Italia, Florida: Si prevede che la tempesta tropicale si intensificherà rapidamente, minacciando di trasformarsi in un uragano di categoria 3.



CNN

I funzionari hanno affermato che la Florida si trova ad affrontare un “forte impatto” poiché si prevede che la tempesta tropicale Idalia si rafforzerà rapidamente fino a diventare un potente uragano di categoria 3 e minaccerà la costa del Golfo con pericolose tempeste e venti.

Si prevede che l’Italia si intensificherà nelle prossime ore prima di approdare nel Sunshine State mercoledì mattina vicino a Big Bend, in Florida – un raro evento di coste naturali colpite da mareggiate che si estendono da Tampa fino a sud di Tallahassee. .

“L’Italia potrebbe diventare un uragano questa mattina e si prevede che diventi un grande uragano all’inizio di mercoledì,” Centro nazionale degli uragani disse.

La tempesta ha venti massimi sostenuti di 70 mph e si trova a circa 190 miglia a sud-ovest di Dry Tortugas, con condizioni di tempesta tropicale previste martedì mattina, ha detto l’Hurricane Center 2 in un aggiornamento di martedì.

“Sarà un grande uragano”, ha detto lunedì il governatore Ron DeSantis in una conferenza stampa.

Sul suo percorso attuale, si prevede che il centro dell’Italia passerà presto vicino o sopra Cuba occidentale, attraverserà martedì il Golfo del Messico orientale, mercoledì lungo la costa del Golfo della Florida – e i suoi impatti potrebbero presto essere avvertiti dalle Florida Keys. A partire da martedì.

Solo la Florida ne risentirà l’impatto. Dopo che la tempesta si è abbattuta, venti dannosi e forti piogge si diffonderanno nell’entroterra della Florida, in parti della Georgia e della Carolina.

Si prevede che la costa occidentale della Florida, la penisola della Florida, la Georgia sud-orientale e la Carolina orientale riceveranno da 4 a 8 pollici di pioggia da martedì a giovedì – e sono possibili allagamenti nelle strade.

READ  Il democratico Thomas Suozzi ha lanciato un'offerta per spodestare Jorge Santos

Mentre la tempesta si dirige verso la Florida, si sono osservati miglioramenti in tutto lo stato. Ecco l’ultima:

  • Gli aeroporti sono chiusi: L’aeroporto internazionale di Tampa sospenderà tutte le operazioni commerciali a partire da martedì e rimarrà chiuso fino alla fine della settimana per valutare eventuali danni, hanno annunciato i funzionari dell’aeroporto. Il terminal dell’aeroporto internazionale di St. Pete-Clearwater chiuderà martedì pomeriggio.
  • Evacuazione in almeno 10 distretti: Le contee di Hillsborough, Franklin, Taylor, Levy, Citrus, Manatee, Pasco, Hernando, Pinellas e Sarasota hanno tutte invitato i residenti a evacuare alcune aree a rischio.
  • Le scuole saranno chiuse: 32 distretti scolastici della contea hanno deciso la chiusura, così come diversi college e università, tra cui la Florida State University, l’Università della Florida e la Florida A&M University.
  • È stata dichiarata un’emergenzaLunedì mattina DeSantis ha esteso la dichiarazione di emergenza a 46 delle 67 contee della Florida. Anche diverse giurisdizioni locali hanno dichiarato lo stato di emergenza.
  • È stata attivata la Guardia Nazionale della Florida: più di 5.000 uomini della Guardia Nazionale sono stati attivati ​​per aiutare a superare la tempesta.
  • Le navi della Marina americana iniziano a partireLe navi della Marina hanno iniziato a lasciare la Florida, prima dell’arrivo della tempesta tropicale Italia, ha detto lunedì la Marina.
  • Sono previste interruzioni di corrente: DeSantis ha detto ai residenti di prepararsi a rimanere senza elettricità. “Se vi trovate sul percorso della tempesta, dovreste aspettarvi interruzioni di corrente, quindi per favore preparatevi”, ha detto domenica ai residenti il ​​governatore.
  • Servizi sospesi dal sistema ospedaliero: I pazienti verranno trasferiti da almeno tre ospedali: HCA Florida Pasadena Hospital, HCA Florida Trinity West Hospital e HCA Florida West Tampa Hospital.
READ  Copertura in diretta dell'inchiesta per duplice omicidio

“Vogliamo che tutti prendano sul serio questa tempesta”, ha detto il capo dei vigili del fuoco di Tampa, Barbara Tripp, durante una conferenza stampa.

Il capo dei vigili del fuoco ha chiesto ai cittadini di rimuovere i detriti dalle proprietà e di fare attenzione ai vicini che hanno bisogno di aiuto prima dell’arrivo della tempesta.

“Una volta che il vento raggiunge una certa velocità di un miglio orario, i vigili del fuoco di Tampa non saranno in grado di rispondere”, ha avvertito Tripp.

Si prevede che la tempesta si rafforzerà rapidamente mentre seguirà il Golfo del Messico, attingendo ad alcune delle acque più calde del pianeta prima di approdare in Florida.

Se lo farà, si aggiungerà a una lista crescente di tempeste devastanti come l’uragano Ian, che ha raso al suolo la costa della Florida e ucciso più di 100 persone – e si è rapidamente intensificato negli ultimi anni prima di toccare terra.

L’Italia rappresenta un “rischio significativo” per l’evento, ha avvertito lunedì il National Hurricane Center, mentre attraversa il Golfo del Messico.

Le temperature dell’acqua intorno al sud della Florida sono salite a oltre 100 gradi Fahrenheit in alcune aree quest’estate, e le temperature complessive nel Golfo sono state record, sufficienti a sostenere un rapido rafforzamento.

Il Big Bend della Florida ha il potenziale per mareggiate pericolose per la vita fino a 12 piedi, solo per essere peggiorate da onde spinte da venti di uragano di 100 mph.

L’ondata di tempesta, ovvero quando una tempesta si scatena in mare, è uno degli aspetti più pericolosi di un uragano e la ragione della maggior parte dei canali di scolo delle tempeste.

READ  Aggiornamenti live sulla guerra Russia-Ucraina: il bombardamento russo uccide 2 persone a Kherson

Cedar Key potrebbe essere interrotta da una forte tempesta, ha affermato Jamie Rome, vicedirettore del National Hurricane Center.

“Sono particolarmente preoccupato per loro”, ha detto Rome durante una teleconferenza live su Facebook. Un’intera isola può essere completamente tagliata fuori da tali condizioni.

Roma sottolinea che restano in vigore gli ordini di evacuazione emessi lungo le coste a causa della mareggiata.

Secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration, le mareggiate rappresentano quasi la metà dei decessi legati agli uragani.

È improbabile che le inondazioni avvengano solo nelle zone costiere.

Le aree interne dove le persone potrebbero evacuare potrebbero subire pericolose inondazioni e forti piogge dall’Italia.

Andrew Kruskiewicz, ricercatore senior presso la School of Climatology della Columbia University, avverte che i rischi legati alle forti piogge potrebbero verificarsi anche a 100 miglia di distanza dal punto in cui si è formato il centro della tempesta.

“È qualcosa che stiamo vedendo sempre di più, ed è un collegamento con il cambiamento climatico perché stiamo vedendo più cicloni tropicali umidi e cicloni più umidi”, ha detto alla CNN. “Dobbiamo quindi prestare maggiore attenzione ai rischi associati alle precipitazioni estreme, soprattutto nelle zone lontane dalla costa.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *