'Incendio di cassonetti' per i rivali di Trump mentre la campagna si chiude in Iowa

“Praticamente un incendio nel cassonetto”, ha scherzato Doug Cross, un agente repubblicano che era capo dello staff dell'ex governatore dell'Iowa Terry Branstad. “I repubblicani sono davvero feroci tra loro. Non credo che questo aiuti nessuno dei due.

Nella sua ultima apparizione in tribunale, Trump ha trascorso gran parte del suo tempo nell’abbraccio amorevole di Fox News. Un giorno ha ripulito i commenti fatti a dicembre sull'essere un “dittatore”, dicendo: “Non sarò un dittatore”. Ha detto che ha in mente l'elezione del Vicepresidente. La sua campagna prevedeva già una grande vittoria: “Una vittoria è una vittoria”, ha detto ai giornalisti dopo il municipio uno dei principali consiglieri di Trump, Chris Lacivita. “Ma più di 12 [points] Penso che sia stata una serata fantastica.”

L'entourage di Trump, con indosso berretti da baseball bianchi e dorati, ha affascinato il pubblico, simboleggiando una dimostrazione di forza davanti ai caucus. L'ex presidente è apparso a suo agio durante il municipio, chiacchierando casualmente con i padroni di casa Bret Baier e Martha McCallum durante le pause pubblicitarie.

Sul palco dall'altra parte della città, Haley e DeSantis sapevano che era la loro ultima, migliore possibilità di sopraffare l'altro prima del giorno del caucus. Ma non è chiaro se abbiano fatto qualcosa per far cadere Trump.

Per due ore, Haley e DeSantis si sono analizzati a vicenda ininterrottamente sulla loro politica interna ed estera, sulle loro decisioni come governatori e sul tipo di hotel in cui hanno soggiornato. Haley sostiene di soggiornare al Residence Inns, di volare d'affari mentre prende in giro decine di migliaia di persone. I dollari delle donazioni, secondo lui, sono stati sprecati nella campagna di DeSantis. Lui “non ha niente da mostrare per questo”, ha detto.

READ  Conteggio dei voti in tempo reale: monitoraggio dei voti dei parlamentari

“Mantieni la calma”, ha detto David Kochel, stratega repubblicano di lunga data dell'Iowa, che era nella stanza mentre si svolgeva il dibattito.

“Entrambi sono stati più duri con Trump rispetto all'ultimo dibattito”, ha aggiunto Koechel, “e questo dovrebbe aumentare prima dei caucus di lunedì”.

Hanno preso di mira Trump, con Haley che ha definito il 6 gennaio un “giorno terribile” e DeSantis che ha scrollato le spalle alle argomentazioni legali avanzate dal team dell'ex presidente. Ma la maggior parte della loro attenzione era rivolta l'uno all'altro. Qualunque siano le critiche che hanno nei confronti di Trump, potrebbe essere troppo poco e troppo tardi per l’Iowa.

Gross, il candidato governatore del GOP nel 2002, ha detto che i repubblicani dell'Iowa che guardavano lo scontro hanno visto i due candidati “colpirsi a vicenda in testa con mazze da baseball” – un frequentatore indeciso del caucus che non era obbligato ad appoggiare nessuno dei due.

Haley e DeSantis si sono insultati a vicenda in altri dibattiti e in pista, ma lo scontro testa a testa di mercoledì è durato tutt'altro che due ore per la coppia. E l'odio reciproco dei due secondi classificati esplode in piena vista. Insistevano ripetutamente sul fatto che l'altro era un bugiardo, mentre le loro campagne e i super PAC allineati inondavano le caselle di posta dei giornalisti con le stesse righe.

Haley ha definito DeSantis “molto disperata” e ha collegato il sito web appena creato della sua campagna “DeSantisLies.com” non meno di 13 volte. DeSantis ha accusato Haley semplicemente di “fare ricerche”.

Ancora più importante, si sono criticati a vicenda più di Trump, che guida lo Stato con più di 30 punti.

READ  La polizia afferma che un insegnante di 6 anni è stato ucciso a Newport News, in Virginia

Le battute tra i due sul palco hanno indicato l'intensità della corsa per il secondo posto. Per DeSantis, un 2° posto o migliore in Iowa è considerato fondamentale per la sua sopravvivenza. Haley ha più respiro e deve tenersi stretto i sostenitori di Christie per vincere nel New Hampshire.

All'interno della sala spin dopo il dibattito, i surrogati di Haley e DeSantis hanno dovuto affrontare diverse domande da parte dei giornalisti sul motivo per cui i loro candidati trascorrevano la maggior parte del loro tempo sul palco attaccando l'altro. Hanno cercato di convincere i giornalisti che la lotta nel fango faceva parte di un piano strategico più ampio.

Sono sotto di 30 punti a quattro giorni dalla fine, ha detto un giornalista all'ex rappresentante del GOP Will Hurd, che ha abbandonato la corsa presidenziale lo scorso autunno per sostenere Haley. Aveva senso che si insultassero mercoledì sera?

“Beh, penso che entrambi abbiano criticato Donald Trump stasera”, ha risposto Hurd. “Penso che dire che non sono critici significhi travisarli entrambi sul palco.”

Bob Vander Platts, un leader evangelico nello stato che ha sostenuto DeSantis, ha riconosciuto che gli insulti potrebbero non essere la tattica più efficace, ma ha difeso la performance di DeSantis.

“Sai, mio ​​padre mi ha detto molto tempo fa: 'Non ti costruisci abbattendo qualcuno'”, ha detto Vander Platts. “Ma allo stesso tempo, devi far emergere le impressioni delle persone su ciò che hanno detto.”

In misura significativa, Trump no. Giorni prima dei caucus, la domanda non è se vincerà in Iowa, ma di quanto. Il governatore del New Hampshire Chris Sununu, un critico di Trump, ha sostenuto Haley e ha condotto una dura campagna a suo favore.
Ribadito alla CNN
Mercoledì sera, ha detto che avrebbe sostenuto Trump se fosse diventato di nuovo candidato al GOP, anche se all’epoca fosse stato condannato.

READ  La NCAA propone di creare una nuova sottosezione con compenso diretto per gli atleti

Mercoledì all'evento del municipio di Trump, Denise Best, residente a Des Moines, che aveva partecipato al municipio di DeSantis la sera prima, gli ha posto una domanda. Più tardi, ha detto, ha discusso dei candidati con i suoi amici del vicinato.

“Abbiamo fatto un caucus insieme e abbiamo parlato di tutto”, ha detto. “Io sostengo Trump. DeSantis, vorrei che avesse aspettato e si fosse scontrato con Trump.

Steven Shepard e Lisa Kashinsky hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *