Judd Apatow sostiene che gli studi hanno in programma uno sciopero degli scrittori “esistenziale”

Il regista ha anche descritto il “dilemma esistenziale” affrontato dagli scrittori: “Nessuno può sopravvivere facendo questo”.

Judd Apatow pensa che gli studi e gli streamer abbiano già un’idea di quando finirà lo sciopero degli scrittori.

“Penso che sappiano già cosa piegheranno”, ha detto Apatow Varietà Sabato al Rock4EB di beneficenza a Malibu. “Presumo che sappiano già in quale data finirà. Probabilmente l’hanno pianificato per anni.

Lo scrittore-regista ha fatto eco ai commenti ascoltati ai picchetti a Los Angeles e New York dopo che la Writers Guild of America e l’Alliance of Motion Picture and Television Producers and Writers hanno iniziato uno sciopero martedì. Apatow ha spiegato che vede lo sciopero come una mossa d’affari calcolata dai più grandi capi di Hollywood.

“Penso sempre che qualunque cosa accada, probabilmente l’hanno già capito. Quando queste cose finiscono, non dici mai, ‘Capisco perché ci è voluto così tanto tempo.’ Non è qualcosa di così fantasioso e sorprendente da farti pensare: “Oh, la gente ha dovuto andare in guerra per mesi”. È sempre stata una posizione molto ovvia”, ha detto Apatow. “Quindi la cosa spaventosa è che c’è una soluzione, ma tutti gli interessi commerciali sono nell’ottenerlo rapidamente. Non sono sicuro che siano interessati “.

Ha condiviso che mentre nessun progetto in produzione è stato direttamente colpito dallo sciopero, lo sciopero “colpisce tutto perché siamo in fase di sviluppo su molte cose, quindi devi fermarti… e poi una volta che lo sciopero sarà finito”. , tutti dicono: “Oh, ora abbiamo un equilibrio, non abbiamo bisogno di niente”.

“Questo aspetto complica tutto ciò che stiamo cercando di fare”, ha continuato Apatow. “Non siamo nel bel mezzo di nient’altro che scrivere.”

READ  Prezzi del petrolio: greggio Brent, WTI in rialzo dopo che i produttori dell'OPEC hanno annunciato tagli alla produzione

Apatow afferma che gli studi e gli streamer non vedono gli scrittori come parti essenziali dei loro giochi finali. “Siamo come i dipendenti di Twitter, e se volessero risparmiare denaro, licenzierebbero l’80% della loro forza lavoro”, ha detto. “Ecco perché è un problema esistenziale. Se non c’è un ecosistema di scrittori, nessuno imparerà a farlo. Nessuno sopravviverà facendolo. E poi tutti diranno: ‘Okay, scriverò videogiochi, farò TikTok a casa e diventare un influencer.'” Ci sono molte persone creative che possono farlo, quindi non vuoi che l’intero sistema crolli.

Ha detto che la parte maggiore del finanziamento richiesto dalla WGA non è avida e cerca di arricchirsi.

“Ora abbiamo un sistema che non premia il successo di molti di questi progetti”, ha affermato Apatow. “Se fai qualcosa e un miliardo di persone lo vede, non farai più soldi di quanto sia un disastro, giusto? Non va bene per la creatività perché toglie molta motivazione alle persone creative perché le persone lavorano così duramente per creare una sorta di cuscino per le loro vite. Tutto il nostro lavoro si concretizza. I successi pagano quando le cose non vanno bene. A volte vanno bene, a volte no, ma puoi convivere con i tempi in cui hai scritto molti avanzi. [fees paid out]. È sempre un affare noioso. Ma se togli la maggior parte dei cardini, è una carriera a cui la maggior parte delle persone non può sopravvivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *