamente vietato la legge sulla regolamentazione dei social media del Texas

In uno straordinario allineamento, il giudice capo John Roberts, Stephen Fryer, Brett Kavanaugh, Amy Connie Barrett e Sonia Sotomayor erano i cinque giudici della maggioranza.

La giustizia liberale Elena Kagan si è unita ai giudici conservatori Samuel Alito, Clarence Thomas e Neil Korsch, che avrebbero respinto la richiesta.

Perdita per ordine della Corte Suprema del Texas. Il governo ha sostenuto che l’HB 20, la sua legge che vieta alle grandi società di social media di bloccare, vietare o declassare i propri post o account, non ha violato il Primo Emendamento.

La maggioranza non ha spiegato il proprio pensiero e Kagan non ha espresso la propria ragione per consentire il rispetto della legge.

Ma Alito, che ha scritto per sé, Thomas e Korsch, ha criticato la decisione della maggioranza. Ha affermato che il caso solleva questioni “molto importanti” sulla legge del Texas, che “spezza la leadership” e “rappresenta il potere delle organizzazioni di social media dominanti di plasmare il dibattito pubblico sulle questioni chiave del giorno”. Non si è formato una “visione ferma” delle questioni legali del romanzo derivanti dalla legge, ma ha insistito sul fatto che non si sarebbe fatto avanti per bloccare la legge “in questa fase del procedimento”.

“Il Texas non ha bisogno dell’approvazione preventiva dei tribunali federali prima che le sue leggi possano entrare in vigore”, ha scritto Alito.

Gli oppositori dell’HB 20, incluso il Dipartimento della tecnologia, hanno affermato che la legge viola i diritti costituzionali delle piattaforme tecnologiche di prendere decisioni editoriali e di evitare il controllo del governo.

Il governo ha sostenuto che HB 20 non ha violato il Primo Emendamento perché la legge cerca di regolamentare il comportamento dei siti tecnologici nei confronti dei loro utenti, non i discorsi delle aziende, e cerca di nominarli come “trasportatori comuni” simili alle ferrovie e alle compagnie telefoniche. .

READ  La Corea del Nord affronta un'epidemia durante la guerra del governo

Il caso più ampio è visto come un’ora per l’industria dei social media e i siti tecnologici possono decidere se rimisurare la loro classificazione dei contenuti più del Texas e consentire il contenuto più ampio che i loro termini attualmente vietano.

La Computer and Communication Industry Association, uno dei gruppi dietro la petizione urgente, ha affermato che la decisione conferma la politica di libertà di parola del governo, vecchia di oltre 200 anni, contro la violazione della parola personale.

“Apprezziamo l’assicurazione della Corte Suprema che le protezioni del Primo Emendamento, incluso il diritto alla libertà di parola, saranno mantenute durante la sfida legale alla legge sui social media del Texas”, ha affermato il presidente della CCIA Matt Schruers. “La Corte Suprema ha rilevato i rischi costituzionali di questa legge, che è importante non solo per le società online e la libertà di parola, ma anche per la politica chiave per le democrazie”.

La CNN ha contattato il procuratore generale del Texas Ken Paxton e ha commentato.

In una controversia separata, un’altra corte d’appello federale ha sospeso una legislazione simile al di fuori della Florida, il che ha creato una spaccatura rotonda sulla questione. Spesso, è più probabile che la Corte Suprema sia coinvolta in una controversia se i tribunali di grado inferiore sono in conflitto diretto.

La legge del Texas è stata contestata da una giuria di avvocati che rappresentano il Dipartimento di Tecnologia.

Negli atti del tribunale, i gruppi hanno definito la legge un “attacco senza precedenti all’intento editoriale di siti Web privati”. “Avvertono che la propaganda russa secondo cui l’occupazione russa dell’Ucraina è giustificata, che la campagna dell’ISIS, che afferma che il terrorismo è una garanzia, costringerà i siti a diffondere ogni sorta di opinioni discutibili, come le truppe neonaziste o del KKK che rifiutano o sostengono il Olocausto…”

READ  Pronostico Warriors vs Celtics, selezione, contraddizioni, diffusione, Serie 3 per la finale NBA 2022

In risposta, il procuratore generale del Texas Ken Paxton ha affermato che HB 20 non violava i diritti di parola dei siti tecnologici.

La causa è stata probabilmente finanziata da un certo numero di partiti, tra cui la Lega anti-diffamazione e la NAACP. I contenuti grafici, dannosi, odiosi e fraudolenti non sono di alcuna utilità per le persone attualmente coinvolte in quelle comunità. “

Anche un gruppo di stati guidati dalla Florida ha intentato una causa contro la legge del Texas. Il riassunto di Friend-of-the-Court, scritto da una dozzina di stati tra cui Alabama, Arizona, Kentucky e Carolina del Sud, riflette come la battaglia legale sull’HB 20 abbia subito cambiamenti a livello nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.