Incendio in Kuwait: 49 persone, tra cui 40 indiani, sono morte in un incendio scoppiato in un complesso residenziale

  • autore, Di Robert Green
  • azione, Londra
didascalia dell’immagine, Molti dei residenti dell’edificio provengono dagli stati del Kerala e del Tamil Nadu

Almeno 40 indiani, tra cui almeno 40 indiani, sono stati uccisi in un incendio scoppiato in un edificio residenziale a Mangaf, in Kuwait, ha detto il ministero indiano degli Affari esteri.

Mercoledì è scoppiato un incendio in un edificio che ospitava decine di lavoratori.

Un video condiviso sui social mostra la parte inferiore dell’edificio avvolta dalle fiamme e un denso fumo nero che si leva dai piani superiori.

I funzionari hanno detto che molte delle vittime provenivano dagli stati dell’India meridionale del Kerala e del Tamil Nadu. Sono rimasti feriti anche circa 50 indiani.

Il primo ministro indiano Narendra Modi ha espresso le sue condoglianze ai defunti e alle loro famiglie.

“L’incendio a Kuwait City è triste”, ha detto a X.

“I miei pensieri vanno a tutti coloro che hanno perso i propri cari. Prego per la pronta guarigione dei feriti”.

Ha detto che l’ambasciata indiana sta monitorando la situazione e sta lavorando con i funzionari sul posto.

Il sottosegretario Kirti Vardhan Singh, partito per il Kuwait giovedì mattina, ha detto che si stanno effettuando test del DNA per identificare le vittime.

“Un aereo dell’Aeronautica Militare è pronto. Una volta identificati i corpi, i parenti più prossimi saranno informati e il nostro aereo dell’Aeronautica porterà i corpi”, ha detto all’agenzia di stampa ANI.

didascalia dell’immagine, Il fuoco ha inghiottito i piani inferiori dell’edificio

“Purtroppo è stata l’avidità dei proprietari a portare a questo”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters Sheikh al-Sabah, che è anche ministro degli Interni.

“Stanno infrangendo le regole e questo è il risultato delle violazioni.”

L’incendio è scoppiato mercoledì alle 06:00 ora locale (03:00 GMT), ha detto alla televisione di stato il portavoce del ministero dell’Interno, il maggiore generale Eid al-Ayhan. Successivamente è stato messo sotto controllo.

Un testimone oculare, Manikandan, dello stato indiano del Tamil Nadu, ha detto alla BBC Tamil che molti lavoratori facevano turni di notte.

“Alcune delle persone che sono tornate in quell’appartamento la mattina presto stavano tornando dal lavoro e dalla cucina”, ha detto.

“Una volta scoppiato, l’incendio si è diffuso rapidamente. Gli occupanti dell’edificio non sono riusciti a controllare l’incendio.”

didascalia dell’immagine, Le immagini della scena mostrano l’edificio distrutto dal fuoco

I media locali hanno riferito che l’edificio aveva 196 lavoratori e potrebbe essere sovraffollato.

Un alto funzionario della polizia ha detto alla televisione di stato che “un gran numero” di persone si trovavano nell’edificio al momento dell’incendio.

“Decine sono stati salvati, ma sfortunatamente molti sono morti a causa del fumo inalato dall’incendio”, ha detto, aggiungendo che spesso venivano lanciati avvertimenti sul sovraffollamento in questi tipi di rifugi.

Si ritiene che tra le vittime non vi siano solo indiani ma anche pakistani, bengalesi, filippini e nepalesi.

Tuttavia, alcuni corpi sono stati bruciati in modo irriconoscibile, ha detto alla BBC il soccorritore Shamsuddin Kannet, e sarebbero necessari test del DNA.

I gruppi per i diritti umani hanno continuato a esprimere preoccupazione per le loro condizioni di vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *