In una visita senza preavviso in Iraq, il capo del Pentagono ha promesso di mantenere lì le truppe statunitensi

  • Austin, il più alto funzionario dell’amministrazione Biden, ha visitato l’Iraq
  • Dice che le truppe devono essere lì su invito del governo iracheno
  • Il viaggio arriva nel 20° anniversario dell’invasione guidata dagli Stati Uniti
  • Mira a sostenere la resilienza del Sudan contro l’influenza iraniana nel paese – esperti

BAGHDAD/ERBIL, Iraq, 7 marzo (Reuters) – Il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin ha compiuto martedì una visita senza preavviso in Iraq, quasi 20 anni dopo l’invasione guidata dagli Stati Uniti che ha rovesciato Saddam Hussein, e ha affermato che Washington si è impegnata a mantenere la sua presenza militare. Paese.

L’invasione del 2003 ha portato alla morte di decine di migliaia di civili iracheni e ha creato instabilità che ha aperto la strada all’ascesa dei militanti dello Stato islamico dopo che gli Stati Uniti hanno ritirato le proprie forze nel 2011.

Austin, il più alto funzionario dell’amministrazione del presidente Joe Biden a visitare l’Iraq, è stato l’ultimo comandante delle forze statunitensi lì dopo l’invasione.

“Le forze statunitensi sono pronte a rimanere in Iraq su invito del governo iracheno”, ha detto Austin ai giornalisti dopo l’incontro con il primo ministro iracheno Mohammad al-Sudani.

“Gli Stati Uniti continueranno a rafforzare ed espandere la nostra partnership a sostegno della sicurezza, stabilità e sovranità dell’Iraq”, ha affermato.

Ultimi aggiornamenti

Guarda altre 2 storie

Il Sudan ha successivamente affermato in una dichiarazione che l’approccio del suo governo è quello di mantenere relazioni equilibrate con i governi regionali e internazionali basati su interessi condivisi e rispetto per la sovranità, e che “la stabilità dell’Iraq è fondamentale per la sicurezza e la stabilità della regione”.

READ  Boeing ha interrotto le consegne di circa 737 MAX a causa di una nuova crisi dei fornitori

Gli Stati Uniti hanno attualmente 2.500 soldati in Iraq – e altri 900 in Siria – per aiutare a consigliare e assistere le truppe locali nella lotta contro lo Stato islamico, che ha conquistato il territorio in entrambi i paesi nel 2014.

Lo Stato islamico è ben lungi dall’essere la forza formidabile che era una volta, ma le cellule militanti sopravvivono in alcune parti dell’Iraq settentrionale e della Siria nord-orientale.

Simbolismo

La visita di Austin serve anche a sostenere il respingimento del Sudan contro l’influenza iraniana nel paese, hanno affermato ex funzionari ed esperti.

Le milizie sostenute dall’Iran in Iraq colpiscono periodicamente le forze statunitensi e la sua ambasciata a Baghdad con razzi. Nel 2020, gli Stati Uniti e l’Iran si sono avvicinati a un conflitto su vasta scala dopo che le forze statunitensi hanno ucciso il comandante delle Guardie rivoluzionarie iraniane, il generale Qassem Soleimani, in un attacco di droni.

“Penso che i leader iracheni condividano il nostro interesse affinché l’Iraq non diventi un terreno di gioco per il conflitto tra Stati Uniti e Iran”, ha detto un alto funzionario della difesa statunitense che ha parlato in condizione di anonimato.

Austin ha incontrato Nechirwan Barzani, presidente della regione del Kurdistan sudanese e iracheno, tra le dispute in corso tra il governo nazionale ed Erbil sugli scambi di bilancio e la condivisione delle entrate petrolifere, nonché tra i due principali partiti curdi che operano nel quasi-governo. Regione autonoma del Kurdistan.

“Erbil e Baghdad devono lavorare insieme per il bene di tutti gli iracheni ei leader curdi devono mettere da parte le loro divisioni e unirsi per costruire una regione curda irachena sicura e prospera”, ha detto Austin dopo il suo incontro con Barzani.

READ  Negli omicidi di Kilgoe Beach, un arresto ribalta un decennio di predestinazione

Austin ha condannato i “ripetuti attacchi transfrontalieri” dell’Iran contro l’Iraq.

L’anno scorso, Teheran ha lanciato missili contro basi di gruppi curdi nel nord dell’Iraq, accusata di aver organizzato proteste contro le sue restrizioni sulle donne, sfollando centinaia di curdi iraniani e uccidendone alcuni.

L’ex presidente George W. L’amministrazione Bush ha citato la sua convinzione che il governo del leader iracheno Saddam Hussein possedesse armi di distruzione di massa per giustificare la sua decisione di invadere l’Iraq. Le forze americane e alleate in seguito scoprirono che non esistevano tali scorte.

Tra 185.000 e 208.000 civili iracheni sono stati uccisi durante la guerra, secondo il Cost of War Project del Watson Institute for International Studies della Brown University.

Austin, l’ex comandante di tutte le forze statunitensi in Medio Oriente, ha affermato nel 2011 che gli Stati Uniti avevano raggiunto i propri obiettivi militari in Iraq.

Ma sotto l’ex presidente Barack Obama, gli Stati Uniti hanno inviato migliaia di truppe in Iraq e in Siria tre anni dopo per rafforzare la lotta contro lo Stato islamico.

Segnalazione di Idris Ali a Baghdad, segnalazione aggiuntiva di Amina Ismail a Erbil; Montaggio di Andrew Heavens, Angus MacSwan, Emilia Sithole-Madaris e Sharon Singleton

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *