Israele ha dichiarato una “pausa” nel sud della Striscia di Gaza e ha consentito gli aiuti ma non ha abbandonato l’offensiva di Rafah

Hatem Khaled/Reuters/File

I palestinesi si riuniscono per ricevere cibo cotto da una cucina di beneficenza a Rafah, nel sud di Gaza, l’8 maggio 2024.


Gerusalemme
CNN

L’esercito israeliano ha annunciato una “pausa tattica” delle operazioni militari lungo una rotta nel sud di Gaza che consentirebbe la consegna degli aiuti, ma ha insistito che non fermerà i combattimenti dentro e intorno a Rafah, nel sud di Gaza.

La sospensione è iniziata sabato e consentirà ai camion di viaggiare dal valico di Kerem Shalom a Salah al-Din, il principale punto di ingresso degli aiuti che arrivano nel sud di Gaza, tra le 8:00 e le 19:00 ora locale fino a nuovo avviso. Strada e verso nord, ITF.

La campagna israeliana a Gaza ha alimentato una crisi umanitaria. A Kerem Shalom si è verificata una carenza di aiuti a causa degli attacchi aerei e dei combattimenti in gran parte del sud di Gaza.

L’IDF ha designato il percorso da Kerem Shalom ad Al Bayuk e all’ospedale europeo di Khan Yunis aperto durante il giorno solo per gli aiuti umanitari. L’operazione sarà condotta in coordinamento con le organizzazioni internazionali come parte degli sforzi per aumentare la quantità di aiuti che raggiungono Gaza.

Ma subito dopo aver annunciato la mossa, le Forze di difesa israeliane (IDF) hanno detto che “i combattimenti continuano a Rafah” e hanno aggiunto che “non c’è stato alcun cambiamento nell’ingresso delle merci nella Striscia”.

I feroci combattimenti a Rafah sono continuati domenica mentre Israele cerca di distruggere Hamas a Gaza, un funzionario della protezione civile di Gaza ha detto alla CNN che pesanti combattimenti erano in corso nei quartieri di Rafah ovest.

READ  Le azioni di Kava aumentano al debutto commerciale. Forse avvierà lentamente il mercato IPO.

di sabato, Otto soldati dell’IDF sono stati uccisi Vicino alla città si è verificato uno degli incidenti più mortali della guerra per le truppe israeliane.

Scott Anderson, direttore degli affari dell’UNRWA a Gaza, ha accolto con favore la “pausa tattica”, dicendo alla CNN: “Siamo molto fiduciosi che questa lunga pausa ci permetterà di muoverci liberamente avanti e indietro ogni giorno”.

Ma un portavoce del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia ha avvertito che la sospensione non sostituirà un cessate il fuoco. “Purtroppo non lo so [how long the pause will last]È una questione che riguarda la potenza occupante, Israele e il suo esercito”, ha affermato James Elder.

Nel frattempo, le critiche alla “pausa tattica” da parte di alti funzionari israeliani, tra cui il primo ministro Benjamin Netanyahu, hanno sollevato dubbi su chi l’abbia ordinata.

Secondo un funzionario israeliano, Netanyahu non era felice quando ne ha sentito parlare per la prima volta.

Netanyahu ha poi contattato il suo segretario militare e ha detto che l’idea era inaccettabile finché non avesse promesso che i combattimenti sarebbero continuati a Rafah, ha detto il funzionario, che ha parlato domenica alla CNN, a condizione di anonimato.

Il ministro della Difesa israeliano Ben Quir, uno dei principali esponenti di destra del governo, ha condannato la sospensione. “Chiunque decida una ‘pausa tattica’ ai fini di una transizione umanitaria, soprattutto in un momento in cui i nostri migliori soldati cadono in battaglia, è un malvagio e uno sciocco che non dovrebbe rimanere al suo posto”, ha detto. .

Dai un’occhiata a questo contenuto interattivo su CNN.com

La distribuzione degli aiuti annunciata da Israele arriva mentre i musulmani a Gaza celebrano l’Eid al-Adha con piccoli pasti. L’Eid-ul-Adha inizia domenica sera e termina giovedì 20 giugno.

READ  John Cormack lascia Metta con una nota in cui critica le prestazioni della compagnia

I gruppi per i diritti umani hanno descrittonon posso dirloLe condizioni di vita dei palestinesi a Gaza dopo otto mesi di bombardamento israeliano, con oltre il 75% della popolazione sfollata, Secondo Onu per i rifugiati palestinesi all’Organizzazione (UNRWA). La campagna militare di Israele ha raso al suolo quartieri, danneggiato infrastrutture sanitarie e tagliato le forniture di cibo, acqua e carburante.

Secondo i dati del Ministero della Sanità di Gaza, più di 37.000 persone sono state uccise negli attacchi israeliani a Gaza. Il conflitto nell’enclave è iniziato in seguito agli attacchi del 7 ottobre del gruppo militante palestinese Hamas nel sud di Israele che hanno ucciso circa 1.200 persone e preso 250 ostaggi.

Secondo l’UNRWA, più di 50.000 bambini a Gaza hanno ora bisogno di cure per una grave malnutrizione. Posta Sabato alle X.

“Con le continue restrizioni all’accesso umanitario, la popolazione di #Gaza continua ad affrontare la fame acuta. Oltre 50.000 bambini necessitano di cure per una grave malnutrizione.

Il mese scorso, Israele ha intensificato le sue operazioni di terra nel centro di Rafah, costringendo centinaia di migliaia di persone già sfollate a fuggire dalla zona.

Amir Cohen/Reuters/File

I camion egiziani che trasportano aiuti umanitari si dirigono verso la Striscia di Gaza al valico di Kerem Shalom il 30 maggio 2024.

Si stima che gli sfollati interni palestinesi siano concentrati in un’area di 69 chilometri quadrati (27 miglia quadrate), meno di un quinto del territorio.

Gli aiuti sono arrivati ​​a Gaza via terra, via mare e via aerea dall’inizio della guerra, ma pochi punti di ingresso rimangono operativi. Sono Kerem Shalom al confine meridionale di Gaza e West Erez a nord.

READ  Goodhue, l'intero dipartimento di polizia del Minnesota si dimette per la paga

Le agenzie umanitarie affermano che le rotte terrestri sono il modo più rapido ed efficace per portare aiuti a Gaza. Ma anche se gli aiuti affluiscono a Gaza, ci sono molti problemi con la distribuzione in tutta Gaza, poiché i convogli richiedono il permesso israeliano, molte strade sono gravemente danneggiate e la sicurezza è spesso una sfida.

Gli sforzi per portare aiuti via mare hanno vacillato dopo che l’esercito statunitense ha dichiarato venerdì che sarebbe stato temporaneamente smantellato. La nave umanitaria è stata costruita al largo delle coste di Gaza A causa del mare mosso.

Questa è la seconda volta in poche settimane che il fragile sistema navale e terrestre, noto come Joint Logistics Over the Shore, o JLOTS, è stato spostato nel porto israeliano di Ashdod.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *